Vegetariano? (No, grazie!)

13 Feb

Il vegetarianismo è una pratica, dal punto di vista evolutivo, molto recente, essendo in uso da non più di 600 anni prima di Cristo. Non esistono popolazioni di cacciatori-raccoglitori (popolazioni non dedite all’agricoltura, ma dedite quindi allo stile di alimentare che gli esseri umani hanno praticato per 2,5 milioni di anni prima della introduzione dell’agricoltura 10.000 anni fa) che siano vegetariani. Questi uomini posti di fronte alla scelta se mangiare proteine vegetali o animali optano sempre per la seconda scelta. Ed è comprensibile, le carni sono molto più dense di calorie e nutrienti a parità di peso. Non avrebbe senso dedicarsi a ricerche di cibo lunghe ed estenuanti quando vi è a disposizione un alimento molto più nutriente.

I reperti archeologici ci indicano chiaramente che gli esseri umani, per tutta la loro storia, hanno sempre mangiato la carne degli animali che riuscivano a cacciare. Gli studi con gli isotopi radioattivi sugli scheletri umani degli ultimi 2,5 milioni di anni ci dimostrano che le nostre ossa hanno caratteristiche enzimatiche identiche a quelle degli animali che fanno della carne l’elemento principale della loro dieta: siamo stati spesso carnivori di primo livello.

Oltre a ciò, se dal punto di vista evolutivo il vegetarianismo fosse alla base del nostro essere diventati uomini e fosse per così dire contenuto nel nostro DNA, vi dovrebbero essere le prove di questo nella nostra storia evolutiva. Prove che in realtà non esistono. Non esistono reperti archelologici, nè prove biochimiche che gli uomini vissuti prima dell’agricoltura (10.000 anni fa) avessero una dieta basata esclusivamente sulle piante.

Possibile che per 2,5 milioni di anni abbiamo mangiato di tutto solo per scoprire nell’ultimo 0.01% della nostra storia che abbiamo sbagliato tutto mangiando di tutto (scusate la cacofonia)?? Improbabile.

Ma se i vegetariani campassero più e meglio di noi? Questo fatto giustificherebbe senz’altro la scelta. In realtà uno studio di Key del 2009 coinvolgente oltre 30.000 persone, dimostra che i vegetariani muoiono per le stesse cose di cui muoiono i non vegetariani: non vi è alcun vantaggio a mangiare vegetariano. Naturalmente gli amanti del genere ci dicono che ci sono dei vantaggi a mangiare vegetariano. Attendiamo degli studi seri e di questa portata che ce lo dimostrino.

Qualche dubbio sulla bontà dell’essere vegetariani ci viene leggendo l’affermazione di diverse società scientifiche che ci dicono che le diete vegetariane vanno “adeguatamente preparate”. Che vorrà dire questa affermazione?  L’American Dietetic Association ci dice che in taluni casi bisogna usare una supplementazione o cibi fortificati. Ohibò, ma se la dieta vegetariana contiene tutto quello che ci serve perchè bisogna integrarla? Dove teneva l’uomo di Neanderthal le compresse di multivitaminico? Sotto il cuscino? In realtà le diete vegetariane e soprattutto quelle vegane e latto/ovo vegetariane richiedono spesso integrazioni per funzionare.

Vediamo nei dettagli.

La Vit B12 si trova in maniera significativa solo in fonti animali. Chi mangia solo piante diventa carente di questa fondamentale vitamina. Mi spiegate perchè madre natura ci ha creati vegetariani e non ci fa “funzionare” senza la Vit B12 che si trova solo nella carne? Forse siamo un animale diverso dagli altri che in natura trovano tutto quello che gli serve per sopravvivere?

Uno studio del 2003 del Dott Herrmann ci fa sapere che il 77% dei latto/ovo vegetariani è deficiente in Vit B12, mentre addirittura il 92% del vegani lo è.  Sono tantissimi gli studi che confermano questo fatto. La cosa diventa preoccupante se pensiamo che queste carenze nelle donne gravide si trasmettono ai figli, dal momento che il lattante non ha altra fonte di Vit B12 che il latte materno. Da madri carenti in Vit B12 nascono bambini con ritardi mentali e i più disparati difetti fisici di cu vi risparmio l’elenco.

Quando siamo carenti in Vit B12 comincia ad aumentare nel nostro sangue una sostanza che si chiama Omocisteina: è una sostanza tossica che sappiamo aumentare il rischio di malattie mentali, infarti, osteoporosi,  malattie dei vasi sanguigni e morte. Gli studi scientifici ci dicono che meno carne mangiano i vegetariani, più alto è il loro livello di omocisteina. L’omocisteina danneggia le cellule dei vasi sanguigni che sono direttamente a contatto col sangue: questo è il primo step di tanti che poi porteranno alla malattia coronarica (CHD). Una matanalisi del 2008 pubblicata sul Mayo Clin Proc conclude: “Each increase of 5 micromol/L in homocysteine level increases the risk of CHD events by approximately 20%, independently of traditional CHD risk factors.” (per ogni aumento di 5 micromol/l di omocisteina, la malattia coronarica aumenta del 20% a prescindere da altri rischi presenti). Ma, direbbe un vegetariano, se questo fosse vero dovremmo trovare che chi fa un’alimentazione vegetariana stretta muore più facilmente di CHV. Esiste, proprio su richiesta dei vegetariani (scherzo, ovviamente), un esperimento su grande scala a tale proposito: una bellissima terra, dove circa un terzo della popolazione è vegetariana. Questo posto si chiama India. E guarda caso gli indiani muoiono di CHD molto più che il resto del mondo e lo fanno ad una età più giovane.

I danni dell’omocisteina non si fermano qui. Colpiscono anche il sistema nervoso. Chi ha alti livelli di omocisteina nel sangue si ammala più facilmente di Parkinson, Alzheimer, demenza, depressione.

Anche riguardo alla salute delle ossa l’omocisteina fa i suoi danni, aumentando la possibilità di fratture. Non si conosce bene il meccanismo, ma sembra che l’omocisteina danneggi il normale processo di mineralizzazione delle ossa e inibisca la formazione di nuovo tessuto osseo. La prova dell’implicazione della omocisteina nei problemi ossei l’abbiamo negli studi che dimostrano che dando vitamina B12 agli anziani si riduce di oltre il 35% il livello di omocisteina e la quantità delle fratture ossee.

Con la fertilità non va meglio. Bassi livelli di Vit B12 e folati, che causano aumenti della omocisteina nel sangue, creano un ambiente tossico per gli spermatozoi e gli ovuli femminili. Uno studio del 2009 dimostra che 1/3, 1/4 degli uomini e delle donne infertili hanno bassi livelli di Vit B12. Non solo, uno studio del 1986 mise 9 donne sane a dieta vegetariana per 6 settimane e 9 donne sane a dieta non-vegetariana per 6 settimane. Ebbene 7 delle 9 donne che mangiavano vegetariano smisero di ovulare. Insomma, se volete rimanere incinte mangiare vegetariano non è proprio la migliore idea che vi possa venire in mente. E le cose non vanno meglio per gli uomini. Le diete vegetariane provocano una carenza di Zinco. Non necessariamente a livello plasmatico ma sicuramente a livello intracellulare: voglio dire che se misurate lo zinco nel sangue dei vegetariani potreste trovarlo basso ma anche normale, ma se lo misurate dentro le cellule lo trovate sicuramente basso. Le diete vegetariane non sono necessariamente povere di zinco. Il problema è che lo zinco non è completamente bio-disponibile per la presenza di fitati nei cereali, legumi, soia (e di questo ne ho parlato parlato a lungo in altri post di questo blog). Lo zinco è importante per la fertilità degli spermatozoi. Gli uomini con lo zinco basso hanno pochi spermatozoi, spermatozoi malati e spesso anche bassi livelli di testosterone nel sangue.

L’alta presenza di fitati nelle diete vegetariane spiega perchè coloro che le seguono spesso fanno fatica a mantenere livelli adeguati di ferro, zinco e calcio.

La carenza di zinco, oltre alla fertilità, causa problemi immunitari, e altera i meccanismi antiossidanti.

Le carenze di Ferro non sono meno pericolose. Le donne gravide hanno più rischi in gravidanza, parti pretermine e bambini sottopeso. Nei bambini la carenza di ferro ha la potenzialità di causare ritardi nello sviluppo del sistema nervoso centrale e alterazioni della funzione mentale (quest’ultima anche negli adulti). Senza ferro il nostro cervello funziona male, siamo meno pronti e attivi. Oltre a questo, la carenza di ferro riduce le performance fisiche: ci si sente stanchi e non performanti. Coloro che vogliono difendere le diete vegetariane, per dimostrare che non vi è carenza di ferro vanno a misurare l’emoglobina e/o l’ematocrito, che però non sono dei parametri affidabili per sapere quanto ferro abbiamo veramente nel nostro corpo. Per saperlo dobbiamo misurare la ferritina, e guarda caso gli studi che valutano questo paramentro, nei vegetariani lo trovano basso o borderline.

Un’altra carenza molto ben nascosta dai fautori delle diete vegetariane è quella relativa alla Vit B6. All’apparenza sembrano non esserci problemi per i vegetariani. Le piante contengono buone quantità di Vit B6, come le carni. Il problema sta nel fatto, come dimostrano diversi studi, che la B6 contenuta nelle piante viene utilizzata dal nostro corpo solo per il 25%, il che determina una situazione di carenza: la ingeriamo ma non siamo in grado di utilizzarla se non in minima parte. Molto differente è invece il caso della B6 proveniente dalle carni: è quasi tutto utilizzata dal nostro corpo. La carenza di B6 aumenta, come per la Vit B12, la omocisteina nel sangue, oltre a indebolire il sistema immunitario e ad essere implicata in diversi casi di depressione.

Anche il rischio di deficienza di Iodio aumenta con le diete vegetariane. Il motivo è che lo iodio si trova soprattutto nella carne e nel pesce, non nelle piante. La carenza di iodio altera lo sviluppo mentale nei bambini. I bambini con carenza di iodio sono meno intelligenti degli altri.

Un’altra carenza molto diffusa nei vegetariani è quella di Vit D. Il più grande studio mai fatto sui vegetariani ci dice che le loro concentrazioni di Vit D sono basse. La Vit D è una delle vitamine più ricche di effetti benefici a tutto tondo sul nostro corpo, non solo in relazione al calcio. Essere carenti in Vit D, in pratica, accorcia la qualità e la durata della vita.

Altra fenomenale carenza nei vegetariani è quella relativa agli acidi grassi Omega 3. Questi acidi grassi sono assolutamente fondamentali per la buona salute di ognuno di noi. Se un medico potesse dare un solo consiglio nutrizionale ai suoi pazienti la scelta dovrebbe cadere nel consigliare un maggiore apporto di Omega 3: questo per dire la loro strabiliante importanza nell’alimentazione moderna. Gli Omega 3 più importanti sono : EPA, DHA e ALA. I primi due si trovano solo negli alimenti di origine animale, l’ALA invece si trova anche nelle piante. Il problema per i vegetariani, che sono carenti in Omega 3, è che l’ALA per fornire benefici deve prima essere trasformato in EPA e DHA: e il nostro organismo non è per nulla bravo in questa operazione, dal momento che riesce a trasformarne circa il 5% soltanto! Sono migliaia gli studi che dimostrano i benefici degli Omega 3. La lista dei benefici è lunghissima: si va dalla riduzione del rischio cardiovascolare, ai disordini alimentari, all’asma, alle malattie dell’intestino, alla depressione, alla psoriasi, al diabete etc etc. In pratica tutte le malattie infiammatorie si giovano dei benefici degli Omega 3. Gli Omega 3 si trovano nel pesce, nei frutti di mare, in certe carni. I vegetariani, insomma, non sono certo da invidiare, quanto ad Omega 3.

E direi, come dimostrano gli studi scientifici, neanche per tanti altri aspetti della loro nutrizione.

 

-Mortality in British vegetarians: results from the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC-Oxford).

Key TJ, Appleby PN, Spencer EA, Travis RC, Roddam AW, Allen NE.

Am J Clin Nutr. 2009 May;89(5):1613S-1619S. Epub 2009 Mar 18.

 

Vitamin B-12 status, particularly holotranscobalamin II and methylmalonic acid concentrations, and hyperhomocysteinemia in vegetarians.

Herrmann W, Schorr H, Obeid R, Geisel J.

Am J Clin Nutr. 2003 Jul;78(1):131-6.

 

-Homocysteine level and coronary heart disease incidence: a systematic review and meta-analysis.

Humphrey LL, Fu R, Rogers K, Freeman M, Helfand M.

Mayo Clin Proc. 2008 Nov;83(11):1203-12.

 

Vitamin B12 deficiency is associated with coronary artery disease in an Indian population.

Kumar J, Garg G, Sundaramoorthy E, Prasad PV, Karthikeyan G, Ramakrishnan L, Ghosh S, Sengupta S.

Clin Chem Lab Med. 2009;47(3):334-8.

 

Cobalamin deficiency, hyperhomocysteinemia, and dementia.

Werder SF

Neuropsychiatr Dis Treat. 2010 May 6;6:159-95.

 

Effect of folate and mecobalamin on hip fractures in patients with stroke: a randomized controlled trial.

Sato Y, Honda Y, Iwamoto J, Kanoko T, Satoh K.

JAMA. 2005 Mar 2;293(9):1082-8. Erratum in: JAMA. 2006 Jul 26;296(4):396.

 

Homocysteine concentrations in follicular fluid are associated with poor oocyte and embryo qualities in polycystic ovary syndrome patients undergoing assisted reproduction.

Berker B, Kaya C, Aytac R, Satiroglu H.

Hum Reprod. 2009 Sep;24(9):2293-302. Epub 2009 May 14.

 

International estimates of infertility prevalence and treatment-seeking: potential need and demand for infertility medical care.

Boivin J, Bunting L, Collins JA, Nygren KG.

Hum Reprod. 2007 Jun;22(6):1506-12. Epub 2007 Mar 21. Erratum in: Hum Reprod. 2007 Oct;22(10):2800.

 

Dieting influences the menstrual cycle: vegetarian versus nonvegetarian diet.

Pirke KM, Schweiger U, Laessle R, Dickhaut B, Schweiger M, Waechtler M.

Fertil Steril. 1986 Dec;46(6):1083-8.

 

alpha-Linolenic acid supplementation and conversion to n-3 long-chain polyunsaturated fatty acids in humans.

Brenna JT, Salem N Jr, Sinclair AJ, Cunnane SC; International Society for the Study of Fatty Acids and Lipids, ISSFAL.

Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2009 Feb-Mar;80(2-3):85-91. Epub 2009 Mar 9. Review.

 

B-vitamins and prevention of dementia.

Clarke R.

Proc Nutr Soc. 2008 Feb;67(1):75-81.

 

Assessment of iron deficiency in US preschool children and nonpregnant females of childbearing age: National Health and Nutrition Examination Survey 2003-2006.

Cogswell ME, Looker AC, Pfeiffer CM, Cook JD, Lacher DA, Beard JL, Lynch SR, Grummer-Strawn LM.

Am J Clin Nutr. 2009 May;89(5):1334-42. Epub 2009 Apr 8.

 

Public Health Nutr. 2011 Feb;14(2):340-6. Epub 2010 Sep 21.

Plasma concentrations of 25-hydroxyvitamin D in meat eaters, fish eaters, vegetarians and vegans: results from the EPIC-Oxford study.

Crowe FL, Steur M, Allen NE, Appleby PN, Travis RC, Key TJ.

 

Biol Trace Elem Res. 2009 Mar;127(3):228-33. Epub 2008 Oct 25.

Zinc and selenium nutritional status in vegetarians.

de Bortoli MC, Cozzolino SM.

 

Int J Androl. 2006 Apr;29(2):339-45.

Does folic acid and zinc sulphate intervention affect endocrine parameters and sperm characteristics in men?

Ebisch IM, Pierik FH, DE Jong FH, Thomas CM, Steegers-Theunissen RP.

 

Increased risk of iodine deficiency with vegetarian nutrition.

Remer T, Neubert A, Manz F.

Br J Nutr. 1999 Jan;81(1):45-9.

 

Iron supplementation maintains ventilatory threshold and improves energetic efficiency in iron-deficient nonanemic athletes.

Hinton PS, Sinclair LM.

Eur J Clin Nutr. 2007 Jan;61(1):30-9. Epub 2006 Jul 12.

 

Nutr J. 2010 Jan 25;9:4.

The effects of oral iron supplementation on cognition in older children and adults: a systematic review and meta-analysis.

Falkingham M, Abdelhamid A, Curtis P, Fairweather-Tait S, Dye L, Hooper L.

 

Zinc status of vegetarians.

Freeland-Graves JH, Bodzy PW, Eppright MA.

J Am Diet Assoc. 1980 Dec;77(6):655-61.

 

Effect of vegetarian diets on bone mineral density: a Bayesian meta-analysis.

Ho-Pham LT, Nguyen ND, Nguyen TV.

Am J Clin Nutr. 2009 Oct;90(4):943-50. Epub 2009 Jul 1.

 

Public Health Nutr. 2006 Sep;9(6):779-84.

Dietary intake of vitamin B6 and concentration of vitamin B6 in blood samples of German vegans.

Waldmann A, Dörr B, Koschizke JW, Leitzmann C, Hahn A.

Annunci

290 Risposte to “Vegetariano? (No, grazie!)”

  1. citizenkane 13/02/2012 a 21:48 #

    La carne è fondamentale nell’alimentazione umana. Io sono perplesso, invece, riguardo alla qualità delle carni che mangiamo: animali trattati con antibiotici e ormoni per farli aumentare di peso, eccetera. E temo che anche il latte e il formaggio contengano residui delle schifezze che vengono somministrate alle mucche per produrre più latte.

    • paola 14/02/2012 a 00:44 #

      la carne non è per nulla fondamentale nell’alimentazione umana. di recente una notissima casa di omogeneizzati per bambini,che usava dire nella sua pubblicità che “la carne era indispensabile per la crescita del bambino” ha dovuto dire che non è affatto vero,dopo le proteste degli animalisti,ed ha ritirato la pubblicità.Ci sono persone come Margherita Hack,persone che in quanto ad intelligenza mi scusi dottore ma non se ne può certo discutere,persone che non sono di sicuro “impazzite di colpo” come lei sostiene in questo articolo allarmista,perchè non mangiano carne.La signora Hack era anche un’atleta,ed è vegetariana da tutta la vita.Non ha MAI toccato la carne in vita sua.Ne vogliamo parlare di quanti anni ha la signora Hack dottore? Ne vogliamo parlare di come funziona il suo cervello e di come ha sempre funzionato il suo fisico? E questo è solo uno dei millerdesimi esempi che posso tirarle fuori di persone famose e non che non hanno mai visto la carne e che sono sanissime di mente e di corpo.Il veganesimo è un altro discorso,si può essere d’accordo o meno,è più estremo se vogliamo ma anche qui potrei farle milioni di esempi di gente vegana sanissima.Non solo,anceh di gente crudista sanissima.Di gente che non solo non ha mai visto la carne ma che alla veneranda età di ottant’anni non ha mai nemmeno cotto una verdura,o visto un latticino da lontano cosi come un uovo.Pregherei davvero le persone come lei di smetterla di fare allarmismo su una cosa che persino il mio medico curante ha giudicato “banale” come il non mangiare carne.Non starò a farne un discorso etico,non serve visti i presupposti,ma un discorso di salute si ed i fatti dottore danno ragione a noi vegetariani.

      • Andrea Luchi 14/02/2012 a 09:34 #

        Perchè i 300-400 milioni di indiani che sono vegetariani muoiono di patologia coronarica più che qualsiasi altra popolazione al mondo? Sono sfortunati?

      • Max 04/04/2013 a 13:42 #

        Ha dovuto dire che non è vero ed ha tolto la carne? Oppure ha solo tolto la pubblicità per evitare scontri con gli animalisti?
        La signora Hack è una sportiva! Condice una vita sana!
        Il nostro organismo ha la sorprendente capacità di adattamento. E’ questo che ci ha permesso di evolverci (diventando poi onnivori!)
        Continuo a sentir dire che la carne è dannosa, poi che non lo è, poi che lo è…se mangiassi solo carne probabilmente mi farebbe male! L’alimentazione corretta è varia! Un po’ di carne, un po’ di verdura, un po’ di frutta, legumi, uova, latte, ecc.! Abbiamo bisogno delle sostanze contenute in ognuno di questi elementi!
        Infatti concordo nel dire che (specialmente nelle donne incinte) alla dieta vegetariana o soprattutto vegana, vengono prescritti anche integratori e si cercano diete in grado di sopperire alla mancanza della carne!
        Concordo nel dire che noi ora consumiamo quantità esagerate di carne, macellando tantissimi animali dopo averli torturati, bombati di sostanze, per puro piacere. Ma l’evoluzione ha portato l’uomo ad essere onnivoro (e non da ieri, ma da milioni di anni), ed ora il nostro organismo necessita anche della carne!
        Se poi una persona non vuole mangiare la carne per pietà verso gli animali, per convinzione, ecc. ha tutta la mia approvazione! Ognuno è libero di fare le proprie scelte. Ma non mi venga a dire che io vado contro natura!

      • Giuliano 23/04/2014 a 19:38 #

        Anche Hitler era vegetariano…

      • Riccardo 16/08/2014 a 20:07 #

        Premetto che parlo per esperienza personale, ho cominciato a nutrirmi Paleo e posso testimoniare che i risultati da me ottenuti sono strabilianti. Sono Diabetico di tipo 2 ed i livelli di glucosio sono calati non appena ho cominciato questa dieta.
        ho perso in soli 4 mesi 8 kg di peso, girovita e grasso corporeo a circa il 12.5%. Prima di giudicare la Paleo Dieta come assurda, leggetevi il libro di Lauren Cordain (biochimico Americano) che che all’inizio dei suoi studi scoprii le cause che generavano le acne nei teenager occidentali.
        Leggete cosa sono le Lectine e le Saponine, cosa determinano nel nostro organismo. Poi potete dire anche la vostra opinione.
        Grazie dott. Lucchi.

      • Anonimo 20/10/2015 a 16:11 #

        viva i vegetariani questo medico non sa un tubo

    • Andrea Luchi 14/02/2012 a 09:31 #

      Sono perplesso anch’io. Infatti mangio carne di animali allevati ad erba.

      • Pino 16/02/2012 a 10:40 #

        – Scusi “Dottore”, ma cosa ne pensa delle cose dette dal Prof Veronesi, dal Dott. Berrino e dalla maggior parte degli oncologi mondiali che sono contrari all’alimentazione carnivora?

      • Laura 02/08/2013 a 17:25 #

        “Recent changes in
        lifestyle are reasons for the increase in CVD cases in India.
        A worrying fact is that CVD is also emerging in rural areas
        that have traditionally been free from such diseases”

        http://sajprevcardiology.com/vol7/vol7_4/whyiscoronary.htm

        certamente in un paese come l’India possono incidere anche alcune carenze (che dipendono però solo in parte dal fatto di essere vegetariani, vedi vitamina C, E, ecc.) sullo stato di salute. In ogni caso i fattori che possono incidere sono numerosi, e in un paese in via di sviluppo le carenze alimentari sono certamente più diffuse. Ad ogni modo i vegetariani possono incorrere in errori alimentari, così come gli onnivori (basta considerare la diffusione delle malattie cardiovascolari negli Stati Uniti..). Questo dipende dalle informazioni che la popolazione ha riguardo all’alimentazione.
        Vorrei precisare che:
        – relativamente alla vitamina D, questa si può sintetizzare nella pelle con l’esposizione alla luce solare, e quella sintetizzata d’estate nella maggioranza dei casi è sufficiente per tutto l’anno
        -in Italia la fonte principale di ferro sono gli alimenti di origine vegetale, non quelli animali (che, siamo d’accordo, ne contengono in forma meglio assimilabile), e si può migliorarne l’assorbimento con l’assunzione di vitamina C o acidi organici
        -per quanto concerne lo iodio, la raccomandazione di consumare sale iodato vale per tutta la popolazione, non solo per i vegetariani
        -la vitamina B12 si trova in vari alimenti di origine animale, non solo nella carne. i vegani vanno certamente incontro a carenza, i vegetariani possono essere a rischio se non consumano sufficientemente uova, ecc.
        -i folati sono a rischio per buona parte della popolazione, indipendentemente dal fatto che uno sia vegetariano o meno. comunque si trovano in diversi alimenti vegetali
        -lo zinco in formaggi, semi oleosi, ecc.
        -gli omega 3 possono rappresentare un problema per i vegetariani. consider4i però che è importante il rapporto tra omega 3 e omega 6, per cui le problematiche infiammatorie e cardiovascolari dipendono in buona parte dall’assunzione di omega 6, non dall’assunzione di omega 3 tout court. per un vegetariano è importante scegliere le fonti di omega 3 (olio di semi di lino, noci..), tra l’altro nelle donne (grazie agli estrogeni) c’è una maggior conversione di acido alfa-linolenico in EPA e DHA.

        Ora, non dico che sia meglio essere vegetariani o essere onnivori; dico solo che una dieta adeguata si può avere sia nei vegetariani che negli onnivori, principalmente grazie a una corretta informazione alimentare..

      • federica 19/08/2014 a 08:12 #

        ancora la bufala di Hitler… e se anche lo fosse stato (cosa ampiamente smentita con testimonianze, prove filmate e quant’altro) si potrebbe obbiettare che invece Stalin, Chikatilo, Saddam, Pinochet, Ted Bundy, Ed Gein, e milioni di altri..mangiavano animali!

      • Lazza 10/10/2015 a 18:47 #

        Pino, ancora con ‘sta leggenda? L’alimentazione carnivora non esiste. Le persone che si alimentano normalmente (dove “normale” significa secondo la natura per cui gli umani sono predisposti) seguono una dieta onnivora.

        Uno della propria alimentazione può fare quello che gli pare, può avere motivazioni relative al gusto personale o all’amore per gli animali. Ma venire a dire che la scelta di seguire l’alimentazione adatta al nostro organismo (cioè onnivora) non sarebbe naturale è semplicemente un insulto all’intelligenza.

        Il tuo virgolettare il titolo accademico dell’autore, poi, è veramente da saccente.

    • Valentina 26/01/2015 a 20:38 #

      Fondamentale de che? La carne non è fondamentale, allora io dovrei essere già morta come tutti gli altri. E di integratori non ne prendo.

    • Anonimo 27/06/2015 a 22:09 #

      Allora è fondamentale che continui mangiarla!

  2. Langoletto 14/02/2012 a 05:25 #

    Dottore, e qualche cifra riguardo colesterolo, trigliceridi, pressione arteriosa e acido urico?

    • Andrea Luchi 14/02/2012 a 09:42 #

      I miei trigliceridi sono più bassi del mio HDL (i trigliceridi, come dice la parola sono zuccheri trasformati in grassi). Mangiare un bel piatto di pasta è un bel modo per aumentare i trgiliceridi.
      Il colesterolo è invece soprattutto di produzione endogena, quindi c’entra poco l’alimentazione. Il mio è 200, nonostante mangi 20-25 uova alla settimana (del contadino, però, ricche di omega 3). E poi il colesterolo ha poco a che fare con quanto gli si attribuisce. I valori normali sono molto più alti di quelli solitamente consigliati secondo me.
      La pressione arteriosa nei cacciatori-raccoglitori è più bassa di quella nostra. La normalità, per loro è meno dei 120-80 che noi consideriamo ideale.

  3. dx89b 14/02/2012 a 09:36 #

    Io sono d’accordo con il dottore , l’evoluzione ci ha portati ad essere onnivori in migliaia di anni..perchè sostenere che questo è sbagliato, anche perchè sicuramente in tutti questi anni l’evoluzione ci a portato ad avere bisogno della carne.. quindi perchè bisogna essere sempre presuntuosi nel dire che non se ne ha bisogno… io vedo nel essere vegetariani la stessa stupidita di chi dice salviamo il pianeta salviamo la natura (l’uomo fa parte dell’ecosistema , magari il “pianeta” aveva bisogno della plastica per i fiumi e le polveri sottili nell aria .. per questo esistiamo) ..Quindi ragazzi smettiamola di essere presuntuosi e saccenti e lasciamo andare le cose come sono sempre andate.. perchè molto probabilmente è giusto che siano così.

    • serre 14/02/2012 a 10:28 #

      Passavo di qui e ho letto con interesse l’articolo. Non sono vegetariana, non sono animalista. Sono solo una di quelle che mangiano carne dispiacendosi per gli animali… il top dell’ipocrisia, si potrebbe dire. Per darmi un tono cerco di mangiare uova/carne -come dice Luchi- provenienti da allevamenti “sostenibili”.
      Leggendo il tuo commento, dx89b, sono rimasta un bel po’ a pensare: “Rispondo o non rispondo?”. Il tuo ragionamento mi ha talmente spiazzata, che non credo neanche valga la pena di polemizzare: vista l’incompatibilità dei nostri pensieri non si andrebbe comunque da nessuna parte.
      Quindi mi limito a dissentire, un po’ perplessa 🙂
      Saluti!

      • dx89b 14/02/2012 a 10:43 #

        serre, non dico che bisogna maltrattare la terra, dico solo che è da presuntuosi pensare di doverla salvare 🙂
        siamo parte di un sistema che va avanti da tanto tempo..e il nostro inquinamento non ucciderà sicuramente la terra .. al più ucciderà l’uomo, il che è più che normale le specie si estinguono e lo faranno sempre..(vedi dinosauri) .. quindi evitare l’inquinamento possiamo vederlo come un atto egoistico di preservare la nostra specie.. non salvare il pianeta.. comunque sono andato off-topic quindi mi fermo 🙂
        saluti!

      • serre 14/02/2012 a 10:55 #

        Non posso replicare alla tua replica quindi mi replico da sola 😛
        Grazie per il chiarimento, dissento comunque 😉
        Luchi, pardon per l’OT!

    • KrisTin@ 14/02/2012 a 21:08 #

      Ma ci credi veramente a quello che scrivi o è un modo che hai per giustificare il fatto che non hai nessuna intenzione di fare qualcosa per limitare al minimo i danni che stiamo facendo a questo pianeta???? Credo di non aver letto niente di più assurdo in vita mia … anzi forse si … ma questa credo che questa sia una delle più assurde.

      • dx89b 14/02/2012 a 21:26 #

        Ti sembra che ho detto che non bisogna limitare ?.. ho detto che quello che facciamo al nostro pianeta non è necessariamente un danno , credere che lo sia è solo presunzione..molte specie si estinguono ogni giorno.. e ne nascieranno di altre.. il pianeta non morirà per qualche miliardo di animali che stanno producendo plastica… basta un terremoto e qualche eruzione e poi sta meglio di prima.. è un sistema complesso e noi ne facciamo parte non lo controlliamo e tanto meno siamo in grado di salvarlo..tutti gli animali nei limiti delle loro possibilità mutano il pianeta .. ma questi cambiamenti sono cio che tengono il pianeta vivo.. quindi il nostro trasformare petrolio in plastica non è diverso dal processo che fanno le piante nel trasformare anidride carbonica in ossigeno…
        Noi uccidiamo noi stessi e non il pianeta ricordalo..!!

      • KrisTin@ 15/02/2012 a 00:59 #

        Beh … quoto quello che ho già scritto prima, ma a sto punto mi interessa sapere …. e quindi secondo te cosa dovremmo fare? o non fare?

      • dx89b 15/02/2012 a 08:11 #

        Pensare a salvare noi stessi noi stessi che tanto il pianeta se la cava lo stesso ti metto una citazione, è un comico , ma ha inquadrato il problema:
        “Lasciamo in pace la Natura, non abbiamo fatto abbastanza? Siamo così presuntuosi! Tutti vogliono salvare qualcosa adesso: salviamo gli alberi, salviamo le api, salviamo le balene, salviamo quelle lumache…
        E la più grande arroganza di tutte: salviamo il pianeta!
        Ma se non sappiamo ancora prenderci cura di noi! Non sappiamo prenderci cura l’uno dell’altro, come possiamo salvare il pianeta? ” – george carlin

      • KrisTin@ 15/02/2012 a 22:31 #

        Ah beh se lo ha detto George Carlin .. allora deve essere proprio cosi ….

      • dx89b 15/02/2012 a 22:37 #

        cosa ti fa pensare che george carlin dice fesserie ? non è uno scienziato è vero, è un comico, ma non per questo il suo pensiero non è condivisibile..
        In questo caso ha più che ragione, secondo me

      • Andrea Luchi 15/02/2012 a 10:31 #

        Quando si dice replicare con i fatti….

      • KrisTin@ 15/02/2012 a 22:35 #

        OTTIMA BATTUTA DOTTORE .. le sue teorie ( da Vegetariana) naturalmente non le condivido .. ma lei fa ottime batture 🙂

      • dx89b 15/02/2012 a 23:20 #

        non mi sembra di aver detto fesserie , lasciato perdere la cit di carlin, osservando il PIANETA possiamo vedere che sta bene come sta bene marte giove saturno eccetera, il pianeta non ha niente che non va , è un sistema in equilibrio, se tu tenti di cambiare qualcosa il pianeta si adatta a questo cambiamento. l’uomo un altra cosa che ha fatto negli ultimi anni è stato innescare il riscaldamento globale, bene, tra qualche millennio o milioni di anni il pianeta sarà più caldo avrà escursioni termiche maggiori , probabilmente l’uomo non esisterà più, e ci saranno invece esseri in grado di sopravvivere a quel clima , di respirare aria ricca di anidride carbonica eccetera. Come detto a quel punto probabilmente l’umanità non esisterà più ma il pianeta starà bene lo stesso..
        quello che volevo dire in tutti questi post (probabilmente mi sono espresso male, suscitando tutto questo scalpore) è che c’è della presunzione nel dire voglio salvare il pianeta , e del falso altruismo perchè quello che si vuole fare in fin dei conti è garantire la sopravvivenza dell’uomo… ma non ho mai detto che non bisogna fare niente .. dico solo che bisogna dire le cose come stanno.
        Saluti 🙂

      • KrisTin@ 18/02/2012 a 12:43 #

        Beh … diciamo che adesso mi stai già un pò più simpatico 🙂 Adesso se ne potrebbe pure ragionare 🙂 Cmq grazie per aver avuto voglia di precisare e spiegarmi il tuo punto di vista 🙂

      • LUANA 04/04/2013 a 15:22 #

        Infatti…ma ci saranno come puoi capire motivi economici dietro..te lo dico io..allora cercano in tutti i modi di deviare la gente..perche’ hanno paura dell’ aumento dei vegetariani nel mondo..sai medici farmacisti allevatori ecc poi..chissa come mai io ho sempre ammirato i vegetariani e volevo diventarlo perche erano piu’ sani e belli e non puzzavano di carne stantia,e non vanno mai all ‘ospedale chissa’ come mai..e io ho iniziato a mangiarne sempre meno gia’ da adolescente cioe’ una volta a settimana e non fritta poi una volta al mese e vedevo stavo benissimo poi una volta ogni 2 mesi e cosi via ,i fagioli ad esempio ti danno molta piu’ energia della carne e ferro..i nostri nonni mangiavano pane e fagioli minestre pasta e fagioli ecc e vivevano molto piu’ a lungo e non si ammalavano cosi ‘come adesso e ora io ho finito del tutto nel gennaio 2012 e sto ancora meglio e cosi moltissima gente che conosco ,mai stata malata ,poi io avevo in casa gente che la mangiava tutti i giorni ed e morta di tumori cuore colesterolo alle stelle a 30-40 anni osteoporosi fratture all anca prostata a 50 -60 anni.

    • carlo 31/10/2014 a 23:08 #

      E’ un ragionamento molto profondo, non so se per istinto o per considerazioni meditate, perché ha una parte antimetafisica che sfascia proprio il credo dei vegani: lo specismo. Riassumendo: l’uomo non ha un particolare dovere verso la natura essendo una specie come un’altra ma agisce come agirebbe un ratto, si moltiplica e la sfrutta (e forse anche crede di dominare il mondo che comprende) finché la natura non dice: basta, sei destinato ad estinguerti. Il contrario sarebbe veramente “specismo” (o metafisica) presupponendo nell’uomo una natura superiore che può “salvare” tutte le cose. E’ un messianismo da pezzenti. Cioè, intellettualmente è una cagata ma se uno si sente meglio così non sarò certo io a criticarlo.

    • Antonio 10/06/2015 a 02:52 #

      Oh che bella soluzione che hai trovato!
      Guarda caso è l’unica che ti mette a posto con te stesso e ti permette di continuare a nutrirti come hai sempre fatto, fregandotene praticamente di tutto.
      Sei libero di fare le scelte che vuoi nella tua vita, anche se queste appaiono evidentemente schierate verso la tua sacrosanta serenità e tranquillità.
      Ma almeno limitati nell’utilizzo di aggettivi nel giudicare chi ha ugualmente preso delle scelte che lasciano evidentemente trasparire un ben più alto desiderio di giustizia e correttezza nei confronti della vita, nonché una ben più alta maturità.
      Hai una visione un po troppo semplicistica e qualunquista delle cose, a mio modesto parere.

  4. Marco Bellante 14/02/2012 a 11:47 #

    La sua tesi è ben argomentata: l’uomo ha da sempre mangiato carne e questa l’ha mantenuto in salute. Spesso tuttavia, la scelta di una dieta vegetariana, non è dettata dal rispetto della vita animale o dal voler dimostrare che l’uomo può fare a meno della carne, bensì da un’attenzione verso il consumo di risorse del pianeta Terra terra causato da allevamenti animali intensivi non ecologicamente sostenibili. Io non sono vegetariano, tuttavia mangio il meno carne possibile per questo motivo.

    Cordialità

  5. valentina 14/02/2012 a 13:31 #

    Gentile dottore
    mi sono imbattuta casualmente nell’articolo e, prima di tutto, sono rimasta positivamente colpita dal fatto che un blog possa essere utilizzato come strumento di divulgazione di messaggi così seri e complessi. Il sapere alla posrtata di tutti insomma.
    Non riesco tuttavia a comprendere il messaggio che si vuole trasmettere con questo articolo: sembra vi sia insita un’avversità molto forte nei confonti del vegetarianismo.
    Al di là di tutte le spiegazioni scientifiche, è come se si volesse fare di tutto per convincere il lettore che il vegetariano è da evitare.
    L’elenco, molto lungo per la verità, di aspetti negativi è più che esauriente. Si rasenta il terrorismo psicologico! Possibile che esistano solo studi in supporto di questa teoria negativista? E possibile che nonostante siano studi conosciuti, si cerchi di ignorarli per crearsi degli alibi, cercando di autoconvencere (e autoconvincersi) che in realtà esistono diete vegetariane bilanciate e complete?
    In ogno caso, ci tengo a sottolineare che le ragioni che muovono a diventare vegetariani sono in molti casi di altra natura, ideologiche direi. Come ben si sa, infatti, l’uomo in tutti questi milioni di anni si è evoluto. E l’evoluzione porta a cambiamenti positivi. Possibile dunque che, grazie a questa evoluzione che in altri campi è così tanto elogiata – vedi la tecnologia – l’uomo abbia sviluppato capacità di pensiero indipendenti, che gli abbiano permesso di ragionare e riflettere individualmente. Portandolo in alcuni casi a decidere, nel proprio piccolo, di evitare ad altri esseri viventi maltrattamenti inflitti solo per vantaggi personali.

    • Andrea Luchi 14/02/2012 a 13:55 #

      Sì vi è una condanna dell’essere vegetariano in questo post. Semplicemente perchè essere vegetariano non fa bene alla salute. Naturalmente chi è vegetariano cerca tutte le razionalizzazioni per difendere la propria scelta. In alcuni casi è come una specie di religione. Ironicamente alcuni dei maggiori sostenitori della alimentazione paleolitica sono degli ex vegetariani che dopo anni passati a vivere in maniera subottimale hanno trovato una strada migliore. Robb Wolf che ha scritto La Paleo Dieta è un ex vegetariano, ad esempio. Ma non essere vegetariani è nel nostro DNA. Non possiamo decidere di non essere con un atto di volontà dimenticando la nostra natura, perchè il nostro corpo ne paga le conseguenze. Non possiamo dire al corpo “su…lasciamo perdere la carne perchè amo gli animali”, perchè al nostro corpo non frega nulla di questo, semplicemente comincerebbe a funzionare non bene come potrebbe.

      • valeria 27/03/2014 a 10:59 #

        Buongiorno Dott. Andrea Luchi,
        è singolare come, di giorno in giorno mi ritrovi a scoprire nuovi suoi stralci di pensiero (non riesco a leggere tutto il blog in una volta per mancanza di tempo) ed ogni volta spero di non aver compreso bene le sue tesi ed essermi sbagliata a valutarle ma poi mi devo fronteggiare con la realtà dei fatti. Siamo esseri umani liberi di decidere cosa sia meglio o peggio per noi e l’umanità attraverso il libero arbitrio. Spesso però, le nostre decisioni, che crediamo prese razionalmente, ci vengono invece suggerite da quella parte invisibile di noi che dai tempi dei tempi tutti conoscono come Anima. Ogni volta che l’Anima ci “parla” abbiamo la facoltà di ascoltarla o fare finta di non sentire e decidere di conseguenza. Sicuramente una decisione presa in accordo con i “suggerimenti” dell’Anima sarà una decisione in totale e completo discernimento. Supponiamo che ognuno di noi fosse in grado, come succedeva agli antichi molto più sensibili di noi perché meno sovrastrutturati, di percepire che il cammino dettato dell’Anima si rivolga in una direzione piuttosto che in un’altra, chi si arrogherebbe mai il diritto di giudicare questo cammino migliore o peggiore? Il nostro corpo, concetto che molti medici per non dire quasi tutti non valutano, è in completo e continuo contatto con la nostra Anima, anzi essi sono un tutt’uno 🙂 Ma volendo approfondire direi, come sostengono le culture orientali, che il nostro corpo riflette la nostra Anima (io credo in ciò che sto scrivendo quindi per me è facile comprendere il concetto ma se lei Dottore ritenesse, come è lecito, di non avere un’Anima allora può smettere serenamente di leggere in questo momento, continuare sarebbe inutile). Ogni sintomo manifesto è una visualizzazione di una frattura energetica generata nella nostra anima e nei corpi sottili e di conseguenza nei nostri centri energetici (Chakra). La fisicità, ciò che vediamo è l’ultima parte di noi stessi. Diceva bene il Piccolo Principe: “Questo che io vedo non è che la scorza. Il più importante è invisibile…” Supponiamo che io abbia una sensibilità tale che, nell’ascolto profondo della mia Anima le permettessi di guidarmi verso ciò che Lei ritiene meglio per me, e quel meglio fosse diventare vegetariana o vegana, come può la medicina, che ignora totalmente la connessione tra Anima e corpo, affermare che ciò che sto facendo è sbagliato? Dopo tutto Dott. Luchi, anche volendo trovare difetti alla dieta vegetariana, credo sia concorde con me e migliaia di suoi colleghi, che il consumo di carne è maggiormente dannoso di qualche piccola carenza alimentare facilmente colmabile, soprattutto al giorno d’oggi. La carne, come lei sa meglio di tutti noi vegani, fa male ed è cancerogena e allora io baratto volentieri un po’ di carenza alimentare, che tra l’altro io non ho (forse sono fortunata) per la salute. Ma tutto questo, purtroppo a primo avviso semplicistico concetto (per mancanza di tempo infatti i discorsi sull’anima non dovrebbero essere fatti in 5 minuti su un blog) non potrebbe essere credibile se io a questo punto non dicessi che anche lei Dottore è libero di fare le sue scelte in completo accordo o disaccordo con la Sua Anima ma con consapevolezza. Sapendo che andare contro i consigli dell’anima significa averla sentita e aver scelto di non sentirla (lecito) ma che il tempo delle bugie è finito. Chi mangia carne lo deve fare SAPENDO che fa male e che la sua è una scelta, la scelta di farsi del male. Dicendo che mangiare carne fa bene state mentendo a voi stessi in primis. Dopo tutto essere coerenti significa semplicemente affermare con tutta serenità e senza sensi di colpa che la mangiate perché vi piace, evviva la libertà di scelta. Spero con questo intervento di non avere urtato la sensibilità di nessun nel qual caso mi scuso immediatamente. Buona giornata a tutti. Shanti ❤

      • Tony 18/08/2014 a 09:34 #

        Io credo che la volontà sia determinante invece: l’essere umano è dotato di un grande potere, il poter pensare e poter indirizzare la propria volontà nel pensare in un certo modo..Io sono cristiano e mi piace ricordare che Dio nella genesi ha dato chiare indicazioni di quale sia l’alimentazione per l’uomo…E’ stato l’uomo a cambiare stile col passare dei millenni ma questo non significa che se l’uomo ha mangiato anche carne per millenni lo dobbiamo fare anche noi adesso.Esiste nell’uomo la capacità di pensare e di cambiare,di scegliere,di volere.Questo è il vero potere che abbiamo.Seguire le tradizioni insensate e bizzarre degli uomini è più semplice che scegliere con la propria testa..La maggior parte della gente fa delle cose per inerzia,per tradizione,per abitudine,senza pensare se quello che fanno ha un senso..Concludo entrando in ambito scientifico invece di quello più spirituale dicendo che le HCAs ( amine eterocicliche) e gli PAHs (idrocarboni policiclici aromatici) sono ormai noti come fattori importanti per lo sviluppo di tumori e malattie cardiache e vascolari..La vitamina B12 viene prodotta dai batteri della bocca e dall’intestino,non è necessario introdurla per forza con cibi di origine animale.Le carenze di B12 sono presenti negli onnivori, a dimostrazione del fatto che tutto dipende dal buon funzionamento dell’intestino..Le proteine animali non sono più nobili o migliori di quelle vegetali:questa è solo una delle tante bugie commerciali che regnano da molti decenni condizionando clamorosamente le scelte di moltissime persone.Usate il vostro potere più grande,usate il pensiero e la volontà di pensare in un certo modo.
        Antonio

      • federica 19/08/2014 a 08:24 #

        Bè le posso dire che non è così. Anzi , il mio corpo sta molto meglio. Anche perchè, ora parlandoi chiaramente, da quando sono vegana mangio legumi e verdure delle quali prima quasi ignoravo l’esistenza, e le assicuro che ingurgitare tutti i giorni la fettina impanata, il bastoncino di pesce surgelato, l’hamburger ormonato e cotto nell’olio, salame,pancetta e prosciutterie nel panino,la polpetta bella unta,l’arrostone, il formaggio bello salato e stagionato…mi creda…non è quanto di più sano ci si possa aspettare. Certo è molto gustoso questo tipo di alimentazione, ma non semini il terrore, perchè chi legge ed è vegetariano , sa come smentirla e chi legge che non lo è, ha solo bisogno di un alibi per continuare a friggersi il bacon. Ha parlato degli indiani, che cosa mi dice invece degli americani, o dei giovani statunitensi con l’arteriosclerosi a 18 anni? Eppure loro ne mangiano di cadaverina!
        E MArgherita Hack? Non è impazzita di colpo perchè sportiva…
        La famigerata B12… basta integrarla con del latte vegetale fortificato o con mezza pastiglietta alla settimana. Non mi sembra una cosa così contro natura o un sacrifico non affrontabile…penso che sappia che andando avanti con l’età si perde la capacità di assimilarla e quindi moltissime persone onnivore sono costrette comunque ad integrarla…Inoltre le vorrei far notare che i cosiddetti “vegetariani” presi a campione di molti fantomatici studi per dimostrare che stanno peggio degli onnivori, in realtà sono proprio onnivori perchè credono di sostituire la carne con i suoi derivati (latte ,formaggerie, uova,frittate …molti mangiano perfino il pesce facendo scorta di mercurio)…e questo ovviamente, non è un dato obbiettivo.
        Cari saluti

      • Antonio 10/06/2015 a 02:57 #

        Le sue trattazioni dell’argomento sono molto deludenti dottore.
        Dalla breve descrizione della sua figura mi aspettavo qualcosa di più, non tanto come nozioni trattate, ma proprio come approccio alle problematiche di un discorso.
        Non me ne voglia, ma questa è la sensazione che percepisco leggendo buona parte dei suoi post.

    • LUANA 04/04/2013 a 15:26 #

      Si infatti ci sono interessi economici dietro puoi capirlo..non ci sono prove di quello che c’ e’scritto io ho visto tutto il contrario sulla gente che conosco e negli scritti ,si vede lontano un miglio che e tutto inventato per deviare la gente dove vogliono loro..

      • Anonimo 26/08/2013 a 22:03 #

        Luana ritengo forse che tenere in considerazione che ci siamo EVOLUTI con la carne, sia una scelta sensata così come è sensato smettere di parlare di complotti internazionali contro la salute dell’uomo… in molti fumano quel tabacco su cui, LEGALMENTE, si trova scritto “nuoce gravemente alla salute, procura il cancro” in alcuni paesi viene addirittura riportata la foto dei malati terminali…eppure la gente continua a fumare… fidati…l’uomo non necessita di blande assicurazioni per nuocere alla propria salute…

  6. Vegesana 14/02/2012 a 14:35 #

    Sono piu’ di 5 anni che non mangio ne carne ne pesce…faccio le analisi regolarmente e sono supersana!!
    Peace!

  7. giancarlo 14/02/2012 a 20:48 #

    gentile dottore far uso di olio di fegato di merluzzo pensa che vada bene sia per integrare gli omega tre e soprattutto la vitamina d ed a

    • Andrea Luchi 15/02/2012 a 10:31 #

      L’olio di fegato di merluzzo è fantastico…consigliatissimo…

  8. asimo 15/02/2012 a 11:45 #

    Egregio dottore Andrea,
    sono incuriosito da cosa la spinge a scrivere un articolo del genere sul vegetariano.
    Personalmente sono onnivoro allo stato attuale ma sono stato vegetariano per circa 20 anni perché in quel periodo al mio sistema faceva bene non mangiare carne. La scelta di riprendere a mangiarla è stato dettato da un cambio di stile di vita e dalla gola.
    Ho vissuto in India per tre anni e da considerazioni di tipo analitico si evinceva che la terra in India è così sfruttata che ciò che produce è povera di tutto. Causa anche il pesante inquinamento ed i metodi di coltivazione. Non è un buon esempio l’India per sostenere le sue teorie.
    Sono tuttavia convinto che alimentarsi sostenuto da una qualsiasi ideologia sia patologico e non buono per il corpo perché l’ideologia impedisce un ascolto obbiettivo di ciò che il nostro corpo ha bisogno in un determinato periodo.
    E con il dovuto rispetto per la preparazione ed esposizione teorica, anche la sua è una posizione di parte. E’ mai stato vegetariano abbastanza a lungo per poterne parlare con con cognizione di causa?
    L’essere umano è un complesso organismo che include molte realtà ed opzioni: il corpo in special modo è uno specchio del nostro stato mentale, emotivo e spirituale ed i suoi bisogni non possono essere considerati solo sulla base dei costituenti analizzabili ma anche da un punto di vista energetico ed individuale.
    Se io mangiassi 25 uova alla settimana anche se del contadino mi sentirei saturo fino alla nausea perché sento di non averne bisogno.
    Nella sua posizione sosterrei una veduta delle cose più basata sull’equilibrio e sulle necessità personali, omettendo affermazioni su ciò che è giusto o sbagliato. Sosterrei un’informazione basata sull’educazione attraverso l’informazione evitando le mie preferenze personali, cosa che lei non fa.
    Va anche detto che gli alimenti a disposizione nella grande distribuzione, sia di tipo vegetale che animale non hanno la qualità originaria che dovrebbero avere.
    Mangiare verdura coltivata nell’orto da molto in termini di nutrienti ed energia( forse questo aspetto non le è tanto familiare), e diminuisce il bisogno di nutrirsi in eccesso.
    L’ uomo moderno, dato il suo stile di vita tendenzialmente sedentario e l’elevata automazione, spesso non è in grado di metabolizzare il pasto precedente a quello che si accinge a consumare. Che senso ha portare un paragone con l’uomo di migliaia di anni fa? Che era confrontato da altre sfide ambientali e per cui da altre necessità?
    Il problema principale oggi è che la maggioranza delle persone non è in grado di ascoltare e riconoscere i propri bisogni, per cui delega ad altri in toto il compito di essere curati.
    Niente di personale ma penso che un medico ha il dovere di essere obiettivo.
    Asimo.

    • Andrea Luchi 15/02/2012 a 17:17 #

      Ho capito, per parlare di vegetarianismo bisogna averlo praticato. Quindi per parlare di tennis averlo giocato, per parlare di arbitri di calcio aver fatto l’arbitro, per parlare del papa aver fatto il papa..insomma non una posizione propriamente scientifica.
      Ci sono circa 300 popolazioni di cacciatori-raccoglitori rimaste nel mondo. Nessuna di esse è lontanamente vegetariana. Non guardano TV, non sono schiavi delle case farmaceutiche, o dei torturatori di animali. Amano la natura, ci vivono dentro: sono integrati nella natura e sono semplicemente spinti nelle loro azioni dal loro DNA: cercano la carne, la prediligono; talvolta danno ai loro cani la parte più magra tenendo per se il grasso, il cervello, le interiora. Sono consapevoli che senza quel nutrimento non sopravviverebbero.
      Certo noi dai nostri divani ne sappiamo molto di più, possiamo spiegargli che stanno sbagliando, che la mente può imporre al corpo cosa mangiare: ma non è così. Ogni animale in natura (e questi uomini lo sono) mangia spontaneamente ciò che più gli serve, senza bisogno di nutrizionisti, e prospera semplicemente seguendo l’istinto. Poi arriva la cultura e tutto cambia…in peggio spesso…

      • Andrea 21/02/2012 a 17:40 #

        Ameranno la natura ma si ammazzano che è un piacere: in Nuova Guinea le società di cacciatori raccoglitori sono caratterizzate da livelli di violenza inauditi al punto che la prima causa di morte è l’omicidio. E in quanto a salute non stanno meglio se la media dei figli che arrivano ad età riproduttiva è del 50%.

        In un sistema arretrato da tutti i punti di vista ci sta che si alimentino in modo estremamente rudimentale.

      • Andrea 21/02/2012 a 17:51 #

        Ecco, se le società sopracitate diventano il modello, o ancor meglio ‘la prova’, allo stesso modo dovremmo giustificare se non promuovere l’omicidio, ‘metodo’ estremamente connaturato all’uomo per dirimere i propri conflitti. Direi insito nel suo DNA…

      • melgrano 06/01/2015 a 14:17 #

        Buon pomeriggio. Sono capitato per sbaglio su questo sito ed ho letto con interesse quanto viene scritto.
        Sono serenamente onnivoro e mi va benissimo così.
        Qui, in effetti, si parla di stili di vita, di credi personali e di suffragazioni scientifiche a sostegno o meno delle proprie tesi.
        Ora, mi domando a quale titolo ci possa essere un confronto democratico e sereno tra onnivori e vegetariani, vegani, fruttiani e perchè no….insettivori.
        Se io metto assieme le abitudini alimentari di tutti questi gruppi, scopro di essere molto fortunato
        perchè nella mia dieta onnivora riscopro tutte le abituduni alimentari di tutte queste categorie, ad esclusione degli insetti.
        Mi son preso le ricette per alcuni
        dolci vegani, alcuni ottimi piatti vegetariani e alcuni piatti carnivori.
        E così vivo serenamente, raccogliendo a mio bisogno, il meglio di ognuno.
        Alla fine, devo comunque dire che la mia estrazione è fieramente contadina e posso dire che di carne ne ho sempre vista poca. Poi la carne rossa….non ne parliamo!
        Si mangiavano polli anatre e conigli. Il fritto non era di casa, e le patate si facevano al forno con il rosmarino! Oppure lesse o purea.
        L’olio di oliva una rarità ed il pane sempre fatto in casa, come
        la polenta.
        Le marmellate tutte in casa, così come le varie conserve.
        E la vita procedeva con l’incedere delle stagioni senza traumi.
        I vecchi dicevano sempre che qualunque eccesso fa male….e quindi niente eccessi.
        Si mangiava tanta tanta verdura e tanti legumi, tante minestre.
        Ed ogni tanto, nella minestra il pezzetto di lardo o pancetta.
        Ma vi siete mai chiesti il perchè gli italiani sono tra i popoli più longevi?
        Perchè la loro alimentazione è molto varia con predominanza di vegetali.
        Ho detto predominanza di vegetali. Si integrava la dieta con carni bianche. Ma non vi erano, lo ripeto, eccessi.
        Noto che la gente che vive nelle città è purtroppo molto isterica.
        Tutti combattono con ferocia le loro crociate ma alla fine ci rimettono.
        Nessun contadino ucciderà mai un animale per divertimento.
        Non ci lucra sopra, lo fa con rispetto ma attenzione, lo fa anche con le piante, il rispetto verso di loro è dovuto!
        L’uomo deve vivere in armonia con la natura e non in competizione,
        Lo sbaglio enorme sono gli allevamenti intensivi e l’agricoltura intensiva.
        Si prende ciò che serve e nulla di più.
        Oggi, vedo le persone ai ristoranti, che mangiano, buttano
        giù e basta.
        Non si soffermano un istante su quello che stanno mangiando, non rispettando quella o quelle vite recise per i propri fabbisogni!
        E per vite recise, parlo paritariamente anche per i vegetali.
        Siamo qui a spiumarci come galletti mentre ci sfugge l’essenza della vita, della natura.
        Vi siete mai fermati in un bosco e sentire gli alberi che vi parlano?
        Avete mai abbrracciato intensamente un vecchio albero dicendogli che gli volete bene? Lui vi trasmetterà delle cose splendide!
        Avete mai sentito l’erba soffrire perchè la calpestate? Tanto…direte voi…è solo erba!
        E con gli animali è uguale….
        Io credo che ognuno faccia di tutto per prevalere sull’altro e le armi e le motivazioni sono infinite.
        Non vi è incontro perchè ognuno
        è troppo convinto e si crogiola all’interno della sua offuscata ragione.
        Scusatemi se vi ho annoiato. Vi saluto e dico che un pochino a testa, avete ragione tutti voi.

  9. Federico Muratori 15/02/2012 a 18:15 #

    Caro mezzo collega (io sono veterinario) ti confesso che rimasi un po’ in crisi quando studiai come venivano allevati i vitelloni da ingrasso, vidi come venivano allevate le galline ovaiole, cosa mangiano i vitelli, i capretti, invece del latte materno ecc, ecc ,ecc. Detto questo, 1° non puoi prendere in considerazione in 300 milioni di indiani di cui parlavi come dimostrazione di come sia dannosa una dieta vegetariana perché, in quel caso non si tratta di dieta vegetariana scelta, voluta e perseguita ma di necessità e la loro condizione non è dieta vegetariana bensì malnutrizione o denutrizione con tutti i problemi carenziali conseguenti. 2° non mi tirar fuori i nostri avi delle caverne, che hanno ben poco a che fare con noi, caratterizzati da necessità e stili di vita lontanissimi dai nostri. Certamente una persona che cambia alimentazione e diventa vegetariana deve farlo con molta attenzione ed una suff. informazione altrimenti può incorrere in squilibri anche emozionali che è meglio evitare (come nel caso dei digiuni ottimi se ben controllati, deleteri se improvvisati con leggerezza) Di sicuro una dieta vegetariana ben fatta fa bene. Mi dispiace solo che molti vegetariani tendano a fare di questo, una specie di religione o scopo di vita, diventando un po’ fanatici perdendo così di credibilità.
    ciao Federico Muratori

    • Anonimo 16/02/2012 a 09:56 #

      1) Se uno è vegetariano per scelta, salute perfetta, se lo è per necessità (come gli indiani secondo te, il che non è vero) salute scarsa?? Ah, il potere della mente….

      2)Necessità diverse? Il DNA dell’uomo paleolitico è identico al nostro se si esclude l’enzima per la produzione della lattasi in età adulta che noi abbiamo come spiega questa review.

      Research Reports in Clinical Cardiology
      The western diet and lifestyle and diseases of civilization
      Review
      (54334) Views (14997) Full article downloads
      Authors: Pedro Carrera-Bastos, Maelan Fontes-Villalba, James H O’Keefe, et al
      Published Date March 2011 Volume 2011:2 Pages 15 – 35

      E poi torna il tema dell’attenzione nell’essere vegetariano. Ci sono animali in natura che devono stare attenti a quello che mangiano e consultare un nutrizionista???

      Sul tema delle case farmaceutiche non sai di che parli. Noi medici paleo-nutrizionisti siamo quanto di più lontano dalle logiche della medicina farmacologizzata tu ti possa immaginare.

      I vegetariani, spesso, purtroppo peccano di settarismo. Ad esempio qualcuno su FB mi ha detto che nel medioevo si torturava la gente dandogli la carne per una settimana di fila. Come si fa a rispondere ad amenità di questo genere????

      Peccato perchè il vegetarianismo ha tante cose positive. L’accento sui cibi veri, sul rifiuto dei cibi industrilializzati, sul consumo di frutta e verdura e uova. Credo che molti dei benefici che i vegetariani sentono di avere dipendano da queste scelte infatti. Peccato che manchi un pezzo del puzzle, e che la cosa diventi poi un conflitto non scientifico ma ideologico, sordo a qualsiasi richiamo logico.

      • federico 21/03/2014 a 10:34 #

        Nel medioevo torturavano gli uomini nella carne,nel senso che li facevano mangiare solo e solamente carne,cosi facevano vedere di nutrirli,ma con la sola carne difficilmente si sopravviveva e infatti morivano tutti dopo poco tempo,cosi facevi un po’ di spazio ed eliminavi oppositori e/o personaggi scomodi

  10. Paolo Spina 16/02/2012 a 16:34 #

    Qual’è la quantità ottimale giornaliera di olio di fegato di merluzzo da assumere?
    Paolo

    • Anonimo 16/02/2012 a 16:59 #

      Un cucchiaino.

      • Paolo Spina 16/02/2012 a 19:37 #

        Si ha lo stesso, effetto somministrando l’olio di fegato di merluzzo in capsule?

      • Dr Derelli 19/06/2015 a 05:34 #

        Ma… Il Merluzzo non è un animale? Oppure i pesci non sono animali! Comunque Come gli altri oli di pesce, i grassi altamente insaturi a catena lunga interferiscono con la conversione dell’acido linoleico in acido arachidonico e prostaglandine, a danno delle difese immunitarie. È altamente instabile e inizia ad ossidarsi prima di raggiungere il flusso sanguigno, ed è altamente ossidato nei tessuti entro 48 ore se non si assumono antiossidanti.

    • Andrea Luchi 18/02/2012 a 17:05 #

      Come tutti gli “integratori” bisogna stare attenti alla qualità, non tanto alla forma (compresse, gocce, etc etc)

  11. Andrea Luchi 16/02/2012 a 19:33 #

    Gli ultimi commenti erano molto aggressivi e poco pacati e mi sono trovato costretto a cancellarli. Questo non è un campo di battaglia, è solo un blog che esprime le mie idee personali. Se non piacciono potete evitare di postare oppure farlo con cortesia e pacatezza. Non siamo in guerra, stiamo semplicemente scambiandoci delle idee….

    • Antonio 10/06/2015 a 03:26 #

      Ha perfettamente ragione Dottore, ma vede, se è una persona come lei a fare certe affermazioni in un luogo pubblico come un sito e nelle maggior parte di queste sue affermazioni lei sembra più un bambino che a tutti i costi vuole continuare a mangiare carne, convincendo gli altri che è giusto così e basta, più che un eminente dottore con chissà quale carriera alle spalle, deve poi necessariamente confrontarsi con tutto questo.
      Ormai il mondo intero grazie soprattutto alla tecnologia che ha permesso una rapidissima diffusione delle informazioni, della conoscenza e degli studi scientifici, è al corrente di come stanno le cose da un punto di vista scientifico.
      Il mondo ormai sa bene che mangiare carne fa male e che non è assolutamente necessario per l’uomo che in qualità di ‘primate’ meno se ne mangia e meglio è sotto tutti i punti di vista.
      Poi si è capito: a lei la carne piace tantissimo e non è assolutamente disposto a rinunciarci, punto e basta.
      Questo lo accettiamo tutti, non si preoccupi che lei potrà continuare a vivere come più le garba e tutto il resto del pianeta procederà come ha sempre fatto.
      Le auguro buon lavoro, Dottor Luchi.

  12. Francesco Amormino 17/02/2012 a 11:06 #

    Buongiorno Dottore,

    sul fatto che l’uomo abbia mangiato da sempre carne avrei qualche dubbio…

    L’uomo nasce innanzitutto fruttariano o meglio frugivoro, lo si nota non solo dalla sua anatomia (dentatura, mani, intestino piuttosto lungo e spugnoso similmente a quello dei gorilla e scimpanzé, ecc.), ma anche dal fatto che a nessuno verrebbe mai in mente di uccidere un animale con le proprie mani. Chiunque proverebbe disgusto per una pratica simile…

    L’uomo si è certamente adatto anche e soprattutto per questioni climatiche al suo ambiente circostante nel corso delle migliaia di anni. Ha dovuto imparare a nutrirsi di carcasse di animali cacciati dai veri predatori per poi arrivare a sviluppare strategie di cottura e condimento per nascondere il sapore forte e nauseante.

    Questo lo scrivo da persona che continua ad amare l’odore della carne cotta, per una questione di condizionamenti (chi non ha di questi condizionamenti relativi al cibo?).

    Mi rendo anche conto che al di là delle ragioni etiche, il discorso della salute non regge molto. Non sto a citarle fonti perché in genere poi si arriva a duelli ridicoli (tipo corsa agli armamenti migliori con tanto di escalation “nucleare”) molto simili a quello a cui si potrebbe assistere a una trasmissione televisiva, dove alla fine il vero vincitore sono gli sponsor.

    Secondo me è sufficiente anche una buona dose di buon senso e cuore. Conosco molti studi dietetici perché sono un appassionato sia di prevenzione, salute e dietetica già da molti anni. Conosco molto bene gli ambienti del mondo degli integratori e per lavoro ho contatto con aziende che creano programmi dietetici ben strutturati che forniscono molta letteratura per quanto concerne le ultimissime scoperte in merito a nutrienti, micronutrienti, oligoeleementi, vitamine, ecc. ecc.

    Parlo di buonsenso e cuore perché innanzitutto già i nostri istinti dovrebbero dirci quale sarebbe la via giusta da seguire. Si può guardare negli occhi un animale e tagliargli la gola o piantargli un chiodo in testa un attimo dopo? Per poi nutrirsi della sua carne? (Ricordo che la cottura è un adattamento senza il quale pochissimi riuscirebbereo a mangiare carne.

    Dal punto di vista della salute ormai sono decine e decine di anni che le varie società vegetariane e vegane sono dotati di rinomati medici e sezioni scientifiche con tanto di pubblicazioni. Tra i migliori atleti abbiamo grandi come Carl Lewis, Edwin Moses, Martina Navratilova per citarne solo alcuni.

    Ricordo anche che anche agli animali viene somministrata B12. Quindi, per chi ne sente il bisogno o abbia effettivamente dei riscontri negativi in seguito ad analisi o sintomi che ner richiedano la somministrazione possono fare tranquillamente una cura dietro consultazione del proprio medico.

    Vogliamo parlare di omega 3? Nessun problema. Recentemente sono apparsi anche studi che avvalorerebbero la tesi secondo la quale l’assunzione di omega-3 sarebbe migliore se da di provenienza vegetale.

    Posso chiederle, Dottore, se lei ha mai seguito un regime vegetariano, vegano, crudista o fruttariano per un determinato periodo, magari sottoponendosi regolarmente ad esami e test clinici. Lo sa che potrebbe scoprire un mondo nuovo se lo facesse?

    Mi rendo conto che ognuno agisce sempre in base alle proprie conoscenze e che non sia da tutti spingerersi oltre le “colonne d’Ercole” per dimostrare che il mondo effettivamente piatto non lo è.

    Ah, colgo l’occasione per ricordarle che oggi ricorre l’anniversario della morte di Giordano Bruno (17 febbraio 1600), personaggio scomodo per quei tempi, che, come certamente saprà, morì bruciato al rogo in Piazza dei Fiori a Roma per essersi scagliato contro il “mainstream” del tempo.

    Le auguro di poter conoscere soprattutto punti di vista diversi che vadano al di là di quello che già sa.

    Spero vorrà pubblicare questo mio messaggio e che possa cogliere lo spirito che c’è dietro che è piuttosto quello di una persona aperta a nuove conoscenze, senza fanatismi di sorta, ma con la massima voglia di voler conoscere e sperimentare nelle massime condizioni di sicurezza sia per gli umani che per gli animali.

    Come ultima cosa ci tengo a sottolineare che una dieta basata anche su carne non è ormai più sostenibile né da un punto di vista sociale (1 miliardo di affamati bussano alle nostre porte) dato che per produrre un kg di carne occorrono circa 18 kg di cereali né da un punto di vista ambientale (gli allevamenti soprattutto bovini sono ormai riconosciuti essere la causa numero uno dell’effetto serra e tutti gli allevamenti in genere hanno un fortissimo impatto ambientale su sottosuolo, fiumi e bacini idrici).

    La saluto cordialmente, con profonda stima e rispetto.

    • Andrea Luchi 17/02/2012 a 15:47 #

      Io sono molto meno mainstream di lei. Voi avete società scientifiche e siete conosciuti da tutti. Addirittura l’ADA dà il beneplacito alle diete vegetariane. La medicina evoluzionistica è una branca recentissima della medicina. Ha avuto il suo primo congresso solo lo scorso anno. E’ siamo in genere sconosciuti e invisi a molti operatori sanitari mainstream.
      Quindi se c’è qualcuno che deve guardare oltre le Colonne d’Ercole del dietologicamente corretto non sono certo io…Io da tanto ho superato quella barriera.

      • Francesco 17/02/2012 a 18:59 #

        E lei come fa a sapere se è meno mainstream di me? Se non le ho ancora detto che da tre anni seguo il vegan-crudismo secondo il metodo del Dr. Douglas Graham (www.fruitnsport.com) e in linea con i principi dell’igienismo naturale?

  13. Annalisa Riccò 17/02/2012 a 12:15 #

    egregio dottore, vorrei portarle la mia testimonianza di vegana a dimostrazione che quello che lei scrive, studi scientifici o no, non è vero. Ho 39 anni e una figlia di 5 mesi. Ho faticato diversi anni per riuscire a portare a termine una gravidanza sottoponendomi a diversi trattamenti di fecondazione assistita. Da due anni sono vegana e “stranamente” quando ho fatto l’ennesimo trattamento di fertilità un anno fa (dopo un anno da vegano/crudista) è risultato che la qualità dei miei ovuli era migliore che quella di 10 anni fa. La stessa cosa vale per lo sperma di mio marito, anche lui vegano. La gravidanza è stata semplicemente stupenda: nessuno dei disturbi tipici delle gravide: no gonfiori, no stipsi, no mal di testa, no nausee. Non ho preso nessun integratore vitaminico e nemmeno l’acido folico; non ho fatto esami invasivi tipo amniocentesi o villocentesi. ho nuotato fino al giorno prima dell parto facendo 1,5 km al giorno. Mia figlia è nata nei termini, con peso e altezza più che normali. Adesso ha 5 mesi, pesa otto chili, è sanissima, molto forte e alta e la alimento solo ed esclusivamente a latte materno.

    Come vede, quello che lei dunque scrive e gli “studi scientifici” che lei cita (bisogna sempre vedere chi finanzia tali studi!) non sono del tutto esatti. Ci tengo inoltre a precisare che non sono l’unica ad aver avuto un’esperienza del genere. Conosco TANTE altre donne, anche loro vegane che hanno fatto lo stesso percorso.

    Quindi io dico senza la minima esitazione VEGANA, SI GRAZIE!

  14. Gabriella Filice 17/02/2012 a 14:23 #

    Buongiorno..per farle avere un quadro a 360°, le voglio donare anche la mia esperienza. ..Onnivora come tutta la mia famiglia, mi sono ritrovata a 30 anni con tutta questa serie di patologie:

    Cefalea Oftalmica con scotoma
    Ipercolesterolemia (tot 375)
    Stanchezza dopo pranzo e dopo cena
    Nervosa e depressa
    Dipendenza da Caffè
    Ansiolitico per dormire
    Mali di schiena,
    Sciatica
    Dermatite con grave prurito
    Sindrome premestruale
    Intolleranza vs tutti
    Emorroidi prolassate
    Molta fame (bulimia nervosa)
    Insonnia
    Flatulenza
    Tensione quotidiana
    Varicocele pelvico
    Vene varicose
    Le evito ciò che i suoi colleghi mi avevano imposto…a quest’ora sarei una drogata cronica! A quel punto ho preso la decisione più saggia della mia vita: non delegare nessuno per la mia salute e prendermi la responsabilita’ del mio benessere! Così fù!
    Ho iniziato ad occuparmi di me, ho studiato da autodidatta e poi ho seguito un percorso di studi complementari… La mia vita è cambiata. Uno stile di vita nuovo! Che non è solo alimentazione, ma movimento, respirazione, alimentazione e pensieri positivi. Le posso dire che dopo 10 anni di alimentazione vegetariana, 8 di vegana e 1 anno di crudismo, di aver risolto tutti quei disturbi sopra elencati.Ho 49 anni e mi vanto di essere sana come un pesce, di aver a disposizione energia da poter regalare (corro 4 volte a settimana per 13 km) e tanta serenità…. Vuole qualcosa di più scientifico di questo? E guardi che a me non mi paga nessuno eh!!!!

    • Andrea Luchi 17/02/2012 a 15:39 #

      Non metto assolutamente in dubbio quello che lei dice. Il fatto è che secondo me i vantaggi indubbi che lei ha ottenuto non vengono dall’alimentazione vegetariana quanto dall’aver eliminato dalla sua alimentazione tutta una serie di alimenti che sono problematici (di cui parlo nei miei post) e aver mosso dei passi nella giusta direzione. Ma continuo a ritenere il vegetarianismo nient’altro che un passo nella giusta direzione. Ma concordo con lei che non servono medicine per stare bene. Io credo che l’alimentazione evoluzionaria o paleolitica come la si voglia chiamare sia nettamente superiore alla sua. Ma sono felicissimo che lei stia bene. Continui però a misurare i parametri che io cito nel post e anche i grassi a catena lunga per poter intervenire se del caso.

      • Gabriella Filice 17/02/2012 a 16:00 #

        Caro Dottore, io sono andata avanti per gradi…ho iniziato ad eliminare gli alimenti poco per volta iniziando dal cibo spazzatura (dolci, fritti e raffinati). Ma è solo quando ho eliminato le proteine animali che ho risolto i miei problemi…guardi che a me piacevano le proteine animali, quindi non avrei avuto motivo per eliminarli se non per la salute, a questo si e’ aggiunto il valore etico subito dopo! Una conseguenza logica! Appena si elimina la carne ti cresce un fiore nel cuore! Monitorizzo con cura i mie parametri ematici ed ad oggi faccio invidia al mio medico curante che ha deciso di seguire questo cammino…e come suole dire “tu sei stata miracolata dalla tua saggezza”.
        Cari saluti!

  15. Alessio 17/02/2012 a 17:33 #

    Gentilissimo Dott. Andrea Luchi,
    Anche se sono un vegano crudista, non voglio entrare in polemica con lei, e anzi voglio dirle che apprezzo molto il suo tono mai aggressivo.
    Scrivo questo commento per chiederle se sa come sia possibile valutare il proprio profilo degli acidi grassi essenziali.
    Ho chiesto in vari laboratori della mia città (Bari) se potessero valutare il livello ematico di omega-3 e omega-6, e in particolare i rapporti AA/EPA e AA/DHA, ma ho ricevuto solo risposte negative.
    Grazie

  16. Attilio 17/02/2012 a 19:29 #

    Un’ultima considerazione sulla paleo dieta che lei segue e propone: il presupposto da cui parte questa dieta è che nel paleolitico l’uomo fosse in grandissima forma; io a quell’epoca non c’ero ma ci credo, posso crederci ma il merito non era dell’alimentazione ma del fatto che l’uomo a quell’epoca svolgesse un’attività fisica che oggi il 99% delle persone si sogna, altro che carne!
    Se questo poi è il presupposto, perché allora non seguire tutti la dieta del ciclista?
    I ciclisti sono tutti magrissimi (arrivano alla fine dei grandi giri a tappe con meno del 3% di grasso corporeo) ma lo sa cosa mangiano a colazione?
    Spaghetti conditi con la marmellata e poi panini vari, barrette, gel, etc. per pranzo (sono in bici!) e poi un altro bel carico di carboidrati (pasta, pane, crostate, etc.) tra le altre cose per cena; cosa ne pensa?
    Non le piace il fisico dei ciclisti? Troppo magri?
    Bene, cosa ne pensa del fisico dei nuotatori?
    Prendiamo Magnini: fisico perfetto, muscoloso, spalle larghe, pettorali, addominali scolpiti, ha tutto, no?
    Seguiamo tutti la dieta di Magnini allora: Magnini assume 4000 kcal al giorno.
    Diamo la dieta di Magnini ad un impiegato del catasto e dopo alcuni mesi lo troveremo tra i grandi obesi.
    Il fatto che nel paleolitico l’uomo fosse in forma non mi sembra quindi un buon presupposto dal quale partire soprattutto nella nostra epoca caratterizzata dal sedentarismo.

  17. Attilio 17/02/2012 a 20:04 #

    Copio e incollo ciò che ha scritto lei, dottore:

    “Scegliere una alimentazione Paleo significa scegliere l’alimentazione che ha preceduto l’avvento dell’agricoltura. Cosa mangiavano gli uomini del paleolitico? Molto probabilmente:

    Carne
    Pesce
    Verdura
    Frutta
    Noci, mandorle etc etc
    Insetti, vermi”

    E ancora:

    “Perchè mangiare paleo (a parte gli insetti, ovviamente!)?”

    Allora, già quel probabilmente mi lascia un po’ perplesso: lei propone la paleo dieta e poi non è neanche sicuro su quale fosse effettivamente quella dieta?
    A parte questo, lei poi tra gli alimenti inserisce insetti e vermi ma poi dice che, ovviamente, non bisogna mangiare gli insetti (i vermi addirittura non li cita).
    Perché non bisogna, ovviamente, mangiare gli insetti e i vermi?
    E se fossero proprio insetti e vermi il segreto della salute e della longevità dell’uomo paleolitico?
    Inoltre, molte popolazioni ancora oggi si cibano di queste leccornie!
    Troppo facile fare i paleolitici facendo gli schizzinosi!

    • Lobo 09/05/2014 a 13:17 #

      Io le formiche “culone” le ho mangiate di gusto, ne mangerei ancora se non mi pesasse andare fino a Bogotà per uno snack.

      Il Gourmet Bear Grylls ci ha poi descritto i vari sapori e a parte i coleotteri, sinceramente, lascerei stare la roba gelatinosa. Il verme lo mettiamo sull’amo da pesca

    • Tony 18/08/2014 a 09:46 #

      La paleolititica è una trovata recente per fare business con i libri….Molto belle le tue risposte , complimenti per chiarezza e humor ..Go Veg

  18. D 17/02/2012 a 21:28 #

    le faccio io una bella lista di pubblicazioni scientifiche che dicono l’esatto contrario di quello che sta dicendo lei.
    “Position of the American Dietetic Association: Vegetarian Diets.” Journal of the
    American Dietetic Association. 109.7. (July, 2009).

    Thomas T. Samaras “Ramifications of increasing birth weight, accelerated growth and
    greater height on health, the obesity epidemic, and longevity.” Journal of Chinese Clinical Medicine. 5.8 (Aug. 2010). .
    Amy Joy Lanou “Should dairy be reccomended as part of a healthy vegetarian diet? Counterpoint” The American Journal of Clinical Nutrition. 89.5 (May 2009)
    .
    Campbell T.C.and Campbell T.M. “The China Study” Dallas. Benbella Books. 2006.
    D E Sellmeyer et Al. “A high ratio of dietary animal to vegetable protein increases the rate of bone loss and the risk of fracture in postmenopausal women” The American Journal of Clinical Nutrition. 73 (2001) 118-22.
    Winston J Craig “Health effects of vegan diets” The American Journal of Clinical Nutrition” 89 (2009) 1623S-33S.
    Campbell TC; Parpia B; Chen J. “Lifestyle, and the etiology of coronary artery disease:
    the Cornell China study” The American Journal Of Cardiology, 82(10B) (Nov 1998) 18T-21T
    Harold J Marlow et Al. “Diet and the environment: does what you eat matter?” The American Journal of Clinical Nutrition. 89 (Supp) (2009) 1699S-703S.
    Jeremy Rifkin “The World’s Problems on a Plate Meat Production is Making the Rich Ill and the Poor Hungry” The Guardian of London. May 17, 2002 Web.

    • Andrea Luchi 18/02/2012 a 07:57 #

      La maggior parte degli studi che lei cita hanno a che vedere col formaggio, di cui sono anche io un detrattore, quindi sfonda una porta aperta. Il china study è stato demolito (http://rawfoodsos.com/the-china-study/). Gli studi che accusano la carne in genere non distinguono tra carni naturali e carni lavorate dall’uomo. Poi molti sono retrospettici, cioè chiedono alle persone cosa hanno mangiato 5 anni prima e se uno dice di aver mangiato la pizza col salame quel pasto passa come “carne”. Insomma molti sono studi spazzatura. Mi mostri uno studio che dimostra che dando carne ad un animale si provoca la cancerogenesi: non lo troverà.

      • Attilio 20/02/2012 a 20:09 #

        Caro dottore, provi a dare la carne ad una mucca e poi ne riparliamo!

  19. D 17/02/2012 a 21:33 #

    E ancora:
    Cai-Xia, Z., Ho, S. C., Jian-Hua, F., Shou-Zhen, C., Yu-Ming, C., & Fang-Yu, L. (2011). Dairy products, calcium intake, and breast cancer risk: A case-control study in China. Nutrition & Cancer, 63(1), 12-20. doi:10.1080/01635581.2010.516478

    Chan, J., & Giovannucci, E. (2001). Dairy products, calcium, and vitamin D and risk of prostate cancer. Epidemiologic Reviews, 23(1), 87-92. Retrieved from http://epirev.oxfordjournals.org.ezproxy.umuc.edu/

    Kesse-Guyot, E., Bertrais, S., Duperray, B., Arnault, N., Bar-Hen, A., Galan, P., &
    Hercberg, S. (2007). Dairy products, calcium and the risk of breast cancer: results of the French SU.VI.MAX prospective study. Annals Of Nutrition &
    Metabolism, 51(2), 139-145. doi:10.1159/000103274

    Lanou A., Berkow, S. E., & Barnard, N. D. (2005). Calcium, dairy products, and bone
    health in children and young adults: A reevaluation of the evidence.
    Pediatrics, 115(3), 736-743. doi:10.1542/peds.2004-0548

  20. D 17/02/2012 a 21:39 #

    Muntoni, S., Cocco, P., Aru, G., Cucca, F., & Muntoni, S. (2000). Nutritional factors and worldwide incidence of childhood type 1 Diabetes. American Journal Of Clinical Nutrition, 71(6), 1525-1529. Retrieved from: http://www.ajcn.org/

    Outwater, J., Nicholson, A., & Barnard, N. (1997). Dairy products and breast cancer: the IGF-I, estrogen, and BGH hypothesis. Medical Hypotheses, 48(6), 453-461. Retrieved from MEDLINE database. (9247884)
    Thorsdottir, & Ramel. (2003). Dietary intake of 10- to 16-year-old children and adolescents in central and northern Europe and association with the incidence of type 1 Diabetes. Annals Of Nutrition & Metabolism, 47(6), 267-275. doi:10.1159/000072399

  21. D 17/02/2012 a 21:41 #

    Tseng, M., Breslow, R., Graubard, B., & Ziegler, R. (2005). Dairy, calcium, and vitamin D intakes and prostate cancer risk in the National Health and nutrition examination epidemiologic follow-up study cohort. American Journal of Clinical Nutrition, 81(5), 1147-1154. Retrieved from: http://www.ajcn.org/
    Van der Pols, J.C., Bain, C., Gunnell, D., Davey Smith, G., Frobisher, C., & Martin, R. (2007). Childhood dairy intake and adult cancer risk: 65-y follow-up of the Boyd
    Orr cohort. American Journal of Clinical Nutrition, 86(6), 1722-1729. Retrieved
    from: http://www.ajcn.org/
    Weinsier, R., & Krumdieck, C. (2000). Dairy foods and bone health: examination of the
    evidence. The American Journal of Clinical Nutrition, 72(3), 681-689. Retrieved
    from: http://www.ajcn.org/

  22. D 17/02/2012 a 22:21 #

    E dell’anatomia comparata che vogliamo dire???
    http://www.vegsource.com/news/2009/11/the-comparative-anatomy-of-eating.html

  23. D 18/02/2012 a 16:02 #

    Il China Study non e’ stato demolito da Denise Minger, come dice lei, il professor Campbell, infatti, ha risposto alle critiche della signorina Minger facendole fare una figura meschina e smascherandola per quello che e’: un’incompetente che crede di saperne meglio di chi ha studiato l’argomento decenni! La signorina Minger, infatti, per nascondere le stupidaggini che dice ha anche cancellato dei commenti che la mettevano al tappeto, successivamente smascherata ha tirato fuori la scusa piu’ banale: “erano finiti nella mia junk mail”.
    Qui’ la risposta del professore alla Mingher, la quale dopo tale figuraccia non ha osato piu’ proferire parola: E aggiungo che il professore Campbell e’ stato anche troppo educato, da grande signore che e’.http://www.vegsource.com/news/2010/07/china-study-author-colin-campbell-slaps-down-critic-denise-minger.html

    • Andrea Luchi 18/02/2012 a 16:38 #

      Se fosse un uomo non lo chiamerebbe signorino. Questo è il solito modo di screditare gli avversari. Comunque la signorina ha risposto più volte sul china study e lo ha chiaramente demolito. Lei è libero di pensarla come vuole.
      Devo aggiungere che mai ho ricevuto così rabbiose email (non mi riferisco a lei) come dai vegetariani in questi giorni. Dite che la carne aumenta l’aggressivItà, ma molti di voi sono estremamente aggressivi, volgari e maleducati. Io esprimo solo le mie idee e non vorrei venire insultato per questo. Dite di amare il creato e vi accanite come un’orda di canI rabbiosi solo perché vi criticano il giocattolino. Calma e rispetto per favore. E magari mangiate una bistecchina che vi si allungano i telomeri e magari vi calmate.

      • Alessio 18/02/2012 a 17:02 #

  24. D 18/02/2012 a 17:28 #

    Ho chiamato la Minger signorina perche’ e’ esattamente quello che e’. In inglese e’ miss che in Italiano si traduce signorina. Io stessa sono donna e non mi permetterei mai di screditare la credibilita’ del sesso femminile. Per sua informazione io non sono sessista ne specista ne razzista. Il mio era semplicemente un appellativo senza nessun volontario riferimento al sesso della Minger. Per sua informazione la Minger non ha controbattuto alla risposta del professor Campbell, invece da perfetta competente in materia ha cercato di contattare la persona che ha commentato i dati e analizzati statisticamente per chiederle aiuto a screditare il professore Campbell. Aiuto prontamente negatogli dall’esperta di analisi statistica dei dati. Per sua informazione, l’analisi dei dati e’ il campo di cui mi occupo.

  25. D 19/02/2012 a 00:31 #

    Visto che la sua critica e’ aperta al pubblico non vorrei che la gente che legge credesse davvero che mangiare carne fa bene. Quindi rispondo ad alcuni dei suoi commenti:

    Lei ha detto:

    “Perchè i 300-400 milioni di indiani che sono vegetariani muoiono di patologia coronarica più che qualsiasi altra popolazione al mondo? Sono sfortunati?”

    Lei stesso ha ammesso di essere un detrattore del latte e come lei ben sapra’ gli indiani (che poi non sono tutti vegetariani, esiste una buona parte di indiani che mangia carne come ad esempio gli indiani musulmani), bevono il latte, inoltre la cucina indiana fa uso di tantissimo yogurt. Non e’ che soffrono di malattie coronarie a causa del latte?

    Inoltre come lei ben sapra’ (a proposito ma l’ha letto “The China Study o ne parla solo per sentito dire?)la Minger

  26. D 19/02/2012 a 00:55 #

    Inoltre le ricordo che le teorie del Professor Campbell nascono da oltre 40 anni di ricerche nel campo dell’epidemiologia, Campbell – che tra l’altro se non lo sapesse e’ il padre della diossina – e’ un ricercatore di fama mondiale (a proposito, ma lei l’ha letto The China Study o ne parla per sentito dire?). Lei davvero crede che si possano demolire le sue teorie con un articolo scritto da una laureata in lettere , la Minger, che probabilmente non ha mai nemmeno messo piede in un laboratorio di ricerca? Mi tolga la curiosita’, ma lei, se soffrisse di malattie coronarie, da chi andrebbe per farsi curare? Da un cardiologo o dalla professoressa di Italiano?
    In ogni caso la seconda critica della Minger, che lei mi cita, e’ stata ulteriormente demolita, basta cercare un po’ online e si trova la controrisposta. Il problema e’ che La Minger non sa cosa significhi analizzare statisticamente i dati di una ricerca e fare i cosiddetti “adjustments” per tener conto di altri fattori. I raw data di per se non hanno alcun valore scientifico, e questo lo sa bene qualunque ricercatore

  27. D 19/02/2012 a 01:02 #

    Per concludere, e’ vero che la maggior parte degli studi che ho citato parlano del latte, Ho citato quelli perche’ li avevo a portata di mano visto che e’ sugli effetti negativi del latte che sto scrivendo una “literature review”. Ma se lei va a fare una veloce ricerca sui vari journals trovera’ un numero infinito di studi che provano che la carne fa male. Se avessi il tempo li andrei a cercare io stessa e li citerei qui’ ma chiunque conosca l’inglese puo’ trovarli molto facilmente.

  28. Pietro 19/02/2012 a 02:51 #

    Per curiosità, il citato prof. Veronesi è vegetariano stretto (vegan) o latto-ovo-vegetariano?

  29. Andrea Luchi 20/02/2012 a 13:41 #

    Una obbiettiva (secondo me) critica al China Study: i pro e i (molti) contro.
    http://www.cholesterol-and-health.com/China-Study.html

  30. D 20/02/2012 a 14:35 #

    di nuovo, anche in questo caso l’autore della critica vuole interpretare i risultati basandosi sui raw data. Chiunque conosca il campo della ricerca medica sa benissimo che i dati devono essere elaborati statisticamente per tener conto di altri fattori.

    @ Pietro, il professor Veronesi e’ lacto-ovo vegetariano.

  31. D 20/02/2012 a 14:43 #

    Il professor Campbell ha risposto alle critiche da lei citate in modo molto efficace con la seguente affermazione:
    “the critics are uncritically using highly selected detailed observations with no respect for context. They rely rather heavily, for example, on choosing selected but uncorrected correlations (associations of one variable with another) from the huge number (about 100,000 or so) that were published in the 894-page China Project monograph itself .
    Semplice e chiaro: “le critiche si basano su dati fortemente selezionati senza correzione statistica”. Come ho gia’ detto nel commento precedente. Se lei questo non lo vuole capire il problema e’ suo. A proposito, non ha risposto alla mia domanda, ma lei l’ha letto “The China Study”?

    • Andrea Luchi 20/02/2012 a 15:01 #

      Certo che l’ho letto. Comunque la cosa sta diventando stucchevole. Chi vuole farsi un’idea ha sufficiente materiale per giudicare. Chiuso l’argomento China Study.

      • ladyvu 22/02/2013 a 10:57 #

        Ovvio!
        L’argomento è chiuso perchè lei non sa’ piu’ cosa dire…

  32. Alessandro Mancini 23/02/2012 a 14:26 #

    La carne non è assolutamente necessaria, i nutrienti si assumono TUTTI con una dieta vegetariana. Gli integratori possono servire in casi di problemi di assorbimento e non di assunzione come avviene per la dieta onnivora. A volte sono invece necessari solo per mancata conoscenza da parte dei vegetariani di molti alimenti naturali e vegetali molto nutrienti e preziosi per la salute ma poco diffusi. Ci sono persone che non hanno mai mangiato in vita loro una zuppa di cereali e altre che non hanno mai mangiato in vita loro verdure fresche! Persone del genere qualsiasi scelta facciano vanno incontro a carenze! Non serve alcun integratore se si mangia con criterio. Non è assolutamente vero che non si hanno benefici per la salute, molte malattie sono estremamente più rare. Eccesso di colesterolo e relativi problemi cardiovascolari (mattie cardiocircolatorie 40% delle morti mondiali), diabete di tipo 2, riduzione dell’assunzione di sostanze cancerogene derivanti dalla cottura della carne e per alcune evidenze anche dai lattici ma bastano le prime universalmente riconosciute (tumori 30% delle morti), obesità (uno dei primi problemi al mondo). Guardi glielo dico con il cuore legga a studi la nutrizione a mente aperta, potrebbe ricevere alcuni degli insegnamenti più preziosi che abbia mai ricevuto. L’uomo è un animale frugivoro come le stesse scimmie da cui deriva sono e come mostra il suo corpo da sempre inadatto alla caccia diretta. Dall’intestino troppo lungo al morso inoffensivo. Non c’è animale carnivoro od onnivoro con una capacità di caccia diretta così bassa. L’onnivoro per eccellenza: il topo, è quasi in grado di sopraffarci nonostante sia di dimensioni trascurabili rispetto alle nostre, ha un morso potente e una agilità fulminea. Davvero ragioni su quanto potrebbe essere migliore per ambiente, salute, animali, etc. una scelta vegetariana o vegana. Lo faccia senza pregiudizi io non ho alcun vegetariano o vegano intorno a me, sono arrivato a questa conclusione solo ragionando, studiando, ricercando e provando su me stesso. Le garantisco che da medico può andare a fondo sulla questione e non lasciarsi condizionare. Faccia una sua conquista personale senza presa di posizione a priori. Il semplice studio porta a questo, ma volendo ridurre le elucubrazioni provi a prendere da sé il suo cibo. Non dico di cacciarlo a mani nude cosa palesemente impossibile per l’uomo, ma di uccidere ad esempio una mucca sangue freddo. Sia coerente ne uccida una di suo pugno. Se è una persona che non si nasconde dietro un dito si sentirà una bestia zuppa di sangue di fronte ai lamenti che da umano è in grado di capire. Di fronte alla forza di sopravvivere che deve sopraffare mentre il sangue gli cola su tutto il corpo. Non siamo bestie siamo più di animali comuni, è una conclusione che indipendentemente dal lato da cui viene esaminata la questione si raggiunge comunque. Possiamo aspirare a molto di più, gli studi ci sostengono pure in questo. I dati ambientali anche. Possiamo fare tanto proviamo a farlo da noi. Le garantisco che se è abbastanza coraggioso da provare sulla sua pelle quello che le dico mi darà ragione. Ha una sola vita la spenda bene e diffonda conoscenza. Se poi arriverà mai a provare per del tempo una dieta vegetariana o vegana, all’inizio sentirà la dipendenza da grassi, zuccheri e cibi pesanti, poi il corpo tornerà a non tollerarli più. provi a farlo con i vegetali può non mangiarli per quanto vuole appena rinizierà li mangerà con gusto. Eviti carne, latticini e uova per 9 mesi poi li provi di nuovo sentirà che non è il suo cibo. Io ho provato queste cose sulla mia pelle, ho anche studiato e approfondito, ho impiegato anni. Ci metta del suo e raggiungera una delle conquiste più preziose che possa avere, la stimo come medico, la professione che più rispetto e mi auguro che mi ascolti sul serio. Buona ricerca!

  33. Pietro 24/02/2012 a 06:37 #

    Gentile dr. Luchi, ho letto che mangiate 20-25 uova alla settimana (a me è anche capitato di mangiarne 20 in un giorno solo, ma assai raramente). Assumete così tante uova regolarmente? Cosa replichereste alla medicina ufficiale che raccomanda di non superare le 2-4 uova alla settimana?

    • Andrea Luchi 24/02/2012 a 12:40 #

      A quali studi fa riferimento? Me li cita?

      • Pietro 24/02/2012 a 18:58 #

        Le chiedo gentilmente una risposta alle mie domande.

      • Pietro 24/02/2012 a 19:03 #

        Non possono fare male tutte quelle uova, a lungo andare?

    • Andrea Luchi 24/02/2012 a 19:43 #

      Le uova sono problematiche in talune malattie autoimmuni e in alcuni soggetti sono mal tollerate. Per quanto riguarda il colesterolo esso è di produzione endogena e non vi sono evidenze che le uova lo aumentino significativamente. Sono ricche di nutrienti, soprattutto quelle del contadino. Se uno non ha un motivo specifico per non mangiarle non vedo perchè rinunciarvi…

      • Pietro 25/02/2012 a 01:39 #

        Sono noti e documentati casi di persone che assumono grandi quantità di uova (varie decine alla settimana) per periodi prolungati?
        E i rischi per il fegato?
        Da quanto riferitomi da addetti ai lavori il colesterolo dipende da fattori endogeni al 75% e dall’alimentazione per il restante 25%.
        Colgo occasione per salutarvi e complimentarmi per interesse di questo blog.

      • andrea 20/07/2012 a 21:45 #

        salve doc a proposito di uova può essere che diano prurito alle braccia anche se il sintomo inizia il giorno dopo e per qualche giorno continua? vuol dire essere intolleranti o allergici?

      • Andrea Luchi 21/07/2012 a 07:51 #

        Potrebbe essere…sembra più una intolleranza che una allergia

  34. Pietro 19/07/2012 a 16:34 #

    Gentile Dr. Luchi, in caso di digiuno prolungato quali sono gli effetti e i rischi metabolici?

  35. gabri 20/07/2012 a 12:09 #

    Caro Dott. Luchi, il destino dell’uomo è quello di evolvere.
    Ha sempre mangiato carne? io non lo so, ci sono studi che dicono di no, però, per esempio, anche le guerre sono sempre esistite, ma questo non vuol dire che non dobbiamo provare ad estirpare questo concetto.
    io sono vegetariana sin da ragazzina, ora ho 58 anni, ma la vera svolta è avvenuta

    quando, per vari motivi, ho deciso di passare al veganesimo, circa 3 anni fa. Sono ancora “in transizione”, per via di alcuni strappi alla regola dettati da circostanze particolari o attacchi di golosità, ma comunque gli effetti hanno mervigliato anche me: il mio corpo si è rimodellato, mi sono sgonfiata e sono dimagrita, ho una pelle e capelli migliori di quando ero giovane e ora dimostro molti meno anni della mia età – ho sentito spesso accennare a me come “quella ragazza”
    C’è qualcosa di strano in questa casella di scrittura…ho delle difficoltà, comunque volevo concludere dicendole che la ricerca in medicina dà i risultati voluti dal committente, quindi non so igli articoli che confutano The China Study che credibilità abbiano

    • Andrea Luchi 20/07/2012 a 17:22 #

      Sono felice che lei stia benissimo… Il giorno in cui non sarà più così saprà perché ciò accade.l.

      • Attilio 20/07/2012 a 17:50 #

        Non trovo giusto rispondere così ad una signora che le ha presentato la sua situazione con onestà e gentilezza.
        Lei dottore è sicuro che starà sempre bene o che sta già bene?

      • Andrea Luchi 20/07/2012 a 17:57 #

        Non c’era nessuna malizia nella risposta. I danni del veganismo arrivano col tempo, anche dopo molti anni. Intendevo semplicemente dire che se dovesse accadere uno scadimento delle sue condizioni di salute la causa secondo me sarebbe l’essere vegana. Ovviamente non è quello che mi auguro, era solo per ricordare quello che secondo che comporta una alimentazione non corretta. Semplicemente la mia opinione. Lunga vita alla signora, ovviamente!!!

      • Pietro 20/07/2012 a 19:54 #

        Gentilmente, chiedo risposta alla mia domanda su effetti digiuno, in assenza di stress e in caso di forte obesità iniziale. Grazie e cordiali saluti.

      • Andrea Luchi 22/07/2012 a 12:40 #

        Il digiuno intermittente ha una sua validità se fatto correttamente…

      • andrea 22/07/2012 a 19:35 #

        penso però che prima bisogni assolutamente avere un metabolismo da brucia grassi, cioè pochi carbo e più grassi

      • April23 21/07/2012 a 06:53 #

        Certo, ha ragione, da un serio studio risulta che tutti i vegan, prima o poi, muoiono.
        Vede, dottore, essere vegan significa tutto e non significa niente: si può essere vegan e fare l’alimentazione più sana del mondo ed essere vegan e fare un’alimentazione che comporta gli stessi problemi del mangiare prodotti animali.
        Il mangiare carne non è naturale per l’uomo: come mai la natura ha dato a tutti gli animali mangiatori di carne tutti i mezzi fisici per poterlo fare mentre all’uomo no?
        Come mai l’uomo non è in grado di catturare, sconfiggere, uccidere, squartare, sezionare, gustare le carni, il sangue, i muscoli, i tendini, le ossa a mani nude nessun animale presente sulla faccia della terra?
        Tutti gli animali sono o troppo grandi o troppo piccoli o troppo forti o troppo veloci, i nostri dentini e le nostre unghiette non riescono a strappare un millimetro di pelle di un maiale.
        Inoltre, senza marinature, cotture, salature, pepature, oliature, condimenti vari, erbe aromatiche e aggiunte di un numero imprecisato di altri ingredienti, nessuno riesce a mangiare la carne; non trova strano considerare naturale un cibo che, senza decine di artifici che hanno lo scopo di nasconderne il vero sapore, è immangiabile se non ripugnante ai nostri sensi?
        Non trova strano che tutti, compresi quelli che senza chili di sale, senza condimenti, senza esaltatori di sapori non riescono a mangiare nulla, le uniche cose che riescano a mangiare al naturale così come sono senza aggiungere niente siano la frutta e alcune verdure?
        Come mai?
        Non sarà forse perché solo frutta e alcune verdure sono il vero cibo naturale per l’uomo?
        Attilio.

      • Andrea Luchi 21/07/2012 a 07:56 #

        Non ho ricevuto così tanti insulti come quando ho scritto questo post sui vegetariani. Buffo che delle persone miti e consapevoli diventino così violente quando le si tocca nel vivo.
        Non voglio convincere nessuno ad abbandonare l’alimentazione vegetariana…semplicemente gradirei delle repliche urbane (come questa) a sostegno delle proprie tesi.

      • Pietro 22/07/2012 a 10:19 #

        La scelta di escludere dall’alimentazione tutti i cibi di origine animale comporta inevitabilmente conseguenze sulla salute nel lungo periodo?

      • Andrea Luchi 22/07/2012 a 11:34 #

        Si

      • Pietro 22/07/2012 a 12:19 #

        … Anche ricorrendo ad integratori di vitamina B12, ferro, calcio… tali rischi permangono?
        E’ poi vero che il ferro degli spinaci è più difficile da assimilare? Ho anche sentito che le vitamine B dell’alga spirulina non sono assimilabili come quelle della carne.

      • Andrea Luchi 22/07/2012 a 12:38 #

        Con l’integrazione ovviamente le cose migliorano…

      • Antonio 11/06/2015 a 23:07 #

        Dottore Luchi, siamo alle solite. 🙂
        Ci sono infiniti esempi di persone anche illustri che sono sempre state vegetariane ed hanno condotto una vita brillante sia fisicamente che mentalmente.
        Purtroppo sappiamo benissimo come ci si ammala e si muore in occidente, l’eden dei “mangiatori di carne”.

  36. Pietro 22/07/2012 a 12:40 #

    Leggo fonti web che la maggior parte dei vegetariani sono donne, nonostante il maggiore fabbisogno di ferro…

  37. andrea 22/07/2012 a 19:44 #

    non si può mangiare la carne cruda? e la trita allora? va bhe, cmq l’uomo ha sempre usato utensili per tagliare gli animali (anche pietre accuminate) ecco perchè con le mani, grazie a dio, possiamo fare tante altre belle cose

  38. Gianlorenzo 23/07/2012 a 00:03 #

    Buonasera.
    Una domanda molto semplice, a cui spero mi risponderà:
    chi è che riempie certi reparti come ad esempio gastroenterologia, cardiologia od oncologia in tutti gli ospedali del mondo?
    Si tratta di persone con un’alimentazione vegana o di persone con un’alimentazione “normale” che poi finiscono per ritrovarsi con stomaci, fegati, intestini, reni, cuori malandati a causa della loro alimentazione?

    Come fa, poi, a dire che essere vegetariani fa male, quando i cibi maggiormente imputati di nuocere alla salute (dall’originare svariate patologie fino ai tumori) sono proprio la carne e i derivati animali? Va da sè che eliminando dall’alimentazione i cibi che ci fanno male sia positivo e salutare, certamente più salutare di una alimentazione che include questi cibi.
    Come mai, se la carne non fa male, se ne consiglia un uso moderato e di un paio di giorni alla settimana? E, se viceversa facesse bene, come mai non se ne consiglia il consumo giornaliero e magari abbondante, come avviene invece per frutta e verdura?
    Il solo fatto che cibandoci di carne e derivati andiamo incontro a problemi di salute e che, per contro, a proteggere la nostra salute siano frutta e verdura dovrebbe farci capire che la carne non è cibo adatto a noi, possibile che sia tanto difficile da comprendere?

    Sulla b12 ha scritto:
    ” Mi spiegate perchè madre natura ci ha creati vegetariani e non ci fa “funzionare” senza la Vit B12 che si trova solo nella carne? Forse siamo un animale diverso dagli altri che in natura trovano tutto quello che gli serve per sopravvivere?”
    La b12 non si trova affatto solo nella carne!!!
    E’ prodotta da batteri del terreno e quindi è ben presente nei vegetali, come madre natura ha previsto: se oggi non ne troviamo nei vegetali o ne troviamo poca è a causa dei lavaggi e sterilizzazioni varie a cui li sottoponiamo, altrimenti la b12 ci sarebbe eccome.
    Singolare poi che anche chi mangia carne rischia carenze di b12.
    Come singolare è il fatto che anche chi mangia carne può essere anemico, e singolare è anche il fatto che il ferro eme delle carni sembra essere implicato nell’insorgenza di patologie e tumori, a causa del danno ossidativo che crea.
    Altrettanto singolare è che anche i grassi saturi, presenti nelle carni e nei derivati, siano all’orgine di patologie e anche tumori.
    Singolare è anche che per stare in salute dobbiamo evacuare con regolarità e quindi cibarci di cibi ricchi di fibre, altrimenti ci teniamo dentro i prodotti di rifiuto del nostro corpo (feci), il che nuoce alla salute, e che la carne essendo priva di fibre non solo non aiuti l’evacuazione ma la renda più lenta e difficoltosa.

    Sui fitati: si è scoperto che hanno un elevato potere anticancerogeno, di fronte alle quali le problematiche di assorbimento (in realtà molto esagerate) paiono irrilevanti.
    E in ogni caso i fitati vengono notevolmente ridotti dall’ammollo e dalla cottura.

    Per gli omega3 si è scoperto che la fonte migliore per assumerli sono i vegetali, c’è anche un articolo su Pubmed.
    La vitamina D la sintetizziamo semplicemente esponendo il nostro corpo (o porzioni di esso) al sole: in pratica la produciamo ogni giorno, dato che nessuno gira completamente coperto dai piedi alla testa.

    Omocisteina: cos’è che ne abbassa i livelli? L’acido folico. E dove lo si trova in abbondanza l’acido folico? In molti tipi di frutta e verdura (il nome stesso dell’acido folico rivela dove è presente, dato che il termine “folico” rimanda al termine “foglia”).

    Quanto alle uova, avevo letto che sono pessime in particolare per la prostata, e che chi ne consuma corre un rischio di tumore prostatico molto più elevato di chi non ne consuma (la stessa cosa per i latticini, se ben ricordo): non ne sa niente? Mai sentito niente al riguardo?

    Mi sembra che alla fin fine a far male alla salute non sia certo l’alimentazione vegetariana nè tantomeno quella vegana, bensì quella che include gli alimenti che aumentano i rischi per la nostra salute, ossia carne e derivati animali… non trova?

    • Andrea Luchi 23/07/2012 a 09:29 #

      Il paragone non va fatto con l’alimentazione comune a tutti, che chiameremo SAD (dieta standard). Un vegetariano mangia meglio di un uomo comune, su questo non ci piove. La SAD è quella che riempie gli ospedali.

      Per il resto lei scrive una serie di cose inesatte, sulle quali non ho tempo e voglia di ribattere. Solo il fatto che si affermi che i grassi saturi animali facciano male meriterebbe un volume a se. Come che la carne sana faccia male: la carne che lei accusa è quella di Mac Donald, e su quello non ci piove che non sia sana.

      Insomma non sto difendendo la SAD. Ma la cosa che non ha senso è essere vegetariani. Per mille motivi, anche etici (si etici!).
      Basta leggere The Vegetarian Myth scritto da un ex vegetariano. Sfido qualsiasi essere dotato di cervello a continuare ad essere vegetariano dopo la lettura di questo libro! Si accettano scommesse.

      • Gianlorenzo 23/07/2012 a 12:17 #

        Il paragone lo si può fare anche con una persona che mangia carne ed ha uno stile di vita “salutista”, sono sicuro che non cambierebbe nulla.

        “Per il resto lei scrive una serie di cose inesatte”
        Mi piacerebbe sapere quali sono queste inesattezze e perchè lo sono…

        “Solo il fatto che si affermi che i grassi saturi animali facciano male meriterebbe un volume a se.”
        Non lo dico io, ci sono anche svariati articoli su Pubmed che associano il consumo di grassi saturi a problemi vascolari e anche ad alcuni tipi di tumori.

        Ho dimenticato un ulteriore argomento a sfavore della carne e dei cibi animali, ossia il fatto che questi siano acidogeni per il nostro organismo.
        E si è scoperto che proprio l’acidità organica favorisce patologie e tumori.
        C’è anche uno studio dell’ISS al riguardo, dato che si è visto che un tumore è avvantaggiato da un ambiente acido mentre blocca la sua crescita in un ambiente tendente all’alcalinità.
        Ora, quali alimenti acidificano e quali invece alcalinizzano?
        Ad acidificare sono soprattutto carne e derivati animali, mentre ad alcalinizzare sono frutta e verdura.
        Un altra prova che non siamo fatti per mangiare carne e che il nostro cibo più adatto sono ii vegetali.
        Quindi anche parlando della carne più “sana” al mondo, quella del contadino vicino casa per intenderci, questa farà sempre male al nostro organismo.
        Ovvio poi che quella del Mc Donald’s è ancora peggio.

        Altro argomento che depone a sfavore della carne e dei derivati animali: il bioaccumulo.
        Una delle “obiezioni” mosse ai vegetariani/vegani è “Anche le vostre verdure e la vostra frutta fanno male dato che sono piene di pesticidi”.
        Ah, e i mangimi dati agli animali (tra l’altro praticamente tutti ogm) sono senza pesticidi?
        Io almeno frutta e verdura posso lavarle eliminando così buona parte dei pesticidi, gli animali invece accumulano questi pesticidi (oltre ai farmaci usati in zootecnia) nei loro tessuti, nel loro grasso e nel loro latte, coicchè vi sarà una concentrazione di sostanze tossiche (anche derivanti dall’inquinamento atmosferico) nella carne o nel latte di gran lunga maggiore di quella riscontrabile in un vegetale.
        Anche questo aspetto fa capire come sia ben più vantaggioso adottare un’alimentazione vegetale.

        Ad ogni modo avevo anche chiesto:
        come mai, se la carne non fa male, se ne consiglia un uso moderato e di un paio di giorni alla settimana? E, se viceversa facesse bene, come mai non se ne consiglia il consumo giornaliero e magari abbondante, come avviene invece per frutta e verdura?

      • li 26/08/2012 a 15:22 #

        Salve

        ha letto la prima recensione su presente su AMAZON di The Vegetarian Myth ? cosa ne pensa?

        http://www.amazon.com/The-Vegetarian-Myth-Justice-Sustainability/dp/1604860804

        Saluti

      • Andrea Luchi 26/08/2012 a 15:31 #

        È un libro che consiglio…spiega bene, pur con i suoi limiti perché non ha senso essere vegetariani…

      • Pietro 26/08/2012 a 21:46 #

        Non avrebbe senso essere vegetariano… E mangiare 20-25 uova alla settimana?

  39. Gianlorenzo 23/07/2012 a 13:09 #

    Se cominciamo a postare link a studi vari non se ne esce più, dato che come le ho detto anche su Pubmed ci sono decine di studi che collegano il consumo di carne e derivati a patologie e tumori.
    Aldilà degli studi, basta guardare alla realtà di tutti i giorni e vedere chi sviluppa determinate patologie e a cosa sono dovute: non ho mai sentito di vegani assidui frequentatoridi ambulatori medici e/o ospedali, mentre questi ambienti sono popolati da gente “normale” che mangia “normale”, con le conseguenze del caso.

    Quanto al suo link, che tra l’altro conclude dicendo che gli studi fatti hanno molte limitazioni e che saranno necessarie altre verifihe, mi aspetto che quindi (avendolo lei postato) non abbia remore ad agire di conseguenza, assumendo quindi anche grosse quantità di latticini ecc…, dato che nell’articolo si dice che non fanno male, no?
    Dopo tutto è risaputo: chi ha problemi di obesità, problemi cardiovascolari, problemi metabolici, diabete sono i vegani e non chi mangia secondo i dettami comunemente in voga nei salotti televisivi col nutrizionista di turno che non manca mai di lodare le carni e i prodotti animali… (forse perchè i canali su cui va in onda sono ampiamente sponsorizzati da mortadelle, bistecche, prosciutti, formaggi, latte e tonni?).

    Quanto al resto, le avevo posto domande precise, ma vedo che passano stranamente inosservate.

    • Andrea Luchi 23/07/2012 a 13:12 #

      Gianlorenzo, Lavoro anche ogni tanto…non ho tempo e voglia per replicare a tutto.
      Però mi piacerebbe che lei linkasse un bello studio sulla carne che fa male, così ne parliamo ok?

      • valeria 11/03/2014 a 16:57 #

  40. Gianlorenzo 23/07/2012 a 14:05 #

    Nessun problema, può rispondere quando vuole, non pretendo che lo faccia all’istante…

    Ecco alcuni studi,comeda lei richiesto:

    Cancro colon-rettale e carne rossa:
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22553166

    Carne rossa associata a un maggior rischio di mortalità, di malattie cardiovascolari e cancro:
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22412075

    Consumo di carne positivamente correlato colcancro colon-rettale:
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22296386

    Consumo di carne e polipi/tumori colon-rettali:
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22441289

    Altri:
    http://www.peacelink.it/animali/a/11669.html

    http://www.corriere.it/salute/nutrizione/09_gennaio_02/carne_latticini_tumore_prostata_96e4f2ee-d8db-11dd-8512-00144f02aabc.shtml

    http://www.jrcformazione.altervista.org/modules.php?name=AvantGo&op=ReadStory&sid=86

    Questo riguarda le uova e il tumore prostatico, come avevo accennato:
    http://sintomiemalattie.it/index.php/2344-cancro-alla-prostata-letale-lassunzione-di-uova.html

    In definitiva, mangiare carne cruda è rischioso per via di possibili batteri, parassiti o per il rischio di infezioni, mangiarla cotta è altrettanto richioso a causa delle sostanze tossiche che si sviluppano cuocendola (i grassi della carne con la cottura sviluppano sostanze cancerogene, se non mi sbaglio): eppure ci si ostina a dire che la carne fa bene o che siamo fatti per mangiare carne… mah.
    Buon lavoro intanto, ora vado che ho da fare anch’io….

    • Andrea Luchi 23/07/2012 a 14:12 #

      Cominciamo dal primo.
      Meta-analisi di studi osservazionali. Lo sa lei quale è il valore dimostrativo degli studi osservazionali? È pari a zero. Qualsiasi epidemiologo glielo può confermare. Non dimostrano nulla, zero, zip, nada. Servono solo a fare delle ipotesi che poi vanno dimostrate con un altro tipo di studi.

      Come inizio della dimostrazione non c’è male. Fine prima puntata.

    • Andrea Luchi 23/07/2012 a 20:01 #

      2 studio…prospettico…fatto col questionario alimentare. Valenza dimostrativa pari a zero. Chiunque si occupa di queste cose sa che i questionari non hanno affidabilità. Non dimostra nulla.

      • Anonimo 23/07/2012 a 21:14 #

        ahah un pò mi viene da ridere….! i vegeteriani sono troppo convinti delle proprie buone abitudini alimentari (che per l’uso di verdura e frutta lo sono, meno per quello dei cereali e dei legumi)
        caro gianlorenzo lei provi anche solo un mese una dieta paleo seria e poi mi dica….

        PS sono un ex vegetariano che ha risolto un sacco e mezzo di problemi con un cambio di mentalità e di alimentazione

      • April23 24/07/2012 a 07:16 #

        Non capisco perché si cada sempre nel trappolone degli “studi scientifici”; studi il più delle volte ridicoli che servono solo a spillare soldi e a dimostrare che in quel buio scantinato si lavora ogni tanto oltre che fare le schedine e parlare di tette.
        A cosa serve postare uno studio quando questo viene smentito da altri 50 che a loro volta si smentiscono tra di loro?
        Non entriamo nel vortice del prendere in considerazione solo gli studi che ci fanno comodo e dell’evitare quelli che contraddicono i nostri pensieri, ignoriamoli tutti per quello che sono: carta straccia.
        Di esempi ce ne sono tanti: la gioia di tutti gli alcolizzati è stato sapere che il vino fa bene, soprattutto quello rosso per il resveratrolo!
        Già, il resveratrolo che, tra l’altro, si trova nell’uva in quantità ben superiori che nel vino e volete sapere quanto vino occorre bere prima di avere un minimo di beneficio da questa magica sostanza?
        Bisogna berne 20 (venti) litri!
        Ora capite benissimo di cosa stiamo parlando, di buffonate utili a riempire i trafiletti di giornale e i telegiornali di Minzolini o di Mimun.
        Gli “studi scientifici” hanno il più delle volte lo scopo di dimostrare ciò che si pensa e si fa di tutto per trovarlo e non dimentichiamo che, molte volte, questi studi vengono finanziati da industrie alimentari (secondo voi in uno studio pagato dalla simmenthal potrà mai venire fuori che la carne in scatola fa male?) e da industrie farmaceutiche il cui scopo è fare soldi, non la nostra salute.
        In conclusione, per sapere se una cosa è buona o cattiva per noi, io non mi affido a questi studi, mi bastano un po’ di esperienza, i miei sensi, un poì di logica e di ragionamento.
        Ciao.
        Attilio.

  41. Gianlorenzo 23/07/2012 a 17:49 #

    Ho preso degli studi un po’ a casaccio, senza nemmeno stare a vedere se fossero meta-analisi o altro.
    In ogni caso, ci sono svariati altri studi che associano la carne a patologie e tumori, alcuni glieli ho linkati: su quelli cosa mi dice (ha commentato solo il primo link)?
    E come risponde alle domande che le ho posto?
    Come mai, se la carne non fa male, se ne consiglia un uso moderato e di un paio di giorni alla settimana? E, se viceversa facesse bene, come mai non se ne consiglia il consumo giornaliero e magari abbondante, come avviene invece per frutta e verdura?

    • Andrea Luchi 23/07/2012 a 19:18 #

      Io la consiglio tutti i giorni e la mangio tutti i giorni…

  42. Gianlorenzo 23/07/2012 a 19:51 #

    Beh, allora se lo lasci dire: lei consiglia male (e fa pure male lei a mangiarla tutti i giorni).
    I miei commenti terminano qui, dato che mi pare d’aver capito che la sua è una battaglia piuttosto personale, che mette da parte e non vuol guardare sia le evidenze scientifiche che quelle della vita di tutti i giorni (non ha commentato gli altri link che ho postato nè le mie obiezioni… sarei curioso di sapere perchè… ma non mi dica che non ha tempo, dato che il tempo per leggere e rispondere con una riga l’ha trovato e volendo avrebbe potuto rispondere punto per punto, già che c’era).
    Continuare a discutere con chi si ostina a difendere l’indifendibile per partito preso sarebbe come sbattere su un muro di gomma: cioè una cosa stupida e una perdita di tempo.
    Saluti e buon lavoro.

  43. Pietro 25/07/2012 a 21:33 #

    Gentile Dr. Luchi, per curiosità desidero sapere se in passato siete stato vegetariano venendo scottato da questa scelta.

  44. Mary Cucinotta 27/07/2012 a 15:19 #

    Dottore non apprezzo molte delle cose che ha messo nel suo messaggio , il quale, a mio avviso, suona un pò “minaccioso” e “disinformato”. Mi dispiace vedere persone come lei con “qualifica” portar fuori strada chi ha quel minimo di coscienza e di sensibilità per intraprendere questo cammino di salute e di amore x la vita.. spero che se ne renda conto.
    @Gabriella Filice anche io avevo molti dei problemi che hai elencato tu..da quando sono diventata vegetariana (ben 16 anni fa!) e poi negli ultimi mesi vegana, non prendo neanche + medicinali! non ho mai + avuto problemi di varia origine e natura…ed è davvero raro che io stia male anche per un banale raffreddore..sono anni che non prendo 1 influenza pur essendo a contatto a volte con familiari che hanno il virus.. che quindi potrebbero contagiarmi! ..che dire è una nuova vita!! sicuramente migliore di quella da carnivora..+ forza..+ serenità..niente malesseri…è poi e proprio come hai detto tu! nasce un fiore nel cuore ..e questo serve a stare ancora meglio! 🙂
    Cordiali Saluti

    • Andrea Luchi 27/07/2012 a 15:28 #

      Mary sono felice che lei sia tranquilla, sana e serena. Questo non cambia la mia opinione che l’essere vegetariani è pratica contro natura e contribuisce al malessere di tutto l’ecosistema terrestre.
      Non esiste alcuna popolazione primitiva vegetariana, ad esempio, e questo la dice lunga…certamente non possiamo accusare questi popoli di non essere in profonda simbiosi con la natura e poco amanti dell’ecosistema terrestre. Non sono avidi capitalisti o spregevoli sfruttatori di animali…..

  45. Pietro 27/07/2012 a 21:55 #

    Ai vegetariani e soprattutto ai vegani che scrivono in questo blog chiedo: assumete o no integratori di vitamine e minerali?

    • April23 28/07/2012 a 05:14 #

      Rispondo per me: io, vegan crudista al 100% che mangia solo frutta e verdure a foglia verde crude, non assumo nessun tipo di integratore, non ne ho assolutamente bisogno; frutta e verdura nel loro stato naturale hanno tutto ciò di cui abbiamo bisogno nelle giuste percentuali e nelle giuste quantità.
      Caro Pietro, sembra incredibile ma la domanda andava posta a chi segue la dieta paleo visto che tutti i guru di questa dieta sono grandi venditori e grandi consumatori di integratori di ogni tipo: vitamina C sintetica, glutathione, vitamina D, etc.
      Senza dimenticare l’assurdità degli integratori proteici, di vitamina B12, di ferro e di omega 3; ma come, ci dicono che essere vegan provoca delle carenze proteiche, di vitamina B12, di ferro assimilabile, di omega 3 e poi loro che seguono la dieta perfetta a base di proteine nobili, di cibi ricchissimi di B12, con il ferro migliore e più assimilabile e straboccanti dei migliori omega 3 presenti in natura, costretti ad integrare questi nutrienti?

      • Andrea Luchi 28/07/2012 a 09:40 #

        Le uniche integrazioni che io consiglio sono:
        -vitamina D perché essa si prende con il sole (a parte pochi cibi che non si trovano facilmente alle nostre latitudini) e noi viviamo troppo al chiuso.
        -omega 3 perché mangiamo poco pesce e la carne di oggi ne contiene pochi a causa dell’alimentazione a cereali dei bovini. Dare i cereali ai bovini riduce il contenuto di omega 3 della carne. Stessa cosa accade coi polli…le uova del contadino sono molto più ricche di omega 3 di quelle industriali.

        Non dimentichiamo poi che lo sfruttamento intensivo del suolo lo rende più povero di nutrienti, quindi, ad esempio frutta e verdura di oggi, in alcune zone sono meno ricche di importanti nutrienti di una volta.

      • Pietro 28/07/2012 a 11:17 #

        Solo frutta e verdura? Niente tofu o derivati dalla soia? L’apporto proteico non è carente con questo regime alimentare?

      • April23 28/07/2012 a 12:13 #

        Pietro, l’uomo ha bisogno al massimo del 5-6% di proteine, non di più, basti pensare che la natura, nella sua perfezione, per l’età della nostra vita in cui abbiamo più bisogno di proteine ci ha riservato un cibo che ne contiene quella percentuale, il 5-6%; questo cibo è il latte materno.
        La frutta è il cibo presente in natura con in media quella percentuale e, quindi, da questo punto di vista basta ed avanza a coprire tutto il fabbisogno proteico di chicchessia, dal sedentario al lavoratore in miniera.
        La verdura, importantissima per “integrare” alcune proprietà perse dalla frutta dovute ai metodi di coltivazione, di proteine ne ha addirittura troppe, siamo intorno al 20%.
        Tofu e derivati della soia?
        Cibi dannosi come gli omologhi carnei o lattei in quanto acidificanti; non per niente la comunità medica li spinge molto dopo averli demonizzati per anni: hanno visto che fanno star male e fanno ingrassare come la carne ed i formaggi e questo è ciò che conta per loro.
        Ricorda che noi abbiamo bisogno di poche proteine, poco ferro, poco selenio, poca B12; le uniche cose di cui abbiamo bisogno in grandissime quantità sono praticamente la vitamina B9 e la vitamina C.
        Solo chi ha interessi a spingere un’alimentazione a base di carne e latte può affermare il contrario.
        Ciao.
        Attilio.

      • Andrea Luchi 28/07/2012 a 12:14 #

        Interessante….quanto grasso ha il latte materno?

      • April23 28/07/2012 a 12:23 #

        Dottore, ancora una volta sottovaluta la natura: il latte materno è nettamente più grasso della frutta (a parte alcuni frutti ricchi di grassi come l’avocado) e della verdura ma se avesse “creato” il latte materno non così grasso, nessun bambino avrebbe mai assunto una quantità di latte sufficiente a sopravvivere e nessuna madre avrebbe avuto una quantità di latte sufficiente a soddisfare il fabbisogno calorico del bambino.
        Per conferma, guardi cosa accade con i bovini: il latte di vacca ha una percentuale di proteine intorno al 20% e cosa mangia il vitellino dopo lo svezzamento?
        L’erba che ha proprio quella percentuale proteica ma una percentuale di grassi nettamente inferiore al latte vaccino.
        Ciao.
        Attilio.

    • Pietro 31/10/2012 a 20:20 #

      Gentile Dr. Luchi, avete citato gli integratori di omega 3 come utili. Avendone assunta una quantità giornaliera di 2 g per parecchi mesi senza avvertire benefici, mi viene il dubbio che tali integratori siano una bufala per spillare quattrini ai consumatori ignari.
      Mi sorgono dubbi sulla buona fede che sta dietro certi studi, come quello di Pavia, relativamente recente, che attribuirebbe proprietà antidepressive a tali integratori.

      • Andrea Luchi 31/10/2012 a 20:25 #

        Dipende dalla loro qualità, dalla patologia di cui lei soffre, etc etc insomma é difficile commentare ciò che lei dice. E poi non sempre i benefici sono apprezzabili nel breve termine…

      • Pietro 31/10/2012 a 20:34 #

        Fatta la mia esperienza, sono molti mesi che li assumo senza vedere benefici, rimango fermamente convinto che gli integratori di omega 3 siano un bidone, oltre che molto costosi.

      • Pietro 31/10/2012 a 22:19 #

        … Desidero precisare che gli integratori di omega 3 da me assunti sono quelli certificati dalla nostra medicina ufficiale: Eskim 1000.

      • Attilio 01/11/2012 a 12:25 #

        Rispondo a chi ha chiesto se i vegetariani e, soprattutto, i vegan assumo integratori.
        Io, vegan crudista al 100%, assumo tutto ciò di cui ho bisogno dalla fonte migliore che esista in natura: dalla frutta e dalla verdura.
        Non solo non assumo nessun integratore ma non bevo più neanche l’acqua visto che non ho più sete e tutta l’acqua di cui il mio corpo ha bisogno la trovo negli unici cibi naturali per noi.
        Semmai la domanda è da porre a chi segue la paleo dieta visto che i guru di questa dieta vendono qualsiasi tipo di integratore sui loro siti, basti vedere i siti di Robb Wolf e, soprattutto, quello di Mark Sisson.
        Ma come, la paleo diet dà tutto ciò di cui abbiamo bisogno e poi dobbiamo riempirci di integratori schifosi?
        Strano!
        Certo, poi ci sono i vegan classici che hanno bisogno di integrare in quanto mangiano ancora tante schifezze (cereali, legumi, verdure cotte, frutta insieme a tutto il resto, etc.) ed hanno delle carenze quasi come i mangiatori di carne o, addirittura, ci sono i vegan crudisti che cadono nel tranello di integrare la B12 quando solo con frutta e verdure crude riusciamo ad ottenerne quella piccolissima quantità che è quella giusta per il nostro corpo che ha bisogno di piccolissime quantità di molti elementi come la B12, le proteine, il calcio, il selenio, etc.
        Ogni eccesso in tal senso è dannoso; per il nostro organismo non vale il detto anglofono the more is better.
        Attilio.

    • valeria 18/03/2014 a 16:07 #

      E perché mai? Ero costretta a prenderli quando ero onnivora perchè il mio metabolismo si auto-distruggeva continuamente, non ultima l’anemia. Da quando ho eliminato qualsiasi tipo di carne l’anemia è sparita 🙂

      • SH 08/06/2017 a 18:11 #

        io ero all’opposto tuo pesavo 3 anni fa 92,500 Kg,avevo 17 anni ne stavo per compiere 18, ero anemico debole, avevo problemi alle ginocchia,inoltre ho avuto del liquido al ginocchio non perchè ero vegano o vegetariano ma mangiavo quasi niente di carne solo verdura frutta legumi e molti cereali, da quando sono andato dal mio dietologo,naturalmente mi ha fatto fare delle analisi, mi ha fatto seguire una dieta equilibrata in cui introduceva carne cereali verdure ,frutta,legumi e con regolare attività fisica di almeno 30 min al giorno .ho raggiunto i 55 kg ora sono aumentato di 4 kg di massa muscolare e le analisi che ultimamente ho fatto mostrano la scomparsa della mia anemia oltre ad un miglioramento fisico sia dal punto di vista energetico ma anche strutturale.ora io non vado a dire che la paleo dieta sia delle migliori ma neanche la vegana e la vegetariana (a mio parere).l’ideale è fare uno stile di vita sano alimentandosi di tutto tranne di cibi spazzatura,ed inoltre non fumare ne bere, e fare regolare attività fisica.quindi non capisco l’accanimento di quelli che sostengono la propria dieta dicendo che sia quella più giusta come i bambini della scuola elementare,intanto alla fine le persone leggerano e continueranno a fare quello che facevano.però la mia idea è che inutile dire che non si mangia carne perchè gli allevatori non trattano gli animali in maniera consona,perchè intanto anche se qualche persona non mangia carne,loro continueranno a fare quello che fanno,e le altre persone mangeranno le loro carni con voi o senza di voi.inoltre per mantenere l equilibrio dell’ecosistema e chiudere la catena alimentare.inoltre gli altri animali onnivori mangiano tranquillamente sia carne che componente vegetale.
        a questo punto concludo dicendo che anche le piante soffrono,infatti manifestano i propri sintomi attraverso varie emissioni di sostanze ed inoltre le piante che presentano delle strutture di difesa come i perastri, il melo ecc.., lo fanno perchè durante il loro processo evolutivo hanno incontrato dei danni da parte dei animali,quindi non vogliono essere disturbati,vuol dire che non devono essere mangiati. saluto,dicendo che tutto cio che ho scritto venga visto come un pensiero da parte di un giovane universitario quasi in conclusione dei propri studi e quindi non deve essere visto come un accanimento.

  46. PathofGod 28/07/2012 a 00:58 #

    Salve a tutti! Io ho 22 anni sono latto vegetariano da 3 anni e faccio ginnastica artistica e kung fu per un totale di 4 allenamenti a settimana più allenamenti per conto mio (pesi, corpo libero, esercizi vari di kung fu ecc) studio all’università e non ho qualsivoglia deficit di intelletto anzi mi reputo moderatamente intelligente… l’energia non mi manca anzi! mi è capitato spesso di dover tornare a casa dall’uni (2 ore di viaggio giuste giuste) alle 8 di sera e 10 minuti dopo andare ad allenamento di ginnastica (che non è proprio danza del ventre) quindi tornare a casa alle 11 passate e quindi cenare… tutto questo dopo una giornata iniziata con sveglia alle 5.45 quindi corsa (molte volte letteralmente andando a piedi … ) fino alla stazione. Voi potreste dire “ma si sei giovane sprizzi di vitalità!” ma io vi dico che prima di essere vegetariano mi muovevo tanto (ma tanto tanto) ma l’energia che ho acquisito con questo cambiamento nella dieta è stata per me semplicemente sorprendente!!!! Me ne sono accorto circa 2 settimane dopo la mia decisione, quando addirittura un mio compagno d’arti marziali, dopo un esercizio che ormai stavo facendo solo più io, dopo che gli altri ragazzi erano completamente spossati, esordì con: “ma tu cosa ca**o ti mangi?” COSA NON MI MANGIO SEMMAI !!!

    Diventare veg è stata una delle scelte più belle (e intelligenti) che abbia mai preso e non tornerei mai indietro. Essa ha avuto inoltre alcuni autorevoli esponenti sia per quanto riguarda l’intelletto (scienza:Leonardo, Einstein, Tesla pensiero: Voltaire, Platone, George Bernard Shaw) che il fisico (atleti di qualsiasi disciplina: dal Bodybuilding alla atletica leggera dalla Boxe al Nuoto ecc ecc).

    infine vorrei dire che gia seguivo una dieta “attenta” prima di essere vegetariano e che ho avvertito questo grande cambiamento nei giorni successivi (come ho gia detto circa 2 settimane) all’eliminazione totale della carne. se posso andare nel dettaglio quello che noto ormai da tempo è la mia capacità di sopportare più facilmente fatiche fisiche rispetto ad atleti del mio stesso livello.

    Questa è stata la mia esperienza e nessuno potrà mai togliermela con qualsiasi tipo di dato scientifico/idea o teoria ecc ecc.

    PS studio biologia e al momento sto studiando per dare l’esame di evoluzione e non sono del tutto convinto del fatto che questi uomini cacciatori-raccoglitori siano l’esempio migliore per poterci basare su una dieta umana ottimale (cioè quella che dovrebbe essere stata seguita dagli uomini, diciamo, più primitivi possibile) perchè se avevano armi per cacciare erano già al dì fuori della loro natura d’uso esclusivo delle mani. Inoltre questa storia di considerare la dieta “primigenea” come la migliore per l’uomo mi sembra una futilità proprio perchè se un organismo si è adattato ad una situazione questo NON significa che questo adattamento sia il migliore possibile per essa anzi…

  47. Pietro 29/07/2012 a 13:13 #

    Cordialmente e senza polemica o ironia, chiedo al Dr. Luchi se regolarmente assume 20-25 uova alla settimana.

    • Andrea Luchi 29/07/2012 a 14:17 #

      • Pietro 29/07/2012 a 16:26 #

        … Consigliereste ad altri un simile consumo di uova?

      • Pietro 14/08/2012 a 22:38 #

        Assumere tre uova al giorno significa, secondo i LARN dell’Istituto Nazionale della Nutrizione INRAN, ingerire 900 mg di colesterolo, contro il massimo consigliato giornaliero di 300 mg.

  48. Anonimo 29/07/2012 a 14:39 #

    Inoltre questa storia di considerare la dieta “primigenea” come la migliore per l’uomo mi sembra una futilità proprio perchè se un organismo si è adattato ad una situazione questo NON significa che questo adattamento sia il migliore possibile per essa anzi…

    ahah questa è bellssima ! ma come ragionate mi chiedo?

    • PathofGod 29/07/2012 a 15:51 #

      Ciao, io semplicemente penso che se un tempo non c’era, per esempio, disponibilità di mangiare legumi (come dice il sig. Luchi) e gli esseri umani si sono sviluppati senza e adesso invece ne abbiamo l’accessibilità questo non vuol dire che non ci facciano bene.

      PS il ragionamento che io ho fatto e che tu hai riportato deriva in particolare da queste righe del libro ‘Evoluzione: modelli e processi’ di Ferraguti-Castellacci pag. 15:

      “Ora è vero che la maggior parte dei caratteri biologici sono adattamenti e che gli esseri viventi sono adattati all’ambiente in cui vivono, non foss’altro perchè altrimenti verrebbero controselezionati, ma è anche vero che, invece, molti caratteri non sono ben adattati, non sono “la soluzione migliore” a un certo problema, ma semplicemente consentono la sopravvivenza”.

      Se avessi dei dubbi sul fatto che si parla di caratteri biologici e non di dieta a pag 13 dello stesso libro cito:

      “Il concetto di carattere (o di tratto) è semplice solo in apparenza: esso infatti include aspetti morfologici, fisiologici e comportamentali.”

      Il mio comunque voleva solo essere un ragionamento logico basato su una qualche nozione scientifica e mi piacerebbe sentire come mai tu lo sminuisci con tanta sufficienza. Grazie

      • Anonimo 30/07/2012 a 21:48 #

        semplicemente non ha senso…. tutti gli animali si adattano nella maniera migliore possibile all’ambiente che hanno intorno, poi i meno fortunati si estingono….. cmq l’uomo ha mangiato carne nel passato questo è un fatto innegabile da prove lampanti (mi viene ad esempio in mente nel dvd di cordain quando si vedono delle foto di teschi animali su cui c’erano segni evidenti di uso di utensili per tagliare la lingua, ricordandoci che le frattaglie erano il primo pasto dopo l’abbattimento della preda)
        e poi c’è un fatto altrettanto innegabile gli uomini non vivono bene con un eccesso di carboidrati nella dieta……come mai? sarà che non mangiano abbastanza cereali?

  49. Vegan 28/08/2012 a 12:05 #

    io sono VEGANA da 5 anni e la mia salute è nettamente migliorata! GO VEGAN!

    • Andrea Luchi 28/08/2012 a 17:22 #

      Non ne dubito. Mangiare vegetariano è meglio che mangiare quello che comunemente si mangia.

  50. Anonimo 01/09/2012 a 10:20 #

    semplicemente una constatazione: da onnivora carente di ferro, da vegetariana carente di ferro. Dove sta la verità?

    • Andrea Luchi 01/09/2012 a 10:33 #

      Non è che gli onnivori mangino meglio dei vegetariani, anzi spesso peggio. Quindi non si può fare questi paragoni.
      La prima cosa che mi viene in mente è il consumo di cereali (pane e pasta) che è simile nei veg e negli onnivori. A volte si associa ad anemia per la presenza dei fitati nei cereali.
      Scommetto 100 lire che se lei fa la paleo l’anemia migliora (se la causa è quella citata sopra).

      • Anonimo 04/09/2012 a 20:23 #

        Grazie innanzitutto per la risposta. In realtà mangio molti meno cereali ora che sono vegetariana che non quando ero onnivora: il pane praticamente non c’è mai sulla mia tavola e ho anche diminuito l’uso di pasta, sostituito da molta (ovviamente verdura) e legumi.

      • Anonimo 04/09/2012 a 20:52 #

        Ho letto il primo dei link che lei ha messo, quello sul tasso di mortalità fra vegetariani e non: mi pare che si affermi che la percentuale è identica. Non capisco cosa lei voglia dire…Forse mi sfugge il messaggio..

      • Andrea Luchi 05/09/2012 a 13:58 #

        Vado a memoria, forse volevo dire che i vegetariani NON campano di più …..

  51. Axel 02/09/2012 a 02:09 #

    Ciao a tutti, vorrei dire la mia.

    Trovo l\’articolo un po\’ poco obiettivo: parlare nel 2012 di carenze di B12, ferro e zinco nelle diete vegetariane è a dir poco assurdo, dato che una dieta a base vegetale impostata correttamente apporta tutti i micronutrienti necessari. Poi ci sono gli adepti di Vaccaro che pensano che la B12 sia una favola, quelli che non mangiano abbastanza legumi per paura dei \”gonfiori\” e non assumono sufficiente ferro… ma non si fanno in questo modo le statistiche, così come non si fanno sui celiaci.

    Non sappiamo molto di quello che mangiavano i nostri progenitori, di certo non erano vegetariani: verdure, frutta, radici, animali e non certo cereali e legumi componevano la loro dieta. Ma se ci siamo evoluti mangiando così tanta carne, perché il nostro intestino – e tutti il resto – non si è adattato di conseguenza? Magari mangiavamo carne per necessità, dopotutto non sappiamo se davvero fossimo così in forma…

    Gli antichi Romani, mangiatori di cereali, verdure, frutta, uova, non mi pare fossero un popolo di malaticci trasandati, ma tra i più avanzati di sempre, e scrivevano che per 600 anni non hanno avuto bisogno di medici.

    Scriverei di più ma non so se è il caso: se mi rispondi sarò ben lieto di continuare la discussione. Grazie per la disponibilità!

  52. Sono morto a causa della dieta vegan, ma non lo so. 18/09/2012 a 01:23 #

    D: “Perche’ dopo milioni di anni il nostro intestino non si e’ sviluppato, e l’uomo risulta tutto tranne che un predatore naturale?”
    R: Le possibili motivazioni sono due:
    1- La teoria dell’evoluzione e’ una bufala
    2 – L’uomo non si e’ mai nutrito della quantita’ di carne che sostenete. Tra l’altro la invito ad informarsi perche’ ci sono studi di paleontologia che sostengono che i nostri antenati mangiassero prettamente vegetali: quindi come puo’ vedere, la scienza e’ un’opinione, dipende dai gusti culinari dei singoli scienziati. Infine, se e’ vero che siamo primati e, mi verrebbe da dire quindi in linea teorica che siamo fruggivori come quasi tutti i primati (del resto la frutta e’ l’unico alimento che possiamo mangiare senza fuoco e senza tecniche, insieme a qualche ortaggio, qualche tubero e qualche piantina – forse qualche insetto), allora come i nsotri cugini scimpanze’ e gorilla, e’ possibile che l’uomo si sia nutrito solo di una minuscola % di animali. Del resto la carne cruda ha un sapore orribile senza l’ausilio di spezie, limone, e sicuramente e’ piu’ gradevole se cucinata (come si evince anche dal video linkato da Alessia). A proposito di cibo cucinato.
    D: “Il fuoco quando e’ stato scoperto? E, prima dell’avvento del fuoco, secondo lei gli uomini si nutrivano di animali cosi’, come se fossero pop-corn o magari il sapore della carne gli faceva storcere un po’ il naso?”
    Ho altre domande da porle. Facciamo un esperimento. Prendiamo un gruppo di 20 persone mi segue? Le chiudiamo diciamo per una settimana in una stanza SENZA CIBO. Rendiamo il tutto piu’ coinvolgente caro dottore, diciamo che nella stanza ci siamo anche io e lei. Alla fine della settimana ci fanno uscire e ci portano in una stanza. Nella stanza ci sono due tavolate, una piena di banane e cocomeri, la seconda piena di conigli e galline morte e CRUDE. Ci danno la possibilita’ di scegliere, possiamo nutrirci in uno dei tavoli: O in uno O nell’altro. Lei, dottore, in quale tavolo si fionderebbe dopo una settimana di digiuno? E, per istinto, secondo Lei, il resto dei partecipanti all’esperimento, dove si fionderebbero: sulle galline morte o sui cocomeri?
    Infine guardi che TUTTI i vegetariani che conosciamo tra i famosi occidentali, sono TUTTI morti in eta’ molto longeva, cosa meno comune tra gli “onnivori” odierni (dico quelli dal boom economico in poi che mangiano carne tutti i giorni – e per fortuna cotta altrimenti non arrivavano ai 30 anni), dove acciacchi, infarti e ictus prematuri sono all’ordine del giorno. Infine, last but not least, dovrebbe dare un’occhiata al link che le linko, che afferma, alla fine tra le CURIOSITA’, che: “Gli Avventisti del Settimo Giorno presenti oggi negli USA sono considerati tra le comunità più longeve al Mondo. Con un’età media femminile di 89 anni ed una maschile intorno agli 87 sono al 1º posto, nella classifica Statunitense. Tra i motivi riguardanti la perseverante Salute di cui sono portatori, ci sono verosimilmente da annoverare una dieta povera o del tutto priva di proteine animali[5], unita alla consapevole scelta di optare prevalentemente per generi alimentari di origine biologica”. http://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_cristiana_avventista_del_settimo_giorno

  53. Sono morto a causa della dieta vegan, sono un fantasma. 18/09/2012 a 02:07 #

    PS: a proposito del libro che lei celebra “The Vegetarian Myth” – libro che ho letto, molto fazioso anche se scritto da una ex-veg e senza un bricilo di dati scientifici – le suggerisco di leggere questa illuminante review –> http://www.theveganrd.com/2010/09/review-of-the-vegetarian-myth.html

    • valeria 18/03/2014 a 16:12 #

      Concordo in TUTTO!

  54. Enzo 26/10/2012 a 12:05 #

    Lei lamenta una certa aggresività da parte dei vegani di fronte alle sue strampalate teorie,è il caso di dire “Da quale pulpito”, ma si rende conto della sua violenza nell’ incoraggiare il consumo di alimenti dannosissimi alla salute umana oltre che contribuire all’ incremento della vergognosa mattanza ai danni dei nostri fratelli animali .Nella nostra predilezione per la salute e il conseguente rispetto per la vita di tutte le creature qualche insulto nei suoi confronti ce lo deve pur concedere, di sicuro non auspichero mai che lei venga uncinato vivo per una coscia, appeso capovolto e successivamente sgozzato come accade a circa 7000 animali per ogni secondo trascorso ma almeno qualche problemino di salute a seguito della sua scellerata alimentazione glielo posso augurare?

  55. Enzo 26/10/2012 a 12:22 #

    Infatti, c’ è poco da commentare ma molto su cui riflettere.

    • Andrea Luchi 26/10/2012 a 12:26 #

      Riflettiamo…mumble…mumble….nessuna cultura tradizionale é vegetariana…i soliti sporchi selvaggi corrotti dalle industrie alimentari e farmaceutiche, mica come noi col culo sul divano e una bella pizza sulle ginocchia davanti alla tv…noi si che amiamo gli animali!!!!

  56. Enzo 26/10/2012 a 13:10 #

    HO smesso di sedermi a mangiare la pizza davanti alla tv che ci bombarda di publicità e messaggi ignobili. sono uno che dopo quasi mezzo secolo di scellerata alimentazione carnea ovo casearia afflitto per oltre 20 anni da una terribile fibrosi cistica con la consapevolezza di essere giunto al termine del mio percorso,sono letteralmente rinato dopo circa 8 mesi di alimentazione vegano fruttariana ed oggi dopo quasi 3 anni paradisiaci ho portato indietro il mio orologio biologico di oltre 20 anni.La questione etica sugli animali è solo la quadratura del cerchio di questo splendido progetto.

  57. Viola Anna 29/10/2012 a 18:25 #

    In molti siamo a conoscenza che LA CARNE
    genera radicali liberi,
    leucocitosi,
    crisi enzimatica,
    carenza di vitamine,
    aumento di colesterolo,
    aumento del battito cardiaco,
    acidificazione del sangue, sali inorganici,
    prelazione di calcio,
    causa malattie: uricemia, ipertensione, reumatismo, gotta, cancro…
    accorcia la vita,
    causa sofferenza e morte agli animali,
    affama il Terzo Mondo:

    chi mangia una sola bistecca di manzo consuma:
    20.000 litri di acqua potabile
    1,5 litri di petrolio
    3 kg di cereali
    2 mq di foresta
    Oltre l’inquinamento dell’ambiente, l’enorme spreco di risorse umane ed economiche per far fronte alle malattie, oltre alla irrevocabile estinzione di migliaia di specie animali e vegetali,

    VISTO TUTTO QUESTO, dr. Andrea Luchi
    PER QUALE ASSURDO, IRRAGIONEVOLE, INNATURALE, AUTOLESIVO MOTIVO DOVREI MANGIARE LA CARNE e il PESCE?

    Lei dottore è mai stato una giornata in visita ad un macello?
    Grazie se vorrà rispondermi.

    • Andrea Luchi 29/10/2012 a 20:49 #

      No, mai stato in un macello. Guardo i documentari del National Geographic dove i leoni sbranano le gazzelle. Che cattivi questi leoni, li mettiamo in punizione?

      • Enzo 30/10/2012 a 00:05 #

        No, il leone non va messo in punizione in quanto egli è smaccatamente carnivoro con le sue zanne, i suoi artigli retrattili, la mandibola movibile solo verticalmente, la lingua raspa adatta a sgrattare la carne dalle ossa, lo stomaco privo di duodeno,intestino lungo un quarto del nostro, urina e saliva acide (noi alcaline) etc etc.Per noi umani il carnivorismo è, invece, un anomalia al pari dell’ alcolismo, del tabagismo e della tossicodipendenza,infatti sebbene sia in astinenza ed in perfetto stato di salute da circa tre anni, sbavo ancora alla vista di uno spiedino o di una fetta di salume.

      • Attilio 30/10/2012 a 10:12 #

        Dottor Luchi, ma che discorso è?
        E’ come se io le dicessi “mettiamo in galera tutti i bovini perché non mangiano la carne ma si nutrono solo di erba scondita o secca!”.
        Come si fa a paragonare l’uomo, frugivoro, con un altro animale come il leone che la natura ha voluto carnivoro?
        Il leone la gazzella innanzitutto se la procura per conto suo e con le armi che la natura gli ha donato, non fa fare il lavoro sporco ad altri o non se la procura cacciandola con armi che crea per quello scopo; il leone poi è in grado di mangiare e soprattutto di gustare la carne della gazzella così come è, non fa lo schizzinoso (no choosy lions!) ma della gazzella mangia veramente tutto e non ha bisogno di marinature, cotture, salature, condimenti vari, stagionature, etc. e di tutti gli altri artifici a cui ricorrono le persone per ingannare i loro sensi in maniera tale da rendere mangiabile, gustosa e appetibile un qualcosa come la carne che allo stato naturale è per loro immangiabile, schifosa, ripugnante, vomitevole e totalmente contraria alla sua natura di animale frugivoro, tendenzialmente pacifico, compassionevole ed inerme (la natura non ci ha dato né armi naturali come quelle elencate da Enzo è cioè artigli, zanne, denti adatti, velocità, potenza, forza, né armi come coltelli, fucili, etc.).
        Lei dottore come si procura la carne?
        Provi a procurarsela da solo; individui una vacca, cerchi di sopraffarla, la uccida a mani nude e se la divori sul posto così come è; se dovesse riuscire a farlo, le darò ragione.
        Le ripeto per l’ennesima volta che le uniche cose che l’uomo riesce a mangiare così come sono nel loro stato naturale sono la frutta e qualche verdura, niente altro; cosa bisogna fare per far carire a lei e a tutti quelli che considerano la carne un cibo naturale per l’uomo che solo frutta e qualche verdura crude sono i soli cibi che la natura ha riservato all’uomo?
        Enzo, io non sbavo davanti a nessun tipo di cadavere; certo, qualcosa, dopo tutti gli artifici a cui viene sottoposta per renderla mangiabile, ha un buon odore ma il sapere che cosa è, da dove viene ed i danni ingenti che procura, me la fa schifare comunque.
        Attilio.

      • Vale 26/09/2013 a 15:05 #

        Mi scusi, ma allora perché se tutto è così sensato fisiologico e naturale non prova a tagliare la gola a un maiale, a sparare in fronte a un vitello o a tirare il collo a una gallina? Troppo facile andare al supermercato e comprare una bella bistecca, tanto il lavoro sporco lo fanno gli altri

  58. Anonimo 29/10/2012 a 21:38 #

    e che dire dei gravissimi danni dovuti all’agricoltura convenzionale? la carne ad erba (e non quella convenzionale) è molto sostenibile checchè se ne dica……basta pensare che l’erba nasce spontanea senza uso di fertilizzanti ne sopr di pesticidi

  59. Enzo 30/10/2012 a 13:55 #

    Certo Attilio, anchio ne provo repulsione ma era giusto per far capire che come diverse sostanze estranee che introduciamo nel nostro organismo,la carne, oltre che latticini, uova caffè the zucchero e via dicendo, crea una sorta di dipendenza che minano in breve tempo la nostra salute ed io, ripeto, ne sono un esempio vivente in quanto non molto tempo fà affetto dalla fibrosi cistica, rischiavo la vita nell’ affrontare anche il più banale degli sforzi ( anche una leggera caminata).Oggi dopo 3 anni di alimentazione vegana-crudista e a quasi 50 anni mi vien voglia di partecipare alle olimpiadi.

    • Tonia 06/06/2014 a 03:16 #

      Ciao Enzo, ho trovato questo blog per caso facendo delle ricerche poichè io ho lo stesso problema, ovvero sono affetta da fibrosi cistica e proprio come hai detto tu ogni cosa diventa una grandissima fatica. Sono sempre più convinta di voler cambiare alimentazione, perchè eliminando il latte ho già riscontrato grandissimi vantaggi. Ora però per il resto ho davvero serie difficoltà a far quadrare il mio piano alimentare.Mi piacerebbe molto conoscere il tuo percorso, così da adattarlo per me e stare bene anche io.
      Spero che mi risponderai presto, Tonia.

  60. andrea 30/10/2012 a 22:40 #

    invito a tutti i vegetariani a recarsi nel bosco e vedere quanta frutta o verdura (sempre se la riconoscete) riuscite a mangiare, stateci qualche giorno e vediamo con la fame che vi viene se poi non volete mangiarvi degli insetti o cacciare degli animali (qualunque essi siano)

    e poi i resti dei nostri antenati sono spesso ritrovati con resti di animali accanto e vi sono numerosi segni sulle ossa di quest’ultimi, segni che fanno intendere un consumo di organi interni e carni…… ah tra l’altro le parti più grasse in questione!
    ecco perchè si vive meglio e con più energia limitando i carboidrati semplicemente perchè il loro accesso fu molto limitato per lunghissimi periodi dell’anno (in particolare di inverno)

    ricordiamoci infine che l’uomo si è evoluto in un era mediamente molto più fredda dell’attuale

    • Andrea Luchi 31/10/2012 a 11:26 #

      Ricordo a tutti i vegani che continuano a postare con insulti vari che i messaggi aggressivi e violenti verranno cestinati. Esprimete le vostre idee senza accusare chi non la pensa come voi di incompetenza, malafede, corruzione etc etc….
      Eviterete di vedere il vostro messaggio nel cestino…

    • April23 31/10/2012 a 11:54 #

      Caro Andrea, io, vegetariano dal 1993, vegan dal 1995, da circa 2 anni sono vegan crudista e mangio solo ed esclusivamente frutta e qualche verdura tutto rigorosamente crudo.
      Non uso nessun condimento (al massimo spremo del limone sull’insalata) e non tocco più qualcosa di cotto da quando ho fatto questa scelta.
      Posso garantirti che, alimentato a frutta e verdura, non mi è mai venuta voglia di insetti o di cacciare altri animali.
      Piuttosto vorrei chiederti una cosa: perché non vai tu nel bosco a procurarti la carne di cui nutrirti?
      Scommettiamo che dopo pochi istanti, vista la fame che ti verrebbe, cominceresti a nutrirti di frutta e verdura?
      Attilio.

  61. Walking Irish 31/10/2012 a 14:16 #

    Dissi ad andrea:
    1) Esistono un’infinità di studi che dimostrano la pericolosità della carne per l’uomo. The China Study e Cambridge 2000 in testa: Denise Minger non ha smontato Campbell.
    2) Io mi nutro praticamente solo di frutta + poche verdure crude: mai sofferto la fame, ho sopportato con facilità 8 giorni di digiuno ad aprile.
    3) Con i tuoi denti, andrea, sei in grado di spezzare e mangiare ossa animali? Lo fai regolarmente per garantirti tutti i nutrienti?
    4) La fame è una sensazione di acidità di stomaco tipica di chi non è crudista: io non ho mai fame da un anno a questa parte e sono in perfetta salute (Dio benedica Valdo Vaccaro).
    5) L’uomo nel bosco, allo stato brado, come ricorda April23 troverà molto più semplice mangiare frutti e verdure crude che non animali di qualsiasi tipo. Non abbiamo armi anatomiche per ucciderli e mangiarli crudi…e penso che un cadavere intero non sia preferibile a delle fragoline di bosco.
    6) Il carboidrato è il carburante umano: non consumarlo per avere più energia equivale a staccare la corrente al computer per farlo funzionare meglio.
    Non sono stato sarcastico questa volta, spero non si offenda nessuno.

    • SIlvio 21/01/2014 a 22:09 #

      Per fortuna abbiamo l’intelletto superiore alle bestie e per catturare un animale in un bosco che non deve essere per forza un cinghiale o un orso basta poco. Lepri selvatiche si prendono facilmente.

  62. Viola Anna 31/10/2012 a 15:04 #

    “Se non fosse per la carne, noi dottori avremmo poco da fare. – (Dr. Allison, esperto in alimentazione).
    Dr. Luchi, cosa voleva dire il dr.Allison quando ha scritto questa frase?

    E di queste altre frasi, cosa ne pensa?
    “Il cibo animale, l’abuso del quale si fa ogni giorno più grande, non è un cibo in nessun senso, ma un veleno continuo”. (Prof. Dr. Huchard).

    “L’umanità sembra avere della paglia o della segatura al posto della materia grigia, per cui continua a mangiare bovino e maiale, crostacei e sushi, carne bianca e cacciagione, tacchini e anatre, inaffiandoli con vino e birra, ed aromatizzandoli con theina e caffeina, sapidificandoli con il più salato veleno e dolcificando con quello più dolce. Un’autentica opera di auto-distruzione”. (Valdo Vaccaro)

  63. Walking Irish 31/10/2012 a 15:18 #

    Viola Anna cosa significa che Roy Swank blocca la sclerosi multipla dei pazienti che seguivano rigidamente una dieta con minori quantità di cibi animali? E che Esselstyn e Ornish limitandoli fanno regredire le cardiopatie? E che molti scienziati sconfiggono il diabete con una dieta vegana? Potrei andare avanti così per un’ora…
    gliu chiedi cosa vuol dire? con un commento così è già buona se non ti censura.

  64. Walking Irish 31/10/2012 a 17:23 #

    Beh dottore non mi risulta che si parli di Omega-3. Quelli da lei citati sono speculazioni sull’evoluzione, se ne possono citare infinite. Nathaniel Dominy sostiene, come avevo già detto in un post che lei mi ha aggressivamente cestinato, che l’uomo si sia nutrito principalmente di amidi nella sua storia. Il fatto che la carne non ci abbia reso intelligenti risulta ovvio osservando leoni, iene e tigri che certo non sono più intelligenti di noi anche se di carne ne consumano decisamente di più. Inoltre l’uomo non fece grandi progressi con l’alimentazione carnea da 2,5 milioni a 10000 anni fa (con la magnificata dieta paleolitica): con l’avvento dell’agricoltura e l’abbandono dei quintali di carne sono nate le grandi civiltà, non a caso vicine a grandi fiumi che facilitavano l’irrigazione.
    Io aspetto una risposta seria al perchè ha cestinato i miei messaggi di ieri e, soprattutto, sul perchè gli Omega-3 vegetali sono inassimilabili. Cosa non vera poichè la scienza ha riconosciuto da un pezzo l’assimilabilità degli acidi grassi ad esempio delle noci.

    In molti siamo a conoscenza che LA CARNE
    genera radicali liberi,
    leucocitosi (Kautchakoff),
    crisi enzimatica,
    carenza di vitamine,
    aumento di colesterolo,
    aumento del battito cardiaco,
    acidificazione del sangue, sali inorganici,
    prelazione di calcio,
    causa malattie: uricemia, ipertensione, reumatismo, gotta, cancro…
    accorcia la vita,
    causa sofferenza e morte agli animali,
    affama il Terzo Mondo:

    chi mangia una sola bistecca di manzo consuma:
    20.000 litri di acqua potabile
    1,5 litri di petrolio
    3 kg di cereali
    2 mq di foresta
    Oltre l’inquinamento dell’ambiente, l’enorme spreco di risorse umane ed economiche per far fronte alle malattie, oltre alla irrevocabile estinzione di migliaia di specie animali e vegetali,
    per far mettere su un kg ad un manzo servono 7 kg di cereali che si potrebbero consumare così come sono.
    il consumo di carne a livello mondiale inquina più di tutto il settore dei trasporti preso integralmente!!!

    VISTO TUTTO QUESTO, dr. Andrea Luchi
    PER QUALE ASSURDO, IRRAGIONEVOLE, INNATURALE, AUTOLESIVO MOTIVO DOVREI MANGIARE LA CARNE e il PESCE?

    Lei rispose a tutto ciò dicendo che no, non era mai stato in un macello! No dottore non ci siamo. Eviti per una volta di postare link inopportuni e affronti questi argomenti citati da Viola Anna rispondendo con razionalità alle sue argomentazioni. Attendiamo ansiosi. Vogliamo che lei ribatta punto su punto. Buon lavoro.

    • Andrea Luchi 31/10/2012 a 17:57 #

      Non ho molto tempo per rispondere. Lei ha fatto le sue citazioni e espresso le sue opinioni. Smetta di essere incalzante…chi legge si farà una sua opinione…

      • valeria 18/03/2014 a 16:17 #

        Professore, risponda, che senso avrebbe questo blog?

    • SIlvio 21/01/2014 a 22:13 #

      “In molti siamo a conoscenza che LA CARNE…”
      in molti chi ?
      Senza studi veri e autorevoli prove scientifiche, non ha valore.
      In molti credevano che la terra fosse piatta…..
      Tutti scienziati e professori, dopo aver letto 4 pagine di Focus.

  65. Anonimo 29/11/2012 a 11:11 #

    Caro dottore, se essere vegetariani fa male, mi potrebbe spiegare gentilmente come mai, da quando sono mezza vegana, non ho più problemi di mal di stomaco, brufoli, irritazione alla pelle, mal di testa, e non mi ammalo da tre anni (cioè quando ho smesso di mangiare carne)? E mi spiega come mai il livello di proteine nel mio corpo è superiore a quello del mio ragazzo che mangia carne? Inoltre, lo sa che lei sta divulgando informazioni sbagliate e pericolose? Lo sa che per colpa del consumo di carne, viene sprecata tantissima acqua, vengono disboscate foreste, viene tolto il cibo (cereali) ai bambini del terzo mondo??? La verità, dottore, è che lei è influenzato da quello che la medicina le inculca! Sà, ho fatto le analisi per donare all’Avis e indovini?? Sono donatrice!! La mia dottoressa, invece, mi aveva detto che essendo mezza vegana non avrei assolutamente potuto donare! Chissà perchè il MEDICO dell’Avis mi ha fatto donare!! La verità è che l’industria della carne spende tanti soldi in pubblicità che promuovano il consumo di carne, così come le case farmaceutiche non guadagnerebbero più, se la gente iniziasse a mangiare sano, e quindi smettesse di ammalarsi. Le ricordo, tra l’altro, che in passato l’uomo si nutriva di cereali, legumi, semi e frutta, e la carne veniva “cacciata” e mangiata anche cruda, non esistevano mattatoi, frigoriferi e supermercati! Se lei chiama in appello la natura, si ricordi che al giorno d’oggi viviamo completamente contro natura, quindi non vedo perchè il vegetarianesimo dovrebbe essere più pericoloso delle radiazioni che riceviamo tutti i giorni e dalle sostanze inquinanti nell’aria.

    • Anche io sono donatore di sangue e anche a me il medico diceva che senza assumere pane, pasta e carboidrati a indice glicemico alto difficilmente avrei donato. E invece dono ogni 3 mesi.

      Mi alleno la mattina presto a digiuno da svariati anni aumentando costantemente i carichi in palestra (natural bodybuilding e powerlifting). Il tutto con 30-50 gr di carboidrati in corpo (dopo l’allenamento) composti al 100% da verdura (cruda o bollita). Non assumo frutta, se non in rari casi. Dire che i carboidrati sono il “motore” del corpo non è esatto. Dopo un breve periodo di allenamento la mattina a digiuno il corpo si adatta. Se non fosse così dovrei avere un fisico emaciato e zero forza.

      Ho una percentuale di grasso di circa 12% nei periodi invernali fino al 7% nei periodi caldi. Quindi, la carne non fa ingrassare. Sarei curioso, non certo per fare una competizione, vedere le vostre foto e valutare la composizione corporea: massa magra (muscoli) e massa grassa.

      Recentemente ho fatto un folle esperimento: smettere la Paleo e mangiare prevalentemente frutta e cereali. Nonostante l’attività fisica intensa, sono ingrassato di parecchi chili. Tornato alla Paleo (in combinazione con il digiuno settimanale a intermittenza) in 4 mesi ho perso 17 kg e svariati cm nel girovita. Trovate le foto qui: http://www.alessandrocosimetti.com/13100-dimagrire-velocemente/

      Mangio carne, pesce e uova da sempre.

      Dal punto di vista etico non dico nulla ai vegani, ma insistere sul consumo di cereali quando nella Paleo sono vietati sia nell’assunzione diretta che indiretta (ovvero mangiando bestiame nutrito con cereali) mi sembra un’inutile perdita di tempo. Vi hanno già risposto.

      Inoltre vi è una differenza sostanziale tra industria della carne e autoproduzione e questo vale anche per la frutta e verdura.

      • Salvatore Sindone 08/02/2013 a 14:22 #

        anchio sono per la paleo, ma di tipo vegetariano, il problema non è la frutta, noi siamo frugivori adattivi, il problema sono i cereali che sono cibo per uccelli, ti dirò, io mangio solo frutta e verdura. al limite farie come gli scimpanzè , aggiungerei il 3% di carne. sempre tutto crudo e naturale tranne che per la carne, niente di più elaborato .

  66. April23 01/12/2012 a 18:38 #

    E comunque, l’amore che dimostri ad ogni frase è commovente!

  67. Massimo 23/01/2013 a 14:47 #

    Da un punto di vista etico mangiare animali è inaccettabile. Sono vegetariano e anzi vegano da molti anni è la mia salute è perfetta, molto migliore di quando mi nutrivo di animali e derivati.
    Poi che si volgia restare all’età della pietra e continuare a inondare il Pianeta di sangue e di sofferenza, questo è un altro discorso.

  68. Salvatore Sindone 08/02/2013 a 13:56 #

    questo è vero solo in relazione hai cereali, che sono un cibo culturale quanto la carne. il corpo umano è una macchina frugivora crudista, Le cause gravi rappresentate dall’omocisteina e dai radicali liberi, sono tutte cose derivanti dal fumo, dai cibi grassi e cotti, dal cibo cotto, dal diabete, dall’ipertensione. gli indiani stanno peggio perchè mangiano troppi cereali.
    lei è un pò meglio di salute perchè ha rinunciato ai uno due killer mondiali(il cereale), ma si è affidato troppo alla carne(l’altro killer). il nostro corpo è preminentemente fruttariano. Un mondo già sbilenco e piegato di per sé verso la cottura distruttiva dei cibi, il passo successivo si chiama crudismo vegan, un pò come i bonobo, frutta 70% verdura 29% , ed 1% di insetti, ma ce li possiamo risparmiare, gli insetti non sono carne , sono chitina. persino gli scimpanzè , unico tra i primati a cacciare, non tutti, ma solo alcuni gruppi, la introducono in quote non superiori al 3%, e molti antropologi sono sicuri nell’affermare che si tratta di un cibo culturale, non utile alla loro fisiologia.

    • Salvatore Sindone 08/02/2013 a 13:58 #

      i reperti archeologici rivelano poi tutt’altro si legga alcuni autori antropologi.

      • Salvatore Sindone 08/02/2013 a 14:16 #

        L’omocisteina è un aminoacido non-proteico prodotto dal metabolismo della metionina.
        A dosi eccessive è considerata oggi uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolare e lei dovrebbe saperlo. non si trovano solo su fagioli e cereali , ma in carne , uova, latte e formaggio. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati, nominati “da formazione e dal il deposito Indotti da dieta dell’Amiloide-β di aumenti di hyperhomocysteinemia in un modello del mouse del Morbo di Alzheimer,„ nella Ricerca Corrente di Alzheimer del giornale. quindi è vero che i cereali sono più a rischio, ma non santifichiamo la carne, siamo frugivori e crudisti (crudisti come tutti gli esseri viventi). i corpo umano non ha mai imparato dal cotto, vedi leucocitosi digestiva, che non è fisiologica come voi medici pensate , ma come disse il medico paul kauchachoff è una leucocitosi patologica che avviene solo con il cibo cotto ed alterato, e che ci indebolisce lentamente , evidente solo quando arriviamo nella terza età.

    • Andrea Luchi 22/03/2013 a 21:55 #

      Mah….

  69. Elisa 04/03/2013 a 15:46 #

    tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno li troviamo in natura e la carne non è fondamentale per la funzione dell’organismo umano, qualcuno può dire che è buona ma non che faccia bene alla salute, tutte le malattie del benessere (cardiopatie, diabete di tipo 1, osteoporosi)sono collegate alle proteine i origine animale. il ferro, lo iodio, aminoacidi essenziali si trovano combinando gli alimenti. la vitamina b 12 si trova nel terreno di conseguenza se le verdure provengono da un’agricoltura biologica non convenzionale vedrai che non avrai deficit

    • Andrea Luchi 22/03/2013 a 21:58 #

      Falso.

      • Giada 29/06/2013 a 13:50 #

        Partendo dal fatto che io che sono vegetariana mi sento al quanto offesa leggendo certe cose “dottore”, scusi ma rispondo in quanto alle sue parole. Potrebbe informarsi un pò meglio sulle vitamine e le altre sostanze ma soprattutto le percentuali di queste contenute da tutti gli alimenti che esistono nel mondo di origine vegetale?? la vitamina b12 o cobalamina è contenuta nei cereali, muesli, soia e tanti altri alimenti vegetali basta solo informarsi. In quanto al discorso sugli indiani che non si nutrono di animali potrebbe semplicemente essere che non integrano bene la loro dieta forse?? Non tutti sono bene informati in questo mondo (compresi i carnivori, anzi chi crede di essere carnivoro) su che cosa fa bene o fa male al nostro organismo. Le riporto un elenco di alimenti che contengono la cobalamina: http://www.valori-alimenti.com/cerca/cobalamina-vit-b12.php e aspetto una sua risposta.
        Ma volevo dirle ancora un’altra cosa, analizzi bene il corpo umano rispetto a quello di un animale carnivoro: le sembra che noi umani abbiamo la loro stessa dentatura? Risposta: no, i carnivori possiedono canini lunghi, aguzzi e affilati, molari appuntiti, incisivi poco sviluppati. Gli erbivori e gli umani, invece, hanno l’altezza di quasi tutti i denti uniforme, i canini sono poco sporgenti, conici e smussati; i molari con sommità appiattita per masticare bene il cibo. I carnivori possiedono artigli e gli umani ed erbivori no. I carnivori non hanno pori nella pelle ma sudano attraverso la lingua per raffreddare il corpo; noi, invece, sudiamo attraverso i pori della pelle. I carnivori hanno piccole ghiandole salivari in bocca ( non necessarie per predigerire cereali e frutta); gli erbivori e noi, invece, hanno ghiandole salivari ben sviluppate, necessarie a predigerire cereali e frutta. La grande quantità del potente acido cloridrico nello stomaco per digerire i muscoli duri degli animali, le ossa ecc. li hanno solamente i carnivori perché gli erbivori e noi umani hanno i succhi gastrici 10 volte meno acidi dei loro. Essi predispongono anche di una saliva acida appunto con assenza di ptialina per la predigestione dei cereali. Gli erbivori, invece, hanno una saliva alcalina per digerire i cereali. Lo stomaco di un carnivoro è quasi sferico; il nostro, al contrario, è più ampio con continuazione nel duodeno per fungere da secondo stomaco. E’ lungo 10-12 volte la lunghezza del corpo (misura dalla bocca all’ano). Lo stomaco dei carnivori è solo lungo 3-5 volte la lunghezza del corpo, in modo che la carne in putrefazione possa essere espulsa velocemente, cosa che in un erbivoro non può avvenire quindi lascio immaginare quanto bene può fare avere della carne in putrefazione nello stomaco per dei giorni.
        Lascio perdere il discorso sulla vita che fanno gli animali negli allevamenti intensivi, perché una persona che non ha un minimo di sensibilità non può capire. Io personalmente, solo a pensarci piango per compassione. Quindi ci pensi bene prima di dare degli ignoranti e deficienti ai vegetariani e studi bene l’anatomia. Saluti aspetto una risposta sensata se la trova.

  70. Anonimo 04/05/2013 a 15:07 #

    Tu basati pure sugli isotopi radioattivi, io preferisco basarmi sulla realtà.

    • SIlvio 21/01/2014 a 22:18 #

      X Giada.
      Una cosa e’ fare una scelta morale piu’ o meno condivisibile, per salvare vite animali. Una cosa e’ cercare di piegare la propria alimentazione a tale scelta illudendosi che sia la via assoluta.
      p.s. Studi anatomici nel tempo che fu stabilivano la “razza pura” dalla dimensione del cranio…

  71. salomone 16/05/2013 a 09:19 #

    Ho trovato uno studio dell’ Università Degli Studi di Sassari intitolato :L’alimentazione dei centenari della Sardegna: il ruolo dei
    formaggi e delle carni ovine.
    Risulterebbe, tra le altre cose, che tra i centenari:

    61 maschi mangiano carne e 88 non mangiano carne
    106 donne mangiano carne e 109 non mangiano carne
    132 maschi consumano latticini e 17 non ne consumano
    198 donne consumano latticini e 17 non ne consumano

    Lo studio in pdf è scaricabile cercando su google: “UNIVERSITA 6a MOSTRA NAZIONALE OVINI DI RAZZA SARDA 3a Mostra Regionale Prodotti della Filiera”
    quarta voce in basso.

    Quindi centenari carnivori e non, Quasi tutti comunque latto consumatori. Sembrerebbe che I formaggi presentino bacilli con alta resistenza al pH e probabilmente con evidente attività probiotica.

    Mi aspetteri un commento da entrambe le “fazioni”

  72. tiziano 11/07/2013 a 13:47 #

    VEDE DR. LUCHI, IL SUO PROBLEMA E’ L’ IO, IO, IO, IL MIO COLESTEROLO, I MIEI TRIGLICERIDI, LA MIA PRESSIONE. IL FATTO E’ INVECE CHE LEI, COME ME’ NON HA ALCUN DIRITTO DI INFLIGGERE SOFFERENZE A NESSUN ALTRO ESSERE VIVENTE. QUANDO CAPIRA’ QUESTO, FORSE CAPIRA’ QUANTO E’ GRANDE UN VEGANO.
    AUGURI
    TIZIANO – GORIZIA

  73. Pietro 24/07/2013 a 14:13 #

    Gentile Dr. Luchi, continuate ad assumere importanti quantità di uova settimanalmente (20-25)? I valori del vostro colesterolo sono sotto controllo? Saluti.

  74. Andrea 01/08/2013 a 14:50 #

    Non avevo mai letto una tale sequela di falsità!
    Vi invito tutti a leggere la posizione ufficiale della più grande associazione di professionisti della nutrizione al mondo, l’American Dietetic Association:
    “E’ posizione dell’American Dietetic Association che le diete vegetariane correttamente pianificate, comprese le diete totalmente vegetariane o vegane, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale, e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, ivi inclusi gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia e adolescenza, e per gli atleti.

    Si definisce vegetariana una dieta che non includa carne di animali terrestri (inclusi i volatili) e marini o prodotti che contengano questi cibi. Il presente documento prende in rassegna i dati scientifici attuali relativi ai nutrienti chiave per i vegetariani, quali le proteine, gli acidi grassi omega-3, il ferro, lo zinco, lo iodio, il calcio, e le vitamine D e B12. Una dieta vegetariana è in grado di soddisfare le raccomandazioni correnti per tutti questi nutrienti. In alcuni casi, l’uso di cibi fortificati o di integratori può fornire utili quantità di nutrienti importanti. Una rassegna basata sull’evidenza ha mostrato che le diete vegetariane possono essere nutrizionalmente adeguate durante la gravidanza, che si conclude positivamente per la salute della madre e del neonato.

    I risultati di una rassegna basata sull’evidenza hanno mostrato che la dieta vegetariana è associata a una riduzione del rischio di morte per cardiopatia ischemica. I vegetariani evidenziano, inoltre, livelli inferiori di colesterolo legato alle lipoproteine LDL e di pressione arteriosa, nonché ridotti tassi di ipertensione e di diabete mellito di tipo 2 rispetto ai non-vegetariani. I vegetariani tendono ad avere un ridotto indice di massa corporea (BMI) e ridotti tassi di tutti i tipi di cancro. Le caratteristiche di una dieta vegetariana che possono ridurre il rischio di malattie croniche includono ridotte assunzioni di acidi grassi saturi e colesterolo, e più elevate assunzioni di frutta, verdura, cereali integrali, frutta secca, prodotti della soia, fibre e fitocomposti.

    La variabilità delle abitudini dietetiche dei vegetariani rende essenziale valutare in modo individualizzato l’adeguatezza nutrizionale della dieta. Oltre a effettuare questo tipo di valutazione, i professionisti degli alimenti e della nutrizione possono giocare un ruolo chiave nell’educare i vegetariani sulle fonti alimentari di specifici nutrienti, sull’acquisto e la preparazione dei cibi, e su ogni modificazione dietetica necessaria a soddisfare le richieste individuali. J Am Diet Assoc. 2009; 109: 1266-1282”

    • Andrea Luchi 02/08/2013 a 12:29 #

      Guardate su google chi sono gli sponsor di questa associazione. Rimarrete sorpresi.

  75. Luca Di Russo 21/08/2013 a 15:16 #

    sono un nutrizionista e gran parte delle cose che ha scritto non mi risultano.
    1) la vit b12 viene sintetizzata dai batteri intestinali, Per questo la fonte principale sono gli alimenti di origine animale, a cui vanno aggiunte anche uova e latte. E’ vero che la quantità è minore ma è anche vero che il fabbisogno è bassissimo.

    2) se è vero il punto 1 il problema dell’omocisteina non si pone

    3) le fonti di omega 3 sono alcuni tipi di pesce e alcuni tipi di vegetali come i semi di lino

    4) Ormai da molti anni è stato riscontrata una bassa incidenza di tumori al colon nelle persone che praticano un’alimentazione vegetariana

    5) gli onnivori non esistono. DI SOLITO, (e ripeto DI SOLITO), le persone che mangiano carne hanno un tipo di alimentazione molto meno varia di quelle vegatariane, le quali tendono a provare alimenti di natura diversa come la quinoa, i legumi ecc..

    Io sono assolutamente convinto che una dieta ovo-latto vegetariana non sia affatto dannosa per la salute. E’ più probabile che lo sia quella onnivora.

  76. Dieguito 27/08/2013 a 00:23 #

    “L’uomo e’ un animale onnivoro”

    Se fosse onnivoro avrebbe un organismo fisiologicamente strutturato per metabolizzare la carne. L ’anatomia comparata, la fisiologia comparata, l’embriologia, lo studio degli istinti, la immunologia ecc. dimostrano chiaramente che l’uomo, come gli animali folivoli-fruttariani, è strutturato a mangiare frutta, germogli e semi. Questa è stato affermato anche da: Baron Gorge Cuvier (1769-1832), uno dei maggiori naturalisti: “L’uomo sulle basi della propria struttura, è un mangiatore di frutta, della parte succosa dei vegetali e delle radici”. Dr. Richard Lehne, anatomista: “L’anatomia comparata prova che la dentatura umana è totalmente frugivora e ciò è confermato dalla paleozoologia con documenti vecchi milioni di anni”. Carolus Linnaeus (1707-1778), celebre botanico: “La frutta è il cibo più adatto alla bocca, allo stomaco, alle stesse mani dell’uomo, disegnate appositamente per raccogliere e mangiare frutta”. Sylvester Graham (1794-1851): “Esiste un rapporto definito tra la costituzione fisica di un animale e il suo alimento naturale”. Le recenti scoperte sui geni e la mappatura completa del genoma umano hanno confermato la caratteristica fruttariana del genere umano. Antropologi, anatomisti, gastroenterologi, biologi, cardiologi, cancerologi, sono concordi sulla struttura fruttariana del corpo umano. La morfologia umana evidenzia la differenza strutturale tra noi e gli animali carnivori: forma del cranio arrotondata, formula dentale diversa, movimenti laterali e antero-posteriori della mandibola, incisivi adatti ad addentare la frutta, molari piatti idonei a triturare semi, canini poco sviluppati, scarsità di acido cloridrico per la disgregazione delle proteine, assenza di enzima uricase per la disintegrazione degli acidi urici, pollice opponibile adatto a raccogliere frutti e semi, sedere grosso, intestino saccoluto adatto alla fermentazione di cibi vegetali. L’uomo come le scimmie antropoidi ha due mani e due piedi, niente coda, occhi che guardano in avanti, ghiandole mammarie sul petto, milioni di pori sudoripari nella pelle, ghiandole salivari ben sviluppate, saliva ed urina alcalina, lingua liscia, stomaco con duodeno, intestino sacculato lungo 12 volte la lunghezza del tronco, cioè a zone che servono alla fermentazione degli alimenti vegetali, placenta discoidale, colon convoluto. Il fatto che le scimmie antropoidi siano vegetariane indica chiaramente che l’essere umano non sia stato strutturato dalla natura a mangiare la carne, e che non è, come alcuni sostengono, un animale onnivoro. L’animale onnivoro, infatti, ha 4 zampe, coda, occhi che guardano di lato, mammelle sull’addome, incisivi assai sviluppati, molari possenti, formula dentale differente dalla nostra, saliva ed urina acida, fondo dello stomaco arrotondato, canale intestinale 8 volte la lunghezza del tronco, placenta non caduca.

  77. Francesca Veg Fuxia 05/09/2013 a 15:31 #

    informo i gentili onnivori e vegetariani che noi vegani siamo carenti di vitamina D e di B12 ESATTAMENTE tanto quanto lo siete voi! vi invito a fare un esame del sangue ( il medico ve lo potrà certo prescrivere) per valutare la vostra carenza di vitamina D e di vitamina B12. siete carenti anche se mangiate quintali di carne e anche se state al sole tutta l’estate. questo perchè gli animali di allevamento di cui vi cibate (e ovviamente i loro derivati), sono stati nutriti con alimenti arricchiti di antibiotici che uccidono i loro batteri intestinali al fine di uccidere il loro senso di sazietà e quindi spingerli a mangiare continuamente. tra i batteri che vengono uccisi dagli antibiotici vi sono anche quelli che producono la B12. per quanto riguarda la vitamina D ormai visto che siamo coperti da una patina di smog non è più possibile farla produrre dalla nostra pelle tramite esposizione al sole, è quindi necessario integrarli. in passato i vegani non avevano problemi di integrazione perchè il sole era sole vero, e la vitamina b12 la trovavano su frutta e verdura che veniva appena sciacquata sotto l’acqua, cosa oggi abbastanza inverosimile da praticare visti gli inquinanti e i pesticidi.
    queste cose non sono invenzioni mie, ma affermazioni del Dottor Pinelli, vicepresidente della Società della Società Scientifica di nutrizione vegetariana. informatevi prima di credere a tutto ciò che scrivono i mangiatori di carne per trovare giustificazione al dolore che creano.

  78. EMMA 10/09/2013 a 21:31 #

    Vorrei lasciare un commento anche io…Questo articolo mi ha fatto male, davvero. Non capisco come uno debba voler difendere con tanto vigore la causa dei carnivori convinti. Mangiare carne latte e uova ora che se ne può benissimo fare a meno, ora che abbiamo tutte le risorse per vivere una sana vita vegetariana o ancora meglio vegana- sarebbe secondo me addirittura da rimproverare. Ma non lo farò qui. Vorrei solo che si rispettasse la scelta di queste persone veg e che si cercasse di non diffondere notizie che vanno contro a questa scelta di vita in quanto eliminare carne latte e uova dalla dieta non può fare che bene al corpo e al pianeta. Forse chi scrive non ha in mente come funzionano le “dairy farms” e cosa succede all’interno dei mattatoi e se ha poca sensibilità per queste cose dovrebbe almeno pensare a quanti danni bestiali provoca il commercio della carne a livello ambientale fra diboscamenti continui e inquinamento. Se non volete rinunciare alla carne voglio vedervi cacciare un animaletto e mangiarlo intero occhi pelo e tutto perchè è questo che fa un vero animale carnivoro! perchè non ho gli strumenti per ammazzare una lepre e mangiarla con le mie mani nude se sono una bestia carnivora? perchè non ho la forza necessaria per tritare con i miei denti la carne cruda di un animale mentre al contrario la mia mascella fa un movimento rotatorio tipico degli animali erbivori? perchè il mio intestino è così lungo? perchè dovrei voler mangiare il ciclo mestruale di una gallina o le secrezioni di un animale di tipo completamente diverso da me? Le cose da dire sarebbero infinite a proposito ma il mio consiglio- il mio punto sarebbe quello di riflettere a fondo sulla questione in maniera più ampia senza pensare solo ai problemi che la carenza di singole sostanze dovute ad una dieta veg potrebbero causare all’individuo prima di compiere atti dannosi al mondo all’umanità-o meglio alla vita in generale (avendo anche gli animali un ruolo importante all’interno del dibattito). Questo articolo è orribile, offensivo ed estremamente dannoso:
    -offensivo verso chi sceglie di essere veg perchè non esiste una singola ragione per ritenerla una scelta sbagliata, nemmeno quelle discusse nell’articolo sono valide in quanto la vit b12 si ricava benissimo dalla natura essendo prodotta da batteri e non da animali- io per esempio lo ricavo dallo sperma del mio compagno E ALTRI ANIMALI ERBIVORI PER ESEMPIO IL KOALA NON RUMINANTI LO RICAVANO MANGIANDO ALLE VOLTE LE LORO FECI..OPS! COME MAI ANIMALI ESPLICITAMENTE ERBIVORI HANNO CARENZE DI VITAMINA B12? SONO FORSE IN REALTA’ CARNIVORI ANCHE LORO?-Per chi si è dimenticato di essere infine una bestia esistono gli integratori anche se come dice il dottore assumere integratori non è naturale..Ma le feci si! Feci notoriamente ricche di vitamina B12 si! Scavate nei ricordi della vostra infanzia, anche lei dottore. Quanti di voi ricorda di aver giocato con le proprie feci da piccoli? Non abbiate paura è comune fra i bambini-niente di strano! E ora ditemi quanti di voi catturava animaletti e li uccideva con i suoi piccoli artigli e con le sue piccole zanne da bimbi? Quanti pochi istinti carnivori abbiamo naturalmente! Dal punto di vista etico non c’è niente di male comunque anche se non si è d’accordo con le ipotesi da me avanzate prima ad essere veg cercando di causare il minor male possibile al nostro pianeta;
    -orribile e dannoso perché dietro a questo articolo si vanno a proteggere tutte quelle anime ignare che non hanno l’intelligenza o il coraggio di affrontare la questione nella sua interezza e evitano (oppure ignorano semplicemente) di riflettere sullo schifosamente dannoso impatto che il loro consumo felice di carne ha su ogni cosa! Mostri!
    Il mondo ora più che mai ha bisogno di aiuto. Se degli animali non vi importa nulla e vi piace saperli ingabbiati e torturati in maniere atroci, almeno usate il vostro egoismo per pensare a quanto bene fareste al pianeta se doveste interrompere il consumo (inutile insensato e immorale) di carne latte e uova! Perchè no? Esistono ottimi piatti vegani, al buon gusto non rinuncereste come non rinuncereste alla salute (meno antibiotici e schifezze come ormoni femminili che stanno facendo venire la cellulite anche agli uomini che si assimilano attraverso la carne, zero problemi di colesterolo, ridotto rischio di infarti-malattie veneree!) e un’altra buona notizia è che come lo sperma anche i fluidi vaginali contengono la famosa Vitamina B12!
    Insomma non c’è nessun motivo di guardare con tanta ostilità a chi vuole fare il minor male possibile E IO MORO CENTO MILA VOLTE DI TUTTE LE CARENZE CHE VOGLIO SE MI DOVESSERO CAPITARE PER PIGRIZIA (NON CI SAREBBERO ALTRI PROBLEMI FISICI LEGATI ALL’ESSERE VEGANI SE NON MANCANZA DI ATTENZIONE) PUR DI NON ALIMENTERE IL VOMITOSO MERCATO DELLA CARNE. Il discorso chiaramente non vale per quelli di voi che crescono gli animali che mangia in libertà e in maniera dignitosa per poi ucciderli con le proprie mani e crudi senza farne avanzare una singola parte.

  79. Fr. 08/10/2013 a 11:46 #

    Dr. Luchi, ho letto molto interesse il suo articolo e la discussione che ne è nata.

    Si nota come con il passare dei giorni (e deduco della diffusione del suo articolo) ci sia stato un crescente accanimento nei suoi confronti da chi dissente e di conseguenza decrescente interesse da parte sua a rispondere. Immagino sia dovuto a due motivi.
    Il primo la sordità di chi contesta ( citando studi a caso, come candidamente ammesso da qualcuno) l’articolo da lei scritto ( persona preparata, cosa innegabile a prescindere da quanto uno sia d’accordo o no con le sue opinioni e le sue conclusioni). Sordità che non permette nemmeno di sentire quando lei dice “meglio una dieta vegetariana attenta alle schifezze che solitamente mettiamo a tavola”, ma lei dice anche, ed è l’idea di fondo che ho scorto nel suo articolo, “meglio ancora una dieta onnivora ben impostate e attenta alla qualità dei prodotti che si mettono a tavola”.

    è molto facile informarsi sui siti che promuovono la dieta vegana. Siti nei quali ogni articolo che anche solo vagamente parla del fatto che il consumo di carne e prodotti di origine animale (in certe quantità, condizioni, etc) aumenta di un X% il rischio di qualche malanno, viene proposto come “anche questo articolo dice che i prodotti di origine animale fanno male”.
    Molto più difficile è studiare seriamente, come ha fatto e fa lei, ed essere in grado di discernere quando un’ipotesi è quantomeno sensata, e quando un’ipotesi è palesemente assurda.

    In bocca al lupo. Questo articolo le porterà una vagonata di accessi al blog, ed altrettanti commenti e e-mail di insulti. Me ne dispiaccio, merita tutt’altro trattamento.
    Saluti dalla Sardegna, terra di centenari che si nutrono abitualmente di latte, formaggi, agnelli e procceddu 🙂 mica come i fantomatici Hunza.

  80. Adrienne8588 27/10/2013 a 10:38 #

    Forse sarebbe il caso di aggiornarsi.
    http://www.youtube.com/watch?v=CZPO0HayO_c Questo documentario è tratto da uno studio trentennale, il The China Study per l’appunto.
    Sinceramente, dire *nel 2013* che le diete vegetariane non siano correttamente bilanciate, è pura eresia. Potevo capire negli anni ’50, ma ora no, mi spiace.
    L’American Dietetic Association dice l’esatto contrario e, dato che quando si prendono in mano argomenti di tipo scientifico, citare fonti e referenze è il minimo, non mi pare l’ultima arrivata in campo nutrizionale. Cordialmente.

    • Andrea Luchi 28/10/2013 a 14:24 #

      Forse sarebbe il caso di leggere i commenti precedenti. The China Study é stato ampiamente dimostrato essere uno studio fatto male come dimostra Denise Minger nei suoi lavori. I numeri non dimostrano quanto gli autori vogliono far creder. Quanto all’ADA ha una autorevolezza molto limitata schiava come é delle industrie alimentari quali Coca Cola che è uno dei suoi principali sponsor.

  81. Francesco 16/11/2013 a 21:28 #

    Io sono vegetariano. Non ho nulla contro chi mangia carne e non li attacco. Saranno pure fatti loro. Allo stesso modo non accetto critiche nei miei confronti per la mia scelta che essenzialmente è stata presa per due motivi:
    1 – ETICO. Come fate a gustare e provare piacere mentre fate a pezzetti (più di quanto non lo sia già) la vostra bistecca? Come fate a non aver alcun rimorso pensando a cosa sta dietro quello che arriva sulla vostra tavola? Gli animali vengono torturati, umiliati, rinchiusi e poi uccisi senza scrupoli. Vi evito tutte le varie fasi, ma basta benissimo fare una ricerca su youtube per capire di cosa parlo;
    2 – SALUTE. E’ ampiamente dimostrato che una dieta vegetariana (meglio ancora sarebbe vegana) è più salutare di una dieta che prevede carne. Se la mettiamo sul punto di vista temporale, potrei affermare che forse siamo giunti “tardi” a questa scelta perchè prima non eravamo abbastanza evoluti. La scienza oggi permette di raggiungere risultati che ovviamente i nostri antenati che cacciavano non potevano raggiungere ( a malapena parlavano).
    Unica carenza della dieta vegetariana è la vitamina b12. Ma la si può benissimo recuperare con l’assunzione di integratori o bevendo latte di soia addizionato di tale vitamina.

  82. edoardo 26/12/2013 a 20:02 #

    io veramente non capisco perchè lei Dottore si ostina tanto … La carne la si può tranquillamente mangiare , basta non esagerare e cuocerla bene e basare l’ alimentazione sulle verdure e la frutta ed è tutto ok . Ma per quale motivo e indispensabile ??? la carene cos’ e?? tessuto muscolare .. da cosa e fatta ? proteine , lipidi , pochissimi glucidi ..micronutrienti . Cosa c’ e nelle cellule muscolari di cosi indispensabile ???

  83. edoardo 03/01/2014 a 01:00 #

    le proteine sono abbondanti nel regno vegetale , i minerali e le vitamine anche , i grassi , la maggior parte mono e polinsaturi anche. Gli antinutrienti si eliminano con cottura e anche se ne rimangono come ho gia detto il nostro intestino se ne frega alla grande perchè aumenta la percentuale di assorbimento . La b12 va assunta come la assumono di sintesi anche gli animali che mangiamo . I precursori degli omega tre sono abbondanti nel regno vegetale e sono abbondanti anche le molecole da essi derivate come DHA ed EPA , poiche si trovano in grandi quantita e biodisponibili nelle alghe , che fino a prova contraria non sono animali ! Quindi la mia idea , basandomi sulle evidenze scientifiche e che si puo avere una sana alimentazione vegetariana e vegana se ben equilibrata ma anche una onnivora senza escludere nulla .L’ uomo e un animale che non ha un suo habitat vero e proprio , non armi x cacciare come i carnivori ma non ha nemmeno tutte le caratteristiche di erbivoro . siamo in grado di alimentarci come ci pare basta che qualunque scelta facciamo sia equilibrata . La frutta secca se consumata con regolarita previene molte malattie e non lo dico mala scienza . Perche dire di consumare frutta secca saltuariamente ? perchè dire che i legumi fanno male ? perche demonizzare la carne ? in nutrizione il grigio e la regola . Edoardo

    • Andrea Luchi 13/01/2014 a 12:33 #

      La scienza non dice nulla. Esistono studi di vario tipo che se fatti bene dimostrano a volte qualcosa. Concordo su quanto poco sappiamo di nutrizione.

  84. Anonimo 03/01/2014 a 04:45 #

    Salve dottor Luchi,
    le faccio notare che nella sua accattivante teoria tralascia alcuni dati non indifferenti, per ovvie ragioni di spazio non le elencherò tutte, ma solo alcune:
    Siamo primati, e in quanto tali, come tutti i primati, compresi i gorilla che arrivano a pesare 350 kg, il nostro corpo non è capace di gestire le proteine di origine animale, la nostra dentatura, le nostre mani, la struttura del nostro intestino sono fatti per nutrirsi di vegeali, e non per cacciare, uccidere, strappare le pelli e le carni degli animali, ed ingerirne pezzi interi; ricordiamoci che l’uomo non è nato con il coltello in mano, ne tantomeno con il tritacarne e la padella. Fisicamente abbiamo ben poco di simile con i veri predatori in natura, sia terrestri che acquatici che volatili, prendiamo ad esempio la capacità di apertura della bocca o la proporzione tra la calotta cranica e la mandibola, o il fiuto sviluppato e la vista notturna.. tutte cose che lo squalo, l’aquila e la tigre hanno, ma non l’uomo. Ci sarebbero molti altri aspetti fisiologici del corpo umano che sono incompatibili con quelli dei predatori e col nutrirsi di carne, ma non voglio dilungarmi.

    Vogliamo parlare dei famosi studi scentifici che dimostrerebbero che mangiare carne e latte è necessario e fa bene alla salute? bene: il più grande studio mai realizzato per dimostrare tale teoria, durato 40 anni, su migliaia di persone, definito dal New York Times « il Grand Prix dell’epidemiologia» condotto dal professor T. Colin Campbell, (che all’epoca, all’inizio del progetto partecipava alla realizzazione delle linee guida che indicavano le quantità e la tipologia di cibo che si deve assumere per stare bene) si chiama ” The China Study”, iniziato appunto per dimostrare i benefici della dieta carnivora, ma che alla fine dimostrò risultati tutt’altro che previsti: evidenziò come alcune popolazioni cinesi che consumavano pochissima carne e latte non soffrissero di molte patologie tipiche della dieta occidentale, compreso il cancro, ed al contrario in regioni vicine in cui per motivi socio-economico-culturali nel tempo si era adottata la dieta occidentale con elevato consumo di carne, latte e derivati, si riscontravano alte percentuali di suddette patologie. Non sto qui a descrivere l’intero studio, lo potete trovare tradotto anche in italiano, si chiama Progetto Cina. Linko anche uno dei tanti convegni in cui il professor Campbell ne illustra i risultati, è sottotitolato:

    Che ne pensa dottore?
    ringraziandola per il tempo concessomi, le porgo i miei saluti

    Giuseppe

    • Andrea Luchi 13/01/2014 a 12:32 #

      Il China Study é stato ampiamente demolito….storia vecchia.
      Quanto alle solite baggianate su primati, intestino, carne etc etc. consiglio l’ottimo libro The Story of the human body dove Lieberman antropologo ad Harvard spiega bene l’origine del nostro corpo e perché siamo come siamo.
      http://www.amazon.com/The-Story-Human-Body-Evolution/dp/0307379418

      • Paolo 17/01/2014 a 13:14 #

        Bene, speriamo che La Denise Minger di turno non demolisca anche le teorie contenute nel libro di Lieberman.
        Al momento esistono due importanti studi sui vegetariani: l’Epic Oxford (piu’ precisamente una sua parte) e il LOMA LINDA, entrambi prospettici.
        Resterei in attesa, visto che sono vegetariano non etico latto moderatissimo, per qualche studio prospettico sulla dieta paleolitica.

        Paolo

  85. I want to to thank you for this excellent read!!

    I certainly loved every little bit of it. I have you saved as a
    favorite to look at new stuff you post…

  86. tantononlometti 29/04/2014 a 22:36 #

    E’ vero: abboffarsi di derivati animali fa benissimo, non è vero che l’alimentazione veg diminuisce problemi come ipertensione, obesità, tumori all’apparato gastro enterico, problemi renali e al fegato!no..no!!..e tutti gli studi scientifici che lo dimostrano sono fuffa o sono stati finanziati da animalari o lobby del carciofo!Consiglio a chi ha scritto l’articolo di mangiare tanta tanta tanta tanta tanta tanta tanta tanta carne e formaggio… 😉

    • Luca 18/07/2014 a 09:33 #

      Sono d’accordo con te, la caseina anche a colazione! Mangia mangia il vitellino ricco di sani antibiotici e bevi il latte con il pus delle mammelle sfinite delle mucche, che ti fa bene, fa sangue”

  87. Machivipaga 12/06/2014 a 16:14 #

    La vitamina B12 la producono i batteri che vivono nel terreno. L’uomo di Neanderthal probabilmente la ricavava proprio dal terreno, cibandosi di radici sporche di terra. Oggi invece, visto che tutta la frutta e la verdura è praticamente sterilizzata prima di essere imbustata e finire nei supermercati, questi batteri naturali non ci sono più. Ecco perché oggi servono gli integratori di vitamina B12. Fine della storia. Tutti gli altri nutrienti invece, sono presenti in un’alimentazione vegetariana o vegana. Quindi, vitamina B12 a parte, non esistono nutrienti di origine animale che non siano presenti anche in quelli di origine vegetale. Nessuna carenza. Ci sono ormai più di 50 anni di studi *indipendenti* che dimostrano la validità di un’alimentazione vegetariana/vegana.

    • Scorpio 04/05/2015 a 13:48 #

      Non è sempre così io la b12 non la prendo, preferisco mangiare la mia insalata sporca di terra fare fitoalimurgia e integrare con un po’di alghe nori, anche se molti dicono che la b12 delle alghe non sia assimilabile molti recenti studi sulle alghe specialmente le nori stanno dimostrando il contrario, sembra che anche alcuni germogli ne contengano piccole quantità così come l’erba di grano, la cosa più importante è curare la digestione e l’assimilazione assumendo anche enzimi se necessario anche la flora batterica è importante e spesso noi la devastiamo con alimentazione errata, in quei casi è meglio ristabilirla con fermenti probiotici se necessario, evitiamo certe schifezze come soia seitan e caffeina.

      • Andrea Luchi 04/05/2015 a 13:55 #

        Ho cancellato l’altro suo commento offensivo.
        Onestamente mi sono rotto parecchio i cosiddetti a furia di ricevere offese da gente come lei.
        Si possono difendere le proprie idee senza bisogno di insultare.
        Non ho mai ricevuto tanti insulti irripetibili come per questo post da parte di una marea di vegetariani/vegani.
        Siete tra le persone più violente ed intolleranti che esistono su questo pianeta. Eviti di rispondere con ulteriori insulti perché la sua risposta verrà cestinata come la precedente.

      • manu 24/01/2016 a 11:05 #

        Le generalizzazioni sono SEMPRE sbagliate.
        Io SONO VEG e NON ho MAI insultato nessuno.
        Al contraro sono stata insultata e sbeffeggiata ma NON dico che tutti quelli che si abbuffano di carne e formaggi sono ignoranti e zotici, quindi NON generalizzi.
        Grazie
        p.s. Anche l’ OMS è piena di zootici veg che non capiscono niente?
        ;-))

  88. Machivipaga 12/06/2014 a 17:04 #

    Ah, si chiede come mai i vegetariani/vegani siano così aggressivi nei suoi confronti. Sarà perché si parla di salute? Sarà perché la gente muore a causa dei vari detrattori dell’alimentazione vegetariana/vegana? Quanto ai vari studi… esistono interi comparti dell’economia che “vivono di animali” e quindi sono costretti a finanziare ricerche di un certo tipo: aziende di allevamento, produttori di mangimi, produttori di latte, aziende latto-casearie, aziende peschiere, etc. E con i tumori come stiamo messi? Ecco: aziende farmaceutiche per gli antitumorali, aziende produttrici di strumentazione e apparecchiature per terapie antitumorali, aziende di ricerca sul cancro, ricercatori, oncologi, etc. Stesso discorso per tutto l’indotto collegato alle altre patologie (diabete, obesità, malattie coronariche, etc.). Medici, ricercatori, aziende. Parliamo di milioni e milioni di persone. Tutta gente che morirebbe di fame di colpo se tutti sapessero che carne e derivati sono la causa del 90% dei problemi di salute di oggi. Ecco perché non ci si evolve e si parla ancora dell’uomo di Neanderthal. Ecco perché tutto sommato conviene spendere milioni di euro/dollari per la salute.

    • John Doe 31/03/2016 a 08:35 #

      Eh si, poi sono gli onnivori quelli “schizzati”, intolleranti, con tendenze aggressive…
      Grottesco, come il nickname da complottista del fine settimana.

  89. Meph 29/06/2014 a 16:11 #

    >Ohibò, ma se la dieta vegetariana contiene tutto quello che ci serve perchè bisogna integrarla?

    Osservazione interessante: peccato che chiunque compri carne al supermercato faccia esattamente la stessa cosa, solo con un passaggio in più. Cito wikipedia:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Vitamina_B12_(diete_vegetariane)

    “Riguardo all’accusa di innaturalità, i fautori della dieta vegana sostengono che il problema va individuato nelle pratiche moderne cui sono soggetti i cibi vegetali[7][20][32]. In natura la vitamina B12 viene prodotta da microrganismi[15][33][34] e si accumula nel corpo dei mammiferi attraverso la catena alimentare[6]: mentre gli animali carnivori ottengono la B12 dal consumo dei tessuti animali, gli animali che si nutrono di vegetali ottengono questa vitamina principalmente dalla contaminazione microbica del cibo e dell’acqua e, in alcuni casi, in parte anche dalla sintesi dei batteri intestinali[35][14][5][36]. Nei paesi occidentali il consumo di acqua microbiologicamente pura, le moderne tecniche di agricoltura e le pratiche di lavaggio e di igiene cui sono sottoposti i cibi vegetali determinano una perdita consistente dei microrganismi produttori di B12 dalle fonti alimentari, tale da rendere necessario per gli animali erbivori che vivono in condizioni di cattività (come i primati rinchiusi nei laboratori di sperimentazione e gli animali allevati a scopo alimentare) l’integrazione con supplementi di vitamina B12[37][38][39] e, per gli stessi motivi, anche chi segue una dieta vegana deve assumere la vitamina B12 tramite integrazione[40]. I fautori del vegetalismo concludono pertanto che non è la dieta vegana ad essere innaturale, quanto lo stile di vita moderno dell’uomo in ogni suo aspetto, compreso quello del trattamento industriale del cibo.”

    Prima di accusare le diete degli altri di incompletezza, assicuriamoci di cosa stiamo ingerendo noi. Se poi lei mangia esclusivamente animali allevati dal contadino nella fattoria, la sua dieta è senza dubbio completa senza bisogno di integrazione: peccato che a livello di fabbisogno mondiale un sistema del genere non sia sostenibile, e l’onnivoro medio ha già di fatto bisogno di integrare la B12 tanto quanto il vegano (solo, con il costosissimo e ecologicamente dannoso passaggio in più dell’allevamento).

  90. Luca 18/07/2014 a 09:31 #

    Praticamente hai dato del deficiente a Veronesi…e praticamente hai detto che the China Study è una bufala. Bravo, ne riparliamo tra qualche anno, poi rideremo insieme leggendo questo articolo.

    • Alessandro 17/08/2014 a 00:36 #

      Veronesi non è immune da errori e il China Study è un libro che è stato smontato scientificamente da parecchi esperti.
      Io comunque l’ho letto integralmente per farmi una opinione personale e… mi è sembrato evidente che non di trattato scientifico si tratta, ma di pagine e pagine di pura propaganda vegetariana ammorbata da continui richiami a complotti planetari.
      Sarebbe più onesto intellettualmente dichiarare la propria scelta vegetariana per quello che è: una rispettabile scelta etica che nulla ha di scientifico.
      Siamo onnivori. Molto distanti sia da una mucca, sia da un leone.
      E’ perfettamente naturale mangiare carne.
      Studiate un poco di antropologia spicciola e vi renderete conto delle stupidaggini idiologiche che scrivete.
      Scusate debbo lasciarvi altrimenti mi si bruciano le braciole!
      Alessandro

      • Marina 11/05/2015 a 18:42 #

        Così naturale che abbiamo i denti da “ruminanti” e ci vengono gli infarti, hai mai sentito di un opossum o un leone morto per infarto?

  91. Paolo 27/07/2014 a 12:53 #

    http://www.gruppomacro.com/blog/posts/china-study-confronto-cercasi

    Tanto rumore contro il libro di Campbell, però alla prima occasione di confronto si svicola.
    Vedremo se qualcuno ci metterà la faccia. Campbell , seppur in vedoconferenza, ci sarà.

  92. Antonello Rabuffi 29/11/2014 a 01:46 #

    Ho letto con curiosità il suo articolo, che in parte condivido. Mi sorprende costantemente come le persone non siano in grado di analizzare dei numeri (a volte, tuttavia, non ci riescono nemmeno i ricercatori), pensando che l’analisi dati sia l’aritmetica delle elementari. Mi sorprende ancora di più il grado di accanimento di alcuni commenti che si fanno forti dell’etica e della sostenibilità, cose che sono totalmente distaccate dalla positività\negatività di un regime alimentare. Una dieta può far bene pur non avendo fondamenti etici e non essendo sostenibile.
    Mi dispiace che lei debba rispondere sovente agli stessi tipi di commenti, probabilmente dovuti ad utenti che non leggono cosa è stato scritto in precedenza. Evito di aggiungerne un altro in merito, visto che gli spunti di discussione sono già molti, ma volevo comunque complimentarmi con lei per la pazienza, a prescindere dal grado di condivisione che ho del suo articolo.

  93. Anonimo 20/12/2014 a 11:28 #

    Finalmente fonti scientifiche reali… e non la citazione di qualche articolo scritto da tale dei tali!

  94. Marco 05/03/2015 a 13:46 #

    Confermo quanto dice il Dott Luchi riguardo l’aggressività dei vegetariani, o meglio, più precisamente dei vegani. Essendo stato vegano ed avendo frequentato molti gruppi e community, ho notato che i vegani arrivano ad un livello di aggressività fuori dal comune. E’ proprio tipico.
    E’ recete uno studio che asserisce che 8 vegani su 10 abbandonano entro un anno proprio per problemi pscichici.
    Posso confermare che prima di passare alla Paleo, circa due anni fa, avevo seguita una dieta vegana per circa sette mesi. Da un lato posso dire di aver nettamente migliorato i miei valori ematici (colesterolo, trigliceridi e fegato), dall’altro di aver avuto effetti estremante negativi dal punto di vista psicologico. Ero sempre stanco, apatico e depresso, e si sa se uno non sta bene con se stesso diventa anche nervoso e aggressivo. Io lo ero diventato, anche con i miei figli.

    • Andrea Luchi 05/03/2015 a 14:15 #

      A volte sembrano proprio in missione per conto di Dio….😀

    • Antonio 11/06/2015 a 23:16 #

      Se una dieta viene fatta per obbligo o per scelta obbligata da qualche fattore esterno, chiaramente non si potrà mai stare bene con se stessi, ma in quel caso ciò che conta sono i numeri e cioè i suoi livelli che erano ovviamente tutti nella norma.
      Se si diventa vegetariani lo si fa innanzitutto per una questione morale e poi per gli evidenti vantaggi verso se stessi.
      Le assicuro che è da quando sono diventato vegetariano che sono veramente felice, esattamente al contrario di lei.
      Ma io ho deciso di diventare vegetariano con una scelta maturata interiormente in diversi anni.
      E’ tutta una questione di sensibilità.
      Comunque non sono mai stato aggressivo con nessuno sia prima che dopo la mia trasformazione in vegetariano, anzi devo dire che ora sono molto più sereno.

  95. Paola Castelli 09/03/2015 a 22:40 #

    Tutti parlano della propria salute,passa per la testa a qualcuno che certe scelte si possano fare per una questione etica?Fermo restando il fatto che molti medici,lo stesso Veronesi,vegetariano da sempre,affermano che la carne fa male,ma gli animali dove li mettiamo……loro sono esseri viventi esattamente come noi e come noi sentono e soffrono,costretti ad una vita d’inferno negli allevamenti intensivi,privati di tutto e usati,eattamente come fossero cose inanimate.Ma l’uomo pensa di avere il potere di vita o di morte,di poter abusare,violentare e torturare qualunque creatura a suo piacimento ed è talmente poco intelligente,che non si accorge che sta distruggendo anche se stesso.

  96. Giovanni 19/03/2015 a 20:25 #

    Per correttezza premetto che non condivido di Suo pensiero (per motivi vari e molto noiosi) ma ho letto con interesse il post e Le sarei grato, senza alcuna ombra di ironia, se approfondisse il rapporto di causa-effetto tra parkinson e omocisteina. Da quanto mi è dato sapere si tratta di un rapporto molto discusso in letteratura. Numerosi studi hanno mostrato come l’incremento dei livelli plasmatici di Omocisteina sia correlato al trattamento con L-dopa e non alla patologia di base. Lei sostiene che chi ha alti livelli di omocisteina nel sangue si ammala più facilmente di Parkinson, Alzheimer, demenza, depressione… e io penso a quell’episodio dei Simpson in cui Lisa, per spiegare con un esempio al padre Omer – notoriamente piuttosto tonto – cosa intende dire accusandolo di ragionare in modo capzioso, prende in mano un sasso, in pieno centro cittadino, e declama: “Questo sasso tiene lontane le tigri”. Omer : “Come fai a dirlo?”. Lisa: “Vedi tigri in giro?”. Omer: “Lisa… ti do due dollari per quel sasso!”

  97. Marina 11/05/2015 a 18:37 #

    Ah abbiamo carenza di ferro adesso .. e pensa che io ragazzo è vegano ed ha appena fatto le analisi del sangue, gli hanno fatto i COMPLIMENTI, suo papà invece (carnivoro convinto) è anemico, e mangia carne 2 volte al giorno, come lo spieghi?

  98. Antonio 09/06/2015 a 16:18 #

    Non mi va di perdere tempo a dimostrare la falsità delle affermazioni fatte perché è semplicissimo, se lo si vuole, informarsi sul web sulla nocività evidente della carne.
    Le popolazioni Indiane vegetariane hanno un’incidenza quasi nulla di tutti i tumori del tratto digerente e per quanto riguarda le malattie cardiovascolari potrebbero esserci altri fattori come il fumo di sigaretta che potrebbero annullare o sminuire i noti vantaggi sulla salute del sistema cardiocircolatorio di chi non mangia carne.
    Le indagini non vanno fatte per trovare un modo di giustificare con se stessi le scelte che fanno più comodo o che ci arrecano maggior piacere, ma per avvicinarsi seriamente la verità delle cose.
    Le motivazioni che dovrebbero portare una persona con un minimo di sensibilità ad impedirgli di concludere la sua vita da carnivoro sono molteplici e tutte di valore altissimo, innanzitutto morali e poi salutistici.
    Una persona che inizia a comprendere che l’uomo è un ‘primate’ e come tale non può assolutamente nutrirsi come tigri e leoni, pretendendo di vivere bene ed in salute.
    Una persona che inizia a comprendere che con tutte le pietanze squisite che esistono non ha molto senso causare la sofferenza atroce di milioni di povere creature che esattamente come noi sono il frutto del ‘miracolo della vita’ e meritano come noi di viverla al meglio.
    Una persona che inizia a comprendere che gli allevamenti di bestiame rappresentano un costo immenso che deve essere inutilmente sostenuto quando nel mondo ci sono bambini che muoiono di fame ogni giorno ed anche se solo una piccola parte dei soldi usati per gestire gli allevamenti venisse impiegata per sfamare le popolazioni più sfortunate, una quantità enorme di persone cesserebbe di morire ed ammalarsi.
    Una persona che inizia ad aprire gli occhi sulle evidenze scientifiche e comprende che essere vegetariani equivale a vivere di più e soprattutto più in salute, ma questo punto può anche essere tralasciato visto che anche chi smette di fumare sa bene di smettere di autodistruggersi, ma può sempre dire che il piacere della sigaretta per lui vale questo rischio e nessuno può criticare questa sua scelta.
    Un vegetariano è una persona che ha interiorizzato almeno in parte queste ed altre verità e finalmente adatta tutta la sua vita in modo da non entrare più in forte contraddizione con se stesso e con tutto il pianeta.
    Se si ha un minimo livello di sensibilità alle cose e non si conduce la vita solo per godere e fregarsene di tutto, non si può far finta di trascurare almeno uno dei precedenti punti.
    Con questa mia ultima affermazione non sto accusando tutti quelli che mangiano carne, intendiamoci.
    Certamente nella maggior parte di loro c’è la sensibilità ai problemi etici della carne, ma ancora non hanno trovato la forza di variare le proprie abitudini ormai fin troppo radicate nella nostra cultura o semplicemente non hanno ancora deciso di affrontare il problema seriamente come io stesso ho fatto per anni.
    E’ evidente dalla sua argomentazione, Dott. Luchi che lei ci tiene particolarmente a continuare a godere indefinitamente dei grandi piaceri che la carne fornisce al suo palato, ma la verità delle cose è leggermente diversa da quella che lei ha sommariamente descritto.
    Io stesso vado pazzo per la carne in tutte le sue forme, ma ad un certo punto della mia vita la mia sensibilità alle conseguenze di questo hanno fortunatamente preso il sopravvento ed oggi sono molto più sereno e felice.

  99. Antonio 10/06/2015 a 03:53 #

    L’uomo è un primate ed in quanto tale ha un tratto digerente troppo esteso per poter metabolizzare correttamente la carne che a causa di questo viene eliminata dopo circa 70 ore o più.
    Una tigre od un leone che hanno un tratto digerente da carnivori e quindi notevolmente più corto, la eliminano dopo molto meno, evitando tutti i prodotti della sua fermentazione che nell’uomo dovrebbero essere processati da reni e fegato che avrebbero un lavoro ben più elevato da sopportare nell’arco di una vita intera.
    La capacità dell’uomo di ottenere energia anche dalla carne va intesa come una capacità eccezionale che gli ha permesso di persistere come specie anche durante le grandi glaciazioni della storia del pianeta terra od ai periodi di carestia.
    Ma questo non va assolutamente confuso con il miglior modo di nutrirsi della specie umana che conserva caratteristiche fisiologiche che si avvicinano molto di più alle creature frugivore o vegetariane, come le scimmie con cui condividiamo la quasi totalità del dna.

  100. Anonimo 15/06/2015 a 13:28 #

    Sono diventato vegetariano non per una questione di salute, ma perché credo sia parte di un processo di evoluzione morale dell’essere umano.

    L’essere onnivoro ritengo sia una caratteristica evolutiva legata all’istinto di sopravvivenza, ma non necessariamente allo stato di salute. Anzi, secondo questa logica l’essere umano deve essersi certamente reso capace di sopravvivere anche disponendo solo di un sottoinsieme di cibi.

    Ad ogni modo…

    Facendo una (veloce, lo ammetto) ricerca, ho visto che gli elementi citati nell’articolo sono integrabili anche con cibi vegetariani.

    Mi chiedo: non è proprio possibile, con una dieta su misura, integrare tutti gli elementi che ci sono necessari senza dover per forza mangiare esseri viventi?

    Grazie per l’eventuale risposta.

    • Antonio 19/06/2015 a 02:49 #

      Posso rispondere con una certezza assoluta che la carne è totalmente rimpiazzabile dal punto di vista proteico e nutrizionale dai semi di soia.
      Il loro aspetto è simile alle lenticchie, solo un po più grandi di colore leggermente diverso, ma si cucinano allo stesso modo e permettono di ottenere anche la farina di soia con cui oggi vengono prodotte le fantastiche bistecche di soia che se sapute cucinare hanno la stessa consistenza della carne e sapore a mio avviso più delicato e gradevole.
      La mia esperienza è tra l’altro incredibilmente dimostrativa perché soffro di emorroidi in modo congenito ed anche mio padre ne soffre da sempre pur mangiando carne, ma solo quando per puro caso ho iniziato a mangiare i semi di soia ho smesso di soffrire completamente di questo problema che un paio di anni fa mi aveva ridotto a quasi un cadavere per la perdita quotidiana di grosse quantità di sangue.
      Tutt’ora se mi capita di non mangiarne per più di 2-3 giorni subito mi ritorna il problema anche se in modo più blando visto che ormai la cicatrizzazione è correttamente avvenuta grazie alle proteine di valore biologico elevatissimo della soia.
      Può quindi starne certo: con la soia si può totalmente abolire la carne in tutte le sue forme, fornendo tutte le proteine necessarie per la sintesi corretta dei nostri tessuti ed evitando tutta la miriade di problemi letali che la carne porta con se per i motivi ormai noti e fuori discussione.

  101. Antonio 19/06/2015 a 02:29 #

    La Verità è già scritta nei comportamenti innati di tutte le creature del pianeta terra: se si osservano i cuccioli di tigri, leoni e tutti i predatori, già nel loro modo di giocare è evidente un vero e proprio addestramento continuo che si protrae come modo di giocare fino all’età adulta;
    osservando i bambini mentre giocano non si nota alcuna forma di apprendistato per la dominazione o per la lotta, ma solo una unica tendenza ad analizzare con curiosità i vari oggetti, mettendoli in bocca in modo decisamente aggraziato ed interessato, qualità tipiche di una creatura evoluzionisticamente superiore per capacità e comportamenti.
    Io stesso, mi hanno raccontato i miei genitori, da bambino piccolissimo dell’età di 1 anno e mezzo, ho assistito per caso alla macellazione di una povera capretta e sono scoppiato a piangere terrorizzato e certamente qualcosa di simile avrebbero fatto tutti gli altri bambini di quella età.
    Un cucciolo di tigre probabilmente si sarebbe lanciato entusiasta dell’accaduto ed attratto dall’odore del sangue avrebbe fatto di tutto per poter cercare di arrivare al corpo della capretta.
    Questo è il modo più astratto possibile per approcciarsi al problema tanto dibattuto della predisposizione nutrizionale dell’uomo: analizzare la creatura umana fin da piccolissima, quando era ancora priva di qualsiasi influsso esterno che potesse in qualche modo condizionare la propria alimentazione oltre che i propri comportamenti.
    Ciò che pensiamo noi adulti ha poca importanza perché siamo il frutto di condizionamenti fortissimi che hanno caratterizzato tutta la nostra vita passata e che sono direttamente collegati all’appartenenza culturale, alla casualità ed agli usi delle persone che ci hanno cresciuto e formato.
    Basta analizzare con ‘lucida mente’, senza preconcetti e stupide convinzioni, il comportamento dei cuccioli delle creature carnivore per accorgersi in modo immediato e senza alcuna possibilità di equivoco che quella è una forma di vita concepita per lottare, predare ed uccidere nel modo più rapido ed efficace possibile.
    Non come fa una parte(fortunatamente) del genere umano che dopo aver scoperto che la carne è buonissima ha iniziato a segregare e torturare in modo lento e crudele milioni di povere creature che esattamente come noi si sono ritrovate nella strana rete della vita, con l’unica sfortuna di condividere con l’uomo questa meravigliosa realtà.
    Una realtà così bella ed affascinante che già solo per questo meriterebbe di essere vissuta con grazia, eleganza e massimo rispetto per l’incredibile ‘miracolo della vita’.

    • Andrea Nicola Battiato 03/07/2015 a 00:36 #

      Antonio, è ovvio e indiscutibilmente corretto quello che hai scritto.
      Gli assunti di questi presunti medici carnivori sono chiaramente frutto (come ha il coraggio di dirlo a 90 anni il dott. Veronesi) di sovvenzionamenti e regali da parte della potentissima industria alimentar-farmaceutica.
      Che si vergognino!!!

  102. daniele 19/08/2015 a 00:14 #

    Sono stato vegetariano in modo un po’ sconfusionato all’età di 16 anni per circa un anno e mezzo dopo di chè ci ho ragionato un po’ su e ho ricominciato a mangiare carne fino ad arrivare ai 30 che inconsapevolmente quasi praticavo la dieta paleo(scoperta oggi per caso) cosi come la dice il dottor Luchi:avevo eliminato latte pane pasta mangiavo riso condito con burro e parmigiano,solo carne bovina allevata dalla mia famiglia,uova tanta verdura e frutta,oggi a 34 anni è un anno che sono nuovamente vegetariano per scelta etica (mio figlio a 4 anni ha fatto il collegamento carne=animale morto)ma non sono del tutto sicuro di apportare tutti i nutrimenti necessari al mio corpo e soprattutto a quello di mio figlio di 5 anni.Accetto consigli.

    Personalmente credo che per una persona che adotta un regime alimentare onnivoro la dieta paleo sia la migliore se si adopera carne di cui si sa la provenienza però penso che se tutti dovessimo addottarla la popolazione umana dovrebbe essere ridotta almeno del 60%.

  103. simona12 29/08/2015 a 15:02 #

    Tutte cazzate. W i vegetariani!♡

  104. bon 03/09/2015 a 15:52 #

    Mi scusi io non sono vegetariano,ma so che sarebbe giusto esserlo.Più studi hanno dimostrato che chi elimina la carne dalla propria alimentazione ha maggiori probabilità di invecchiare meglio e vivere più a lungo oltre ad aVERE meno probabilità di ammalarsi di c ancro e di avere problemi cardiaci…la carne contiene grassi saturi che fanno male al fisico.è dimostrato.ci sarebbero meno malattie se fossimo vegetariani

  105. Beatrice 25/11/2015 a 19:15 #

    Gentile dottore,
    complimenti! Finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire le cose come stanno.
    Io sono un’onnivora convinta, anche se mangio poca carne.
    E’ sia bello per il gusto che soprattutto per la salute variare alimentazione e chi non lo fa, deve sublimare rovinandosi la vita (es. fumando moltissimo) ed essendo sempre nervoso, aggressivo, se non fuori di testa (meno male che è la carne!).
    Sono i vegetariani e vegani che tanto temono cospirazioni a comportarsi quasi sempre come una setta e a manipolare le informazioni, specie su Internet.
    Io ragiono con la mia testa. Per un breve periodo non ho mangiato carne e mi sentivo sempre debole e incapace di ragionare. Tutto sta nell’equilibrio!

    Beatrice

  106. Lina 19/01/2016 a 19:47 #

    Certo le migliaia di morti ogni anno in aumento con il consumo di carne chissà perché sono tutti carnivori….

    • Lazza 21/01/2016 a 19:43 #

      La popolazione mondiale aumenta ogni anno, di conseguenza anche i decessi, è ovvio. I vegetariani e i vegani non sono immortali, anch’essi muoiono di vecchiaia.

  107. Fio Mirti 28/01/2016 a 11:51 #

    Semplcemente grandioso Doc!!! E vorrei dire alle persone vegetariane (con affetto) che se un tot di persone stanno benissimo mangiando vegan è solo perchè il loro organismo è forte di natura. Ma i fatti parlano chiaro: molte patologie si curano con la paleo e non con la vegan dieta. E questo è un FATTO. Qui stiamo parlando di SALUTE e non di etica o di persone sanissime che starebbero bene anche mangiando foglie e fiori. Firmato una ex vegetariana che ci stava rimettendo le penne.

  108. noideanoname 24/02/2016 a 13:41 #

    Signor nutrizionista, la sua disonestà intellettuale e la logica fallace che usa sono allarmanti. Pensa forse che chi legge queste cose non sia in grado di informarsi di più al riguardo così da scoprire che molte cose che lei scirve qui sono false? “Mi spiegate perchè madre natura ci ha creati vegetariani e non ci fa “funzionare” senza la Vit B12 che si trova solo nella carne?” Si trova solo nella carne? Ah si? E nel latte e nelle uova no? Glielo devo dire io che studio filosofia e non ho una laurea in medicina? Sono sicuro che non è ignorante di questo fatto, ma sono anche certo che la sua disonestà intellettuale l’ha portato a falsificare con tali parole dei dati empirici. Per quanto riguarda invece la logica fallace che poi è sempre correlata ad una falsificazione di dati un esempio ecclatante è la relazione che traccia tra il vegetarianismo degli indiani e il CHD. Ma lo sa che la popolazione indiana è al 39simo posto nel mondo per quanto riguarda le morti causate dal CHD? Prima dell’India ci sono altri 38 stati di cui la stragrande maggioranza della popolazione non segue una dieta vegetariana. Una totale ignoranza dei dati empirici dimostra una tendenza a servire la propria ideologia piegando così la realtà ad essa. Lei dovrebbe essere un nutrizionista che fornisce dati veri e non un apolegeta della carne.

  109. noideanoname 25/02/2016 a 16:58 #

    Il CHD poi è collegato al consumo di carni processate, ma questo non lo menziona vero? Va bene signor nutrizionista, continui a fare il suo lavoro…

    • John Doe 31/03/2016 a 08:37 #

      Pensa a studiare Filosofia, e lascia la medicina e le scienze a chi ne capisce, piuttosto. Da quando c’è internet… tutti esperti da blog sono diventati.

  110. John Doe 31/03/2016 a 08:14 #

    Curioso notare come i vegani credano di saperne più di un medico! Curioso notare come siano tutti esperti nutrizionisti…
    Curioso leggere come nessuno di loro (ma guarda un po’!) ricorra agli integratori (a parole…)…
    Curioso constatare, ogni volta, come siano davvero convinti che l’incidenza di certe patologie sia riconducibile esclusivamente al consumo di carne e prodotti derivati dagli animali…
    Curioso constatare quanto siano scarsamente informati in materia (per non dire ignoranti), dal momento che si informano solo ed esclusivamente tramite siti/blog/libri pro-veganesimo…
    Curioso notare come siano così propensi all’offesa, anche nei confronti di gente ben più qualificata di loro nel valutare certe questioni, ma si ostinino ad attribuire comportamenti intrinsecamente più violenti a chi consuma carne e prodotti animali derivati.
    Curioso notare come aspiranti laureati in filosofia si sentano in dovere di riprendere un medico con anni di esperienza su dati epidemiologici, fonti vitaminiche, ecc….
    Curioso notare come ci sia ancora chi crede che i denti umani siano denti da “ruminanti” perché diversi da quelli di tigri, leoni, ed altri predatori carnivori (basterebbe leggere un pochino per capire come mai è accaduto questo, invece di scriver fesserie!)…
    Per fortuna il dottor Luchi possiede la cultura e l’intelligenza per ridere delle offese di certa gentaglia, che inevitabilmente finisce per dimostrarsi ben più aggressiva ed esagitata di coloro che vorrebbero continuamente far passare come individui “insani” e “problematici”.
    Magari, chi lo sa, tanta frustrazione da parte dei vegani è uno degli effetti collaterali legati a questo bizzarro ed auto-imposto stile di vita?
    Di sicuro non lo ammetteranno mai, ci mancherebbe!
    Ad ogni modo, ogni loro post, ovunque lo si legga, non fa che confermare la loro auto-referenzialità e la mancanza di vere e solide basi medico-scientifiche per poter trattare con competenza certi argomenti senza esser costretti a generalizzare o ad interpretare, secondo comodo, i dati epidemiologici e statistici relativi alle patologie, che comunque colpiscono sia i vegani che i “criminali” onnivori.
    La mancanza di scientificità nelle proprie affermazioni, così come il continuo citare fonti di comodo e studi spesso ampiamente smentiti dalla comunità scientifica, relegano i vegani nello stesso, risibile, gruppo dei complottisti da strapazzo. Stesse argomentazioni, stesso modo di ragionare, stesse contraddizioni.
    Il mondo è bello perché vario. Amen.

  111. Anonimo 04/04/2016 a 11:53 #

    vabbè dopo la frase “Mi spiegate perchè madre natura ci ha creati vegetariani e non ci fa “funzionare” senza la Vit B12 che si trova solo nella carne” ho smesso di leggere

    • Lazza 30/04/2016 a 17:26 #

      Eh, è brutto non avere risposta a una domanda così semplice vero? 😀

  112. Mauw 15/09/2016 a 22:13 #

    Hai fatto mala informazione! Hai totalmente confuso il vegetariano (che mangia uova e latticini, dai cui ottiene tutta la B12 , ferro emo, zinco, omega3, proteine, etc. Che necessita) con i vegani (tutta un’altra dieta oltre che un differente stile di vita nel vestire, etc.). Manca totalmente il motivo principale del non mangiar carne: il motivo etico. Mangiare carne fá male per l’attuale qualitá della carne, niente a che vedere con la carne selvatica e cacciata 1000 anni fá. Il paragone é quindi totalmente fuori luogo. Igualmente mangiare tofu (a Cesare quel che é di Cesare) crea lo stesso danno ambientale del mangiare un kilo di carne di vacca (questo i vegani non lo dicono), ma questa é un’altra storia…

  113. Marta 18/11/2016 a 13:11 #

    A mio parere la carne nella vita alimentare dell’uomo è veramente importante, o almeno nella mia vita lo è. Però è anche fondamentale scegliere la carne giusta. Io ho trovato benefici solo nella carne Grass Fed poichè si tratta di allevamenti dove gli animal si nutrono di sola erba per tutta la loro vita. Proprio come nell’allevamento di Marco e Elisa http://www.marcoelisastore.it/, io mi rifornisco da loro perchè si sente la qualità e la differenza nei loro prodotti che sono più sani per noi.

  114. Anonimo 15/01/2017 a 10:49 #

    Lei è un pazzo!!! Ha preso un testo della EPIC ha tolto e aggiunto 4 idiozie e ha scritto questo articolo, che se fosse uno scherzo sarebbe di cattivo gusto. Ora non entriamo in discorsi estremi vegani, ma credo sia l’unico medico al mondo a sostenere una paleodieta… Si sa da sempre che alla base di una dieta sana ci sono frutta e verdura poi cereali integrali e x ultimo pesce e carne in quantità molto ridotte… Noi ne consumiamo troppi. Non so cosa vuole ottenere con questo articolo ma dovrebbe essere radiato… Vuole tutte le persone che l’ascoltano malate di cancro????

    • Andrea Luchi 15/01/2017 a 11:19 #

      Io sono sicuramente pazzo, ma mi firmo nome e cognome. Lei come si chiama? O preferisce nascondersi dietro l’anonimato? Le abbiamo un paio di palle per firmarci nome e cognome?

      • Francesco Amormino 16/01/2017 a 14:24 #

        Anche la democrazia è un sistema politico e di governance decisamente nuovo rispetto alle dittature e ai vari sistemi di sottomissione delle masse esistenti da sempre.

        Firmato

        Francesco Amormino

Trackbacks/Pingbacks

  1. Essere vegan - Pagina 94 - 01/12/2012

    […] […]

  2. Vegetariano? (No, grazie!) | Matteo Rossini - 11/05/2014

    […] See on Scoop.it – The Matteo Rossini PostIl vegetarianismo è una pratica, dal punto di vista evolutivo, molto recente, essendo in uso da non più di 600 anni prima di Cristo. Non esistono popolazioni di cacciatori-raccoglitori (popolazioni…See on sanipersempre.com […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: